Mausoleo Faccanoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°40′18.28″N 9°57′19.13″E / 45.671745°N 9.955314°E45.671745; 9.955314 Il mausoleo Faccanoni di Sarnico è un monumento in stile Liberty eretto nel 1907 dalla famiglia Faccanoni come tomba di famiglia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il mausoleo Faccanoni venne costruito a Sarnico dall'architetto Giuseppe Sommaruga su ordine della famiglia Faccanoni nel 1907, è un esempio di un monumento in stile liberty ed è considerato uno delle massime opere del Sommaruga.

Costruito con pietre tipiche del luogo lavorate, trattate e assemblate in maniera da donare alla struttura un senso di movimento e potenza, l'opera conferisce al cimitero di Sarnico il suo suggestivo sfondo imponente. Nicoletti definisce quest'opera dal "... fascino sinistro (...) apparentemente ispirato alle piramidi Maya".[1]

Si racconta che nel periodo della sua realizzazione, la famiglia Faccanoni non godesse del diritto di sepoltura all'interno del cimitero comunale [2] a causa di una forte controversia con la prevostura di quei tempi, il mausoleo venne costruito inizialmente all'esterno del perimetro cimiteriale, in posizione chiaramente predominante. Non vi sono molti simboli sacri: si notano due croci nel bassorilievo in alto, nascoste da putti e un'altra croce sul cancello in ferro battuto all'ingresso della cripta. Ricorda un monumento laico, quasi pagano. Successivamente, dopo i Patti Lateranensi del 1929, il mausoleo venne inglobato nell'attuale perimetro della struttura cimiteriale.

Il mausoleo tuttora è in discrete condizioni, anche se porta i segni del tempo specie sulle due scalinate in arenaria di Sarnico, salendo per la scalinata destra, circa a metà, si può ancora notare la firma con data dell'architetto Giuseppe Sommaruga.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ M. Nicoletti, "L'Architettura liberty in Italia"
  2. ^ Sostenuto dal Gruppo Guide turistiche volontarie di Sarnico

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il liberty a Sarnico di Isa de Luca e Giuseppe M. Tobias Faccanoni