Francesco Maria Richini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«L'opera del Ricchino non fu mai studiata adeguatamente, ma sembra che quando un giorno si potrà redigere un bilancio, il premio per essere stato il più fantasioso e il più dotato architetto italiano dell'inizio del Seicento andrà al Ricchino piuttosto che al Maderno»

(Rudolf Wittkower[1])
Ritratto di Francesco Maria Richini affrescato a Villa Frisiani Mereghetti a Corbetta da Giovanni Stefano Danedi detto "il Montalto".
Il cortile di Brera

Francesco Maria Richini (o Ricchino, o Ricchini o anche Righini) (Milano, 9 febbraio 1584Milano, 24 aprile 1658) è stato un architetto italiano.

Capomastro del Duomo di Milano dall'anno 1605 e autore di numerose chiese e edifici in tutta la provincia di Milano, fu il più notevole esponente di una dinastia di ingegneri e architetti milanesi, iniziata dal padre Bernardo (1549 circa - 1639) e conclusasi alla fine del Settecento con un tardo pronipote.[2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il Richini compì la sua educazione artistica a Roma, portando a Milano il gusto e la cultura barocca romana, fastosa, esuberante e scenografica, temperata dall'influenza palladiana e dal classicismo milanese del tardo Cinquecento[1]. Con la chiesa di San Giuseppe, sua prima opera affidatagli, determinò il superamento del manierismo accademico in voga in Lombardia fino ad allora e combinò due moduli a pianta centrale greca a formare una pianta longitudinale, creando un modello tra i più ripresi nei successivi secoli[3].

Autore di una produzione architettonica vastissima, per la maggior parte andata perduta, tra le sue opere in campo civile ci sono il cortile e la facciata della Ca' Granda, il palazzo di Brera e il suo cortile con archi su doppie colonne, e il Collegio Elvetico, tra i primi edifici barocchi a presentare una facciata concava. Fu tra i maggiori architetti del primo barocco italiano e sicuramente il più influente e celebre del Seicento lombardo e per trovare un'altra figura di tale spessore sulla scena lombarda, si dovrà attendere l'arrivo del Piermarini[4].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Produzione civile[modifica | modifica wikitesto]

Cortile di palazzo Annoni

Produzione religiosa[modifica | modifica wikitesto]

Facciata della chiesa di San Giuseppe
Facciata del Santuario di Sant'Invenzio

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Wittkower, p. 200.
  2. ^ Richini, Francesco Maria, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  3. ^ Wittkower, p. 201
  4. ^ Wittkower, p. 203
  5. ^ Milano, chiesa di Santa Maria di Loreto.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rudolf Wittkower, Arte e architettura in Italia. 1600-1750, Torino, Einaudi, 1993, ISBN 88-06-13241-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN37712450 · ISNI (EN0000 0001 2128 5314 · LCCN (ENn87898911 · GND (DE118788647 · BNF (FRcb16205572s (data) · CERL cnp01404619
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie