Palazzo del Banco di Roma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzo del Banco di Roma
Palazzo del Banco di Roma di Milano (1946).jpg
Il palazzo nel 1946, in restauro dopo i danni subiti dai bombardamenti
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
LocalitàMilano
IndirizzoPiazza Tommaso Edison
Coordinate45°27′51.34″N 9°11′03.81″E / 45.464262°N 9.184392°E45.464262; 9.184392Coordinate: 45°27′51.34″N 9°11′03.81″E / 45.464262°N 9.184392°E45.464262; 9.184392
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1939-1940
Inaugurazione1941
StileLittorio
UsoUffici
Realizzazione
ArchitettoCesare Scoccimarro
AppaltatoreBanco di Roma
Proprietario storicoBanco di Roma

Il palazzo del Banco di Roma è un edificio in stile littorio progettato dall'architetto udinese Cesare Scoccimarro (1897-1953) e realizzato fra il 1939 e il 1940.[1] Sorge a Milano nella centrale piazza Tommaso Edison, occupando interamente il lotto a forma di spicchio ricavato fra la piazza Edison su cui il palazzo si affaccia e le laterali vie Bocchetto e della Posta.

La facciata del palazzo funge da quinta della piazza, che fu ricavata alla fine del XIX secolo con gli sventramenti dell'area ex demaniale del convento del Bocchetto per essere poi popolata da una serie di edifici istituzionali del nuovo quartiere degli Affari che si sviluppò intorno alla vicina piazza degli Affari. Il lotto a spicchio, molto rastremato verso la piazza Edison, risultava di difficile soluzione architettonica che venne risolta dall'architetto Scoccimarro mediante il disegno di un torrione a facciata concava prospettante la piazza. Il palazzo del Banco di Roma occupa lo spazio su cui sorgeva l'edificio in stile Liberty costruito nel 1905 e conosciuto come casa Lancia che l'architetto milanese Manfredini (1869-1920) aveva edificato a forma di sperone. L'edificio, che dal 1907 divenne la sede della Banca Jarach, venne demolito nel 1939.

Immagine che evidenzia la curvatura concava della facciata

Sulla facciata, al di sopra dell'ampio finestrone verticale che ne occupa una grande parte, un bassorilievo raffigurante la Lupa che allatta Romolo e Remo e la dicitura "ANNO 1941"; sui due lati che si affacciano sulla via Becchetto e sulla via delle Posta due altorilievi raffiguranti la Dea Roma e Sant'Ambrogio del Cibau.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ribaudo Robert, Palazzo del Banco di Roma, su Lombardia Beni Culturali, 2013. URL consultato l'11 dicembre 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]