Giuseppe Sommaruga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Sommaruga

Giuseppe Sommaruga (Milano, 186727 marzo 1917) è stato un architetto italiano, considerato uno dei massimi esponenti del Liberty italiano.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Milano da Giacomo Sommaruga, decoratore e da Elisa Biffi.

Villa Faccanoni a Milano (1911-1913). Foto di Paolo Monti.

Allievo all'Accademia di Belle Arti di Brera di Camillo Boito, si mise in luce con il primo premio al concorso internazionale di architettura di Torino nel 1890. Era già un professionista affermato: in quegli anni aveva progettato l'ossario di Palestro ed alcuni edifici ad uso abitativo a Milano. Ma con la realizzazione del palazzo Castiglioni[2] nel 1901-1903 divenne la personalità di maggior spicco del liberty milanese. Sommaruga fu l'unico degli architetti italiani di linea modernista a creare uno stile proprio e personale[senza fonte], vigorosamente plastico ma interessato anche a criteri di funzionalità.

Per la grande Esposizione Internazionale del Sempione di Milano del 1906 il Sommaruga disegnò i giardini della piazza d'Armi e la grande fontana che li ornava.

Sommaruga sembra aver influenzato la formazione di Antonio Sant'Elia[3]; infatti molti elementi dinamici del futurismo furono anticipati nel Grand Hotel Campo dei Fiori di Varese[4], mentre il Mausoleo Faccanoni nel cimitero di Sarnico[5] del 1907 pare aver ispirato l'architetto futurista per il progetto del 1912 per il cimitero di Monza.

Giuseppe Sommaruga riposa al Cimitero Monumentale di Milano[6].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Tra le sue opere più significative:

  • Palazzo Castiglioni, Milano (1900-1903)[2]
  • Palazzina Salmoiraghi, Milano (1906)
  • Le tre ville Faccanoni a Sarnico: villa Giuseppe Faccanoni, quella di Pietro e quella di Luigi.
  • Mausoleo Faccanoni, Sarnico (1907)
  • Villa Achille Comi, Milano. Demolita.
  • Villa Romeo-Faccanoni (ora clinica Columbus), Milano (1911-1913)
  • Villa Niesi, Marchirolo (VA) (1909)
  • Palace Hotel, Varese
  • Grand Hotel Campo dei Fiori ora Hotel Tre Croci, con stazione d'arrivo della funicolare e il Ristorante Belvedere, chiusi dal 1960 circa.
  • Tomba della Famiglia Biffi, nel cimitero di Galliano, nel comune di Eupilio (Como).
  • Casa Broggi (1891) di Luigi Broggi e Giuseppe Sommaruga in Via Meravigli 2 ang. piazza Cordusio ang. via Dante, 20123 Milano
  • Casa Cirla (1895) Arch. Giuseppe Sommaruga in corso e ripa Ticinese, 55, 20143 Milano
  • Casa Cirla (1903) Arch. Giuseppe Sommaruga in via Angelo Fumagalli, 1 e 3 ang. Ripa di Porta Ticinese, 20143 Milano
  • Casa Piccinelli (1909) Arch. Giuseppe Sommaruga in via Archimede, 41 ang. via Pietro Calvi, 20129 Milano
  • Edificio (1906) di Attilio Volpi (con il benestare dell’Arch. Sommaruga) in via Francesco Petrarca 22 e 22a, 20154 Milano
  • Palazzo Cirla (1908) di Giuseppe Sommaruga in corso Cristoforo Colombo, 10, 20144 Milano
  • Casa Sommaruga (1908-1909) di Giuseppe Sommaruga in via Lanzone, 29 e 31, 20123 Milano

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Sommaruga, in Enciclopedia Treccani
  2. ^ a b Andrea Speziali, Italian Liberty. Il sogno europeo della grande bellezza, Forlì, Cartacanta, 2016, ISBN 978-88-96629-74-1.
  3. ^ Kenneth Frampton, Storia dell'architettura moderna, Zanichelli, 1982 (IV ed. 2008), pp.91-92.
  4. ^ Il progetto di recupero dell'edificio, su italialiberty.it.
  5. ^ Itinerario Liberty a Sarnico, su italialiberty.it.
  6. ^ Comune di Milano, in App di ricerca defunti Not 2 4get.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sommaruga Giuseppe, L'architettura di Giuseppe Sommaruga / prefazione di Ugo Monneret de Villard. - Milano: Preiss & Bestetti, [19..?]. (versione digitale).
  • Tentori F., Contributo alla storiografia di G. Sommaruga, in "Casabella", n. 217, Milano 1957.
  • Cattò E., Mariani Travi L., Immagini di Sommaruga, in "L'architettura - cronache e storia", nn. 143-47 (settembre-gennaio), Roma 1967-68.
  • Bairati Eleonora, Riva Daniele, Giuseppe Sommaruga, un protagonista del Liberty italiano, catalogo della mostra, Mazzotta, Milano 1982.
  • Andrea Speziali (a cura di), Italian Liberty. Una nuova stagione dell'Art Nouveau, Cartacanta, Forlì 2015.
  • Andrea Speziali (a cura di), Italian Liberty. Il sogno europeo della grande bellezza, Cartacanta, Forlì 2017.
  • Andrea Speziali (a cura di), Giuseppe Sommaruga (1867-1917). Un protagonista del Liberty, Cartacanta, Forlì 2017.
  • Melano, Oscar Pedro. Milano Liberty: In five languages: Italian, French, English, German, Spanish (Itinerari e città) (Italian Edition) . Ugo Mursia Editore. Edizione del Kindle

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN20893846 · ISNI (EN0000 0000 6686 2472 · LCCN (ENn83197268 · GND (DE134115074 · BNF (FRcb177423892 (data) · ULAN (EN500017450 · WorldCat Identities (ENlccn-n83197268