Giardino all'italiana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Giardino formale)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Giardino formale" rimanda qui. Se stai cercando il giardino formale alla francese, vedi Giardino alla francese.
I giardini di Villa d'Este (Tivoli)

Il giardino all'italiana è uno stile di giardino di origine tardo-rinascimentale caratterizzato da una suddivisione geometrica degli spazi mediante filari alberati e siepi, sculture vegetali di varia forma ottenute con la potatura di cespugli sempreverdi (Ars topiaria), giochi d'acqua geometrici, spesso accostati ad elementi architettonici quali fontane e statue.

Ha profondamente influenzato l'intera storia del giardinaggio, risultando decisivo anche per la nascita del giardino alla francese e, per contrasto, del giardino all'inglese.

L'espressione "giardino formale" indica spesso proprio un giardino all'italiana o un giardino alla francese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il giardino all'italiana di Castello (Firenze), con le piante di agrumi
I giardini all'italiana del Monastero dell'Escorial
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Hortus conclusus e Giardini romani.

Il giardino all'italiana, sviluppatosi in Italia attorno alla metà del XVI secolo, è l'evoluzione del giardino medievale.

Il primo giardino geometrico all'italiana viene tradizionalmente attribuito all'ingegno di Niccolò Tribolo, che lavorò a Firenze ai giardini della villa di Castello, della villa Corsini e poi ai Giardini di Boboli, fornendo un modello che venne poi sviluppato scenograficamente nei secoli XVII e XVIII.

Solo nel XIX secolo il giardino informale, o parco all'inglese, fornì un nuovo modello paesaggistico, che in alcuni casi comportò la sostituzione dei giardini geometrici e in altri li affiancò semplicemente, venendo allestito in altre zone. Tra Otto e Novecento il formalismo ebbe un revival con l'attività di paesaggisti come Cecil Pinsent, ma in definitiva si può dire che non sia mai tramontato.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il Prà della Valle a Padova, caratterizzato da un disegno geometrico degli spazi verdi, statue, ponti e corsi d'acqua

Una caratteristica che si ritrova in tutti giardini formali sono le decorazioni al suolo fatte con aiuole, siepi di sempreverdi (spesso bosso) e le decorazioni floreali su prato o su un fondo di ghiaia colorata.

Oltre ai singoli cespugli potati con forme geometriche, i giardini formali presentano spesso grandi gruppi di piante o complessi vegetali di alberi o arbusti potati secondo forme geometriche, ad esempio alberi alti anche oltre i 20 metri potati a spalliera, tali da realizzare vere e proprie architetture vegetali. Con la stessa logica nei giardini formali si costruiscono labirinti, tunnel, colonnati e anfiteatri (teatri di verzura).

La pavimentazione è realizzata in terra battuta, ghiaia colorata o prato all'inglese.

Un altro elemento spesso presente è il giardino segreto: una zona riservata, nascosta nella vegetazione o dietro un muro, utilizzata per la coltivazione di piante rare o per restare fuori dalla vista.

Vegetazione utilizzata[modifica | modifica wikitesto]

Si riportano di seguito le specie prevalenti di piante utilizzate nei giardini formali.

Piante topiarie[modifica | modifica wikitesto]

Alberi[modifica | modifica wikitesto]

Arbusti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 27881 · LCCN (ENsh85053147 · GND (DE4314369-6 · BNF (FRcb13558616f (data) · J9U (ENHE987007557909305171