Ello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il servizio di rete, vedi Ello (social network).
Ello
comune
Ello – Stemma Ello – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Lecco-Stemma.svg Lecco
Amministrazione
SindacoVirginio Colombo (lista civica) dal 12-6-2017
Territorio
Coordinate45°47′N 9°22′E / 45.783333°N 9.366667°E45.783333; 9.366667 (Ello)
Altitudine411 m s.l.m.
Superficie2,42 km²
Abitanti1 206[2] (31-12-2019)
Densità498,35 ab./km²
FrazioniArnerio, Baragiola, Boggia, Bosina, Fura, Malavoglia, Marconaga, Pressaco, Ronchetti, Vedizero, Zero[1]
Comuni confinantiColle Brianza, Dolzago, Galbiate, Oggiono
Altre informazioni
Cod. postale23848
Prefisso0341
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT097033
Cod. catastaleD398
TargaLC
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[3]
Cl. climaticazona E, 2 653 GG[4]
Nome abitantiellesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ello
Ello
Ello – Mappa
Posizione del comune di Ello nella provincia di Lecco
Sito istituzionale

Ello (Ell in dialetto brianzolo) è un comune italiano di 1 206 abitanti della provincia di Lecco in Lombardia. Centro agricolo e industriale della Brianza, situato sulle verdi pendici occidentali del monte Regina (817 m), a SE del lago di Annone.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I più antichi reperti archeologici rinvenuti sul territorio di Ello sono databili al II millennio a.C.: si tratta di un elmo, due spade, due pugnali, quattro punte di lancia e due asce, ritrovati nei pressi di una cava poco lontano dal paese[5] .

Alcuni scavi avvenuti nel 1875 hanno invece riportato alla luce un sepolcro di epoca romana, assieme a alcune piccole urne che tuttavia non è stato possibile recuperare[5].

La più antica menzione storica si ritrova invece in un diploma di Federico Barbarossa datato 1162, in cui Ellum viene citata tra le terre, di proprietà del monastero di Civate, su cui l'imperatore garantiva la propria protezione[5].

Con il passaggio ai conti di Lecco, Ello fece parte del Contado della Martesana[5].

Durante la dominazione spagnola del Ducato di Milano, il paese fu in un primo momento acquistato da Giovanni Agostino de Abdua per 26000 lire imperiali. Nel 1653 passò quindi ad Agostino Bonacina, assieme ai paesi di Cogoredo, Dolzago, Figino, Marconaga e Villa, tutti appartenenti alla pieve di Oggiono[5].

Ello fu patria dei Missaglia, celebri armaioli dei secoli XV e XVI.

Con l'abolizione dei diritti feudali da parte di Napoleone Bonaparte, Ello seguì le sorti di Oggiono[5].

A partire dall'Ottocento, il territorio di Ello si arricchì di ville signorili di proprietà di aristocratici milanesi[5]. Nello stesso periodo, in paese era attiva una filanda.[5]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Ello-Stemma.png
Ello-Gonfalone.png

«Troncato: nel 1°, di azzurro, all'aquila di nero, allumata, rostrata, armata d'oro; nel 2°, di rosso, ai due scaglioni d'argento. Ornamenti esteriori da Comune»

(Descrizione araldica dello stemma[6])

«Drappo di bianco bordato di rosso...»

(Descrizione araldica del gonfalone[6])

Lo stemma e il gonfalone ufficiali sono stati approvati con l'apposito Decreto del Presidente della Repubblica datato al 31 luglio del 1997[6].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

La parrocchiale dei Santi Giacomo e Filippo, ricostruita nel 1671 sulla base di un precedente edificio del XV secolo[5], a sua volta edificato su una chiesa già esistente nel Duecento.[7] Della primitiva fabbrica romanica, la chiesa conserva parti strutturali e il campanile a due piani di bifore. Internamente, la chiesa ospita affreschi risalenti al XV-XVI secolo; tra di essi spiccano le pitture della zona absidale, raffiguranti alcuni episodi della vita dei santi titolari della chiesa, oltre ai quattro principali Dottori della Chiesa assisi su troni di nuvole[7].

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Prima di entrare nell'abitato di Ello è ancora possibile osservare un antico filatoio, detto "Filatoio dello Zero"; dotato di torcitoio, diga e condotte d'acqua in collegamento con altri opifici[5].

Economia[modifica | modifica wikitesto]

I prodotti principali dell'agricoltura sono mais e foraggi. Diffuso anche l'allevamento della razza bovina bruna. Presente uno stabilimento tessile.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[8]

La popolazione è in continua crescita dal 2001 passando da 1110 a 1254 abitanti al 31/10/09.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Ello - Statuto.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2019.
  3. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  4. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  5. ^ a b c d e f g h i j Borghese, p.212.
  6. ^ a b c Profilo araldico dello stemma e del gonfalone, su Araldica Civica.it. URL consultato il 23 dicembre 2021.
  7. ^ a b Zastrow, p. 71.
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

[1][2]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Annalisa Borghese, Ello, in Il territorio lariano e i suoi comuni, Milano, Editoriale del Drago, 1992, p. 212.
  • Oleg Zastrow, Sant'Ambrogio - Immagini tra Lario e Brianza, Oggiono, Cattaneo Editore, 1997.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN122995821
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia
  1. ^ Ello - Lecco - Places | Facebook, su www.facebook.com. URL consultato il 20 agosto 2017.
  2. ^ Comune di Ello (Lc), Comune di Ello (Lc), su www.comune.ello.lc.it. URL consultato il 20 agosto 2017.