Casa Frisia (via Guido d'Arezzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Casa Frisia
Casa Frisia (via Guido d'Arezzo) 5.jpg
Veduta di Casa Frisia
Localizzazione
StatoItalia Italia
LocalitàMilano
Indirizzovia Guido d'Arezzo, 5
Coordinate45°28′05″N 9°09′47.3″E / 45.468056°N 9.163139°E45.468056; 9.163139Coordinate: 45°28′05″N 9°09′47.3″E / 45.468056°N 9.163139°E45.468056; 9.163139
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1920-1922
Realizzazione
ArchitettoEdmondo Cattò

La Casa Frisia, conosciuta anche come Casa delle Lumache o Casa delle Aragoste, è un edificio storico di Milano situato in via Guido d'Arezzo n. 5.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo venne eretto tra il 1920 e il 1922 secondo i progetti dell'architetto Edmondo Cattò (1891 – 1947),[1] già collaboratore del Sommaruga e dell'ingegnere A. Cavezzali.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio, che occupa un lotto d'angolo, si erge per quattro piani fuori terra più un piano rialzato. Il bovindo a base triangolare che si eleva in corrispondenza dell'ingresso e la torretta angolare a base ottagonale forniscono slancio verticale all'edificio.[2][3]

Il palazzo, che presenta uno stile tardo liberty, è contraddistinto da originali decorazioni in cemento a tema floreale e animale della facciata; in particolare soggetti ricorrenti sono lumache e aragoste, da cui i soprannomi con cui è conosciuta la casa. Il grande cornicione è retto da mensole ornate da una decorazione floreale che parte dai balconcini dell'ultimo livello.[2]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Edmondo Cattò | Art Nouveau World, su art.nouveau.world. URL consultato il 19 settembre 2020.
  2. ^ a b c Milano | Pagàno - Quella meraviglia della Casa delle Lumache, su Urbanfile Blog, 24 febbraio 2018. URL consultato il 19 settembre 2020.
  3. ^ Alla scoperta del Liberty di Milano, dall’Acquario agli edifici storici, su Milanodabere.it, 27 giugno 2018. URL consultato il 19 settembre 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]