Morterone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Morterone
comune
Morterone – Stemma Morterone – Bandiera
Morterone – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Lecco-Stemma.png Lecco
Amministrazione
SindacoAntonella Invernizzi (Lista Civica) dal 07/06/2009 (III mandato)
Territorio
Coordinate45°52′26″N 9°28′58″E / 45.873889°N 9.482778°E45.873889; 9.482778 (Morterone)Coordinate: 45°52′26″N 9°28′58″E / 45.873889°N 9.482778°E45.873889; 9.482778 (Morterone)
Altitudine1 070 m s.l.m.
Superficie13,71 km²
Abitanti35[2] (30-11-2017)
Densità2,55 ab./km²
Frazioninessuna[1]; vedi elenco località
Comuni confinantiBallabio, Brumano (BG), Cassina Valsassina, Cremeno, Lecco, Moggio, Vedeseta (BG)
Altre informazioni
Cod. postale23811
Prefisso0341
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT097055
Cod. catastaleF758
TargaLC
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona F, 3 592 GG[3]
Nome abitantimorteronesi
PatronoAssunzione di Maria
Giorno festivo15 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Morterone
Morterone
Morterone – Mappa
Posizione del comune di Morterone nella provincia di Lecco
Sito istituzionale

Morterone (Murterun in dialetto valsassinese) è un comune italiano di 35 abitanti[2] della provincia di Lecco in Lombardia.

È il secondo più piccolo comune italiano per popolazione[4]. Nel paese risiedono soprattutto persone anziane, ma anche alcune coppie giovani.[2][5]

A Morterone c'è una chiesa, ma mancano le scuole: i bambini si recano a Ballabio o a Lecco con un servizio scuolabus o con le auto private, percorrendo la tortuosa strada (15 km circa fino a Ballabio) che raggiunge il piccolo comune costeggiando le pendici del monte Due Mani e che culmina alla Forcella di Olino prima di ridiscendere.

Ha un Museo d'Arte contemporanea all'Aperto.

Il consiglio comunale di Morterone, di cui fa parte più di un terzo degli abitanti, si riunisce preferibilmente a Ballabio.

Morterone fa parte della Comunità Montana della Valsassina.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Morterone è situata ai piedi del Resegone, in un territorio di boschi in cui si possono percorrere magnifici sentieri. In posizione molto isolata, tanto che la valle ai suoi piedi si chiama Remota, dal punto di vista idrografico fa parte della val Taleggio (il torrente che la percorre è affluente destro del torrente Enna). Confina a nord con i comuni di Ballabio, Cremeno, Cassina Valsassina, Moggio e Vedeseta, confina a sud con i comuni di Lecco e Brumano, a est con i comuni di Vedeseta e Brumano e a ovest con i comuni di Ballabio e Lecco.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Collocato sul versante del Resegone affacciato sul territorio bergamasco, ma legato storicamente a Lecco, Morterone non fu ricompreso, a differenza delle vicine Brumano e Vedeseta, dalle modifiche amministrative che, nel periodo napoleonico, rettificarono il confine occidentale della provincia di Bergamo portandolo generalmente sullo spartiacque. Morterone rimane dunque l'unico paese collocato in una valle tributaria della val Taleggio a non far parte della provincia di Bergamo.

Località[modifica | modifica wikitesto]

Il paese di Morterone conta una dozzina di case poste in Morterone Centro, numerose sono comunque le località[6] che compongono l'abitato che in passato era esteso in tutto il territorio con località di maggiore e minore importanza; Olino, Medalunga, Frasnida e Zuccaro erano le località principali che insieme al Centro erano punto di riferimento per i Morteronesi fino alla prima metà del secolo scorso (a Olino esisteva una macelleria, in Centro e a Medalunga l'osteria e a Frasnida si faceva il mercato). La circoscrizione del comune di Morterone attualmente è costituita dalle seguenti località: Bosco, Bruga Alta, Bruga Bassa, Bruga di Mezzo, Brughetta, Campetti, Cantello, Cappelletta, Carigone, Cascina Nuova, Castegna, Centro, Cornelli, Costa, Costa Bonetta, Costa dei Muli, Curolt, Due Orti, Foppa, Forbesett, Forcelletta, Fornaci, Fraccia, Fraccio, Frasnida, Gas, Lungo, Medalunga, Monte Cucco, Morsura, Muschiada, Olino, Poncione, Paser, Passo del Pallio, Piana, Piano di Costa, Piazzoli, Pizzo, Pradelli, Pradello, Pra Giacomo, Preacone, Selvano, Turegia, Val Boazzo, Zuccaro[7], storicamente riconosciute dalla comunità. Numerose delle quali tutt'oggi restano disabitate o solo in parte frequentate.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Morterone deriva dalla forma circolare della valle che richiama quella di un mortaio dal latino mortarium (mortaio).

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Le attività economiche di un tempo erano essenzialmente agricole: prati e pascoli per l'allevamento del bestiame con produzione di latte trasformato in stracchini; boschi di faggio con produzione di legna e carbone vegetale, oggi Morterone vede nei mesi estivi crescere i suoi abitanti, con il ritorno delle famiglie del posto e di molti turisti.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[8]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
23 aprile 1995 13 giugno 1999 Giampietro Redaelli Partito Popolare Italiano Sindaco [9]
13 giugno 1999 12 giugno 2004 Palmino Invernizzi Partito Popolare Italiano Sindaco [10]
12 giugno 2004 7 giugno 2009 Giampietro Redaelli lista civica Sindaco [11]
7 giugno 2009 in carica Antonella Invernizzi lista civica "Vivere Morterone" Sindaco [12][13][14][15]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comune di Morterone - Statuto
  2. ^ a b c Bilancio demografico Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2017
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Statistiche demografiche ISTAT, su demo.istat.it. URL consultato il 9 agosto 2017.
  5. ^ Quando il paesino è extra small, espresso.repubblica.it, 23 luglio 2013. URL consultato il 14 febbraio 2015.
  6. ^ Comune di Morterone - Statuto
  7. ^ Comune di Morterone - Statuto
  8. ^ Archivio di Stato di Milano, Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  9. ^ Comunali 23/04/1995, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  10. ^ Comunali 13/06/1999, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  11. ^ Comunali 12/06/2004, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  12. ^ Comunali 07/06/2009, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  13. ^ Comunali 15/05/2011, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  14. ^ Comunali 05/06/2016, Ministero dell'interno. URL consultato il 24 novembre 2017.
  15. ^ Rieletta per un secondo mandato il 15 maggio 2011 e per un terzo il 5 giugno 2016

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Carminati, Costantino Locatelli Morterone, sedici racconti di vita contadina sulle pendici del Resegone 2007

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN241247870
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia