Palazzo Civita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Civita
Milano - palazzo Civita - facciata.JPG
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLombardia
LocalitàMilano
Indirizzopiazza Eleonora Duse 2
Coordinate45°28′16.32″N 9°12′13.98″E / 45.471199°N 9.203882°E45.471199; 9.203882Coordinate: 45°28′16.32″N 9°12′13.98″E / 45.471199°N 9.203882°E45.471199; 9.203882
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1933-1934
Usoresidenziale
Realizzazione
ArchitettoGigiotti Zanini

Il Palazzo Civita è un edificio residenziale multipiano sito in piazza Eleonora Duse a Milano, adibito ad appartamenti signorili. Sorge in una delle zone più prestigiose del centro cittadino, a poca distanza da corso Venezia, nei pressi dei Giardini pubblici.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo venne eretto dal 1933 al 1934 nell'ambito di un piano di lottizzazione dell'area ad est di corso Venezia, articolato intorno alla nuova piazza Duse. Il nome deriva dalla famiglia che lo fece costruire: il terreno era di proprieta' dell'imprenditore Carlo Civita, padre di Cesare e Vittorio Civita (noti editori in Sud America).[senza fonte]

Il progetto dell'edificio fu elaborato da Luigi Gigiotti Zanini, di formazione pittore, membro del gruppo artistico del "Novecento", e cognato dei Civita.[senza fonte]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio si sviluppa su 8 piani fuori terra e presenta rivestimenti in ceppo, travertino e pietra del Caradosso[1] e prospetta sulla piazza Duse, con due ali minori lungo le vie laterali, che contornano un cortile interno.

Il disegno della facciata è studiato secondo schemi lineari, che individuano aree geometriche differenziate cromaticamente e in parte plasticamente; tale stile compositivo deriva dalla formazione pittorica di Zanini, e conduce ad un risultato che alcuni critici hanno paragonato alla casa sul Michaelerplatz di Vienna, progettata da Adolf Loos.

La decorazione si basa su elementi classici disposti con sobrietà e misura, coerentemente con lo stile novecentista proprio dell'autore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ D. Garnerone, Palazzo Civita, su Lombardia Beni Culturali, http://www.lombardiabeniculturali.it, 2007.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Annegret Burg, Novecento milanese, Milano, Federico Motta Editore, 1991, pp. 164-165, ISBN 88-7179-025-1.
  • Cesare Civita, La mia vita, Milano, Mondadori, 1987, pp. 94-98, ISBN non esistente, SBN IT\ICCU\LO1\1737677.
  • Maurizio Grandi e Attilio Pracchi, Milano. Guida all'architettura moderna, Bologna, Zanichelli, 1998 [1980], p. 159, ISBN 88-08-05210-9.
  • Giuliana Gramigna e Sergio Mazza, Milano. Un secolo di architettura milanese dal Cordusio alla Bicocca, Milano, Hoepli, 2001, pp. 148, ISBN 88-203-2913-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]