Dolzago

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dolzago
comune
Dolzago – Stemma Dolzago – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Lecco-Stemma.svg Lecco
Amministrazione
SindacoPaolo Lanfranchi (lista civica Impegno comune per Dolzago) dal 26-5-2019 (2º mandato)
Territorio
Coordinate45°46′N 9°20′E / 45.766667°N 9.333333°E45.766667; 9.333333 (Dolzago)Coordinate: 45°46′N 9°20′E / 45.766667°N 9.333333°E45.766667; 9.333333 (Dolzago)
Altitudine298 m s.l.m.
Superficie2,26 km²
Abitanti2 558[1] (31-12-2019)
Densità1 131,86 ab./km²
Comuni confinantiBarzago, Castello di Brianza, Colle Brianza, Ello, Oggiono, Sirone
Altre informazioni
Cod. postale23843
Prefisso0341
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT097031
Cod. catastaleD327
TargaLC
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 493 GG[3]
Nome abitantidolzaghesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Dolzago
Dolzago
Dolzago – Mappa
Posizione del comune di Dolzago nella provincia di Lecco
Sito istituzionale

Dolzago (Dulzàgh /dulˈtsɑːk/ in dialetto brianzolo[4]) è un comune italiano di 2 558 abitanti della provincia di Lecco in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli unici ritrovamenti archelogici effettuati nel territorio di Dolzago sono[5]:

  • un coperchio in granito, ritrovato nel 1888 presso la frazione Castello ma la cui attuale collocazione risulta ignota;
  • un masso avello in granito, trovato presso il cascinale detto Cavagnolo.

La più antica attestazione storica della località risale a un documento, scritto a Pavia nel 927, che certifica la vendita dei beni di Dulciago da un certo Sigfrido di Milano ai frati del monastero di Civate.[5] Menzione dei possedimenti del monastero in località Cavonio si ritrova anche in un diploma di Federico Barbarossa datato 1162[5].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di Sant'Alessandro, in località Cavonio,[6] risalente al XII secolo ma rimaneggiata nel corso dei secoli.[5]
  • Chiesa di San Biagio, attestata nei pressi del castello sin dal 1577.[5]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello, nell'omonima frazione.[5]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2009 2014 Adelio Isella lista civica sindaco
2014 in carica Paolo Lanfranchi lista civica sindaco

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Fra il 1902 e il 1915 la località ospitò una stazione della tranvia Monza-Barzanò-Oggiono.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2019.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani., Milano, Garzanti, 1996, p. 252, ISBN 88-11-30500-4.
  5. ^ a b c d e f Borghese, p. 200.
  6. ^ Belloni et al., p. 124.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Annalisa Borghese, Dolzago, in Il territorio lariano e i suoi comuni, Milano, Editoriale del Drago, 1992, p. 200.
  • Luigi Mario Belloni, Renato Besana e Oleg Zastrow, Castelli basiliche e ville - Tesori architettonici lariani nel tempo, a cura di Alberto Longatti, Como - Lecco, La Provincia S.p.A. Editoriale, 1991.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]