Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Dervio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dervio
comune
Dervio – Stemma Dervio – Bandiera
Dervio – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Lecco-Stemma.png Lecco
Amministrazione
Sindaco Davide Vassena (lista civica Insieme per Dervio) dal 07/06/2009
Territorio
Coordinate 46°04′35″N 9°18′24″E / 46.076389°N 9.306667°E46.076389; 9.306667 (Dervio)Coordinate: 46°04′35″N 9°18′24″E / 46.076389°N 9.306667°E46.076389; 9.306667 (Dervio)
Altitudine 220 m s.l.m.
Superficie 11,7 km²
Abitanti 2 694[2] (01-01-2014)
Densità 230,26 ab./km²
Frazioni Corenno Plinio, Castello, Monastero, Borgo, La Foppa, Pianezzo, Monte, Roncacci, Villa, Balma, Ronchi di Vesgallo[1]
Comuni confinanti Bellano, Cremia (CO), Dorio, Introzzo, Pianello del Lario (CO), San Siro (CO), Sueglio, Tremenico, Vendrogno, Vestreno
Altre informazioni
Cod. postale 23824
Prefisso 0341
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 097030
Cod. catastale D280
Targa LC
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti derviesi
Patrono San Pietro e san Paolo
Giorno festivo 29 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Dervio
Dervio
Posizione del comune di Dervio nella provincia di Lecco
Posizione del comune di Dervio nella provincia di Lecco
Sito istituzionale

Dervio, (Derf in dialetto laghée[3][4], pronuncia fonetica IPA: /ˈdɛrf/), è un comune italiano di 2.694 abitanti della provincia di Lecco, situato sulla sponda orientale del Lago di Como, in Lombardia.

Il toponimo Dervio si pensa derivi dalla radice celtica Derw o Dervo che significa quercia forse per la presenza di querce sacre; l'ipotesi Ottocentesca di un'origine greca da Delfo, attraverso il latino, pur basata su un passo di Strabone,[5] è oggi ritenuta inattendibile per l'assenza di testimonianze dell'uso di Delphum prima del prima del XVII sec.[6]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Dervio deve la sua particolare forma a conoide al Varrone, torrente che taglia in due il paese stesso e che nasce dall'omonima Val Varrone. Durante il suo incessante corso ha eroso e trasportato sedimenti rocciosi, i quali si sono pian piano adagiati sul fondo del lago, fino ad emergere e formare la penisola derviese. Oltre alle frazioni più importanti, sono presenti altre località di "montagna", quali: Pianezzo, Mai, Monte, Pratolungo e Vignago; inoltre da Dervio parte la strada provinciale della Valvarrone (SP67) che permettette di raggiungere Lavadee, rinomata località turistica, ed il Rifugio Roccoli Lorla da cui parte il sentiero per il Monte Legnone che con i suoi 2.609 m d'altezza è la cima più alta della provincia di Lecco e del settore più occidentale delle Alpi Orobie.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima è caratterizzato da estati calde, rinfrescate dal vento che spira lungo le sponde (i due venti sono la Breva e il Tivano) ed inverni non eccessivamente rigidi, per via dell'effetto mitigatore delle acque del lago.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteca comunale[modifica | modifica wikitesto]

La Biblioteca comunale, attiva dal 1977, dal 2011 ha sede nell'ex palazzo comunale in Piazza IV Novembre.[8] È parte del Sistema Bibliotecario Lecchese.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello di Orezia, con torre del XI sec. - località Castello
  • Castello, fortificazione medievale a recinto con due torri (torre quadrata a nord-est e torre a vela a sud-ovest) - frazione Corenno Plinio
  • Monumento ai caduti di Dervio (inaugurato nel 1930 e risistemato nel 1955) - località Villa
  • Monumento ai caduti di Corenno Plinio (inaugurato nel 1922) - frazione Corenno Plinio

Architettura religiosa[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Festival Internazionale Cinema d'Animazione e Fumetto (dal 1999)[9]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Dervio - Statuto.
  2. ^ Dato ISTAT
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 249.
  4. ^ Amanzio Aondio - Felice Bassani (a cura di), Dialetto da salvare, Oggiono, Cattaneo Editore, 1983, p. 215.
  5. ^ Geografia V, 1,6,213.
  6. ^ Guerrino Viglienghi, La probabile origine del nome Dervio, in Rivista Archeologica dell'Antica Privincia e Diocesi di Como, 1970-1973, pp. 485-492. Guerrino Viglienghi, Ancora a proposito del nome Dervio, in Rivista Archeologica dell'Antica Privincia e Diocesi di Como, 1974-1975, pp. 143-147.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ Biblioteca Comunale, su Comune di Dervio. URL consultato il 29 giugno 2016.
  9. ^ 1a Edizione 1999, su Comune di Dervio. URL consultato il 29 giugno 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN240126554
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia