Casa del Mutilato (Milano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Casa del Mutilato
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
LocalitàMilano
IndirizzoVia Carlo Freguglia, 14
Coordinate45°27′37.14″N 9°11′59.93″E / 45.460317°N 9.19998°E45.460317; 9.19998Coordinate: 45°27′37.14″N 9°11′59.93″E / 45.460317°N 9.19998°E45.460317; 9.19998
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1938-1942
Inaugurazione1942
Stilerazionalista
Realizzazione
ArchitettoLuigi Lorenzo Secchi

La Casa del Mutilato di Milano è un edificio storico realizzato in stile razionalista fra il 1938 e il 1942 e sito in via Freguglia nº 14, a fianco del Palazzo di Giustizia del Piacentini, terminato nel 1940. L'edificio venne progettato dall'ingegnere architetto Luigi Lorenzo Secchi (1899-1992).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo tentativo di erigere una Casa del Mutilato a Milano risale al 1921, quando, senza successo, se ne fecero promotori la poetessa Ada Negri e il presidente dell'Associazione nazionale tra mutilati e invalidi di guerra Carlo Delcroix; non ebbe miglior esito la seconda richiesta avanzata tra il 1929 e il 1930.[1]

Solo nell'ottobre del 1933, grazie a un contributo podestarile di 500 000 lire, si riuscì a costituire un comitato di finanziamento; Alessandro Gorini, presidente della sezione milanese dell'associazione, si rivolse per il progetto all'amico Luigi Lorenzo Secchi, che inizialmente ipotizzò di ristrutturare l'antico palazzo Sormani; tuttavia, l'associazione preferì erigere un nuovo edificio, nell'area che fu lasciata libera dalla demolizione nel 1935 dell'ex caserma di artiglieria a cavallo "principe Eugenio di Savoia", adiacente al cantiere del palazzo di Giustizia; i lavori di costruzione del palazzo, progettato dal Secchi, furono avviati il 14 giugno 1938 e completati il 31 dicembre 1942.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Garnerone, Daniele, Casa del Mutilato, su Lombardia Beni Culturali, http://www.lombardiabeniculturali.it/, 2005-2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]