Garlate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Garlate
comune
Garlate – Stemma
Garlate – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Lecco-Stemma.svg Lecco
Amministrazione
SindacoGiuseppe Conti (lista civica) dal 16-5-2011
Territorio
Coordinate45°48′N 9°24′E / 45.8°N 9.4°E45.8; 9.4 (Garlate)
Altitudine205 m s.l.m.
Superficie3,3 km²
Abitanti2 716[1] (31-12-2019)
Densità823,03 ab./km²
FrazioniValmolina, Figina
Comuni confinantiGalbiate, Lecco, Olginate, Pescate, Vercurago
Altre informazioni
Cod. postale23852
Prefisso0341
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT097038
Cod. catastaleD926
TargaLC
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 361 GG[3]
Nome abitantigarlatesi
Patronosanto Stefano
Giorno festivo26 dicembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Garlate
Garlate
Garlate – Mappa
Posizione del comune di Garlate nella provincia di Lecco
Sito istituzionale

Garlate (Garlàa in dialetto brianzolo[4][5]) è un comune italiano di 2 716 abitanti della provincia di Lecco in Lombardia.

Situato sulla sponda destra del lago omonimo, fa parte della Comunità Montana Lario Orientale, del Parco del Monte Barro e del Parco dell'Adda Nord.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Come attestato dalla scoperta di alcune tombe antiche negli anni '70, il territorio di Garlate era già frequentato in epoca romana.[6]

Da Garlate, in epoca romana, passava la via Spluga, strada romana che metteva in comunicazione Milano con Lindau passando dal passo dello Spluga. A questo periodo risaliva un antico ponte sull'Adda (III secolo), del quale sono sopravvissuti alcuni ruderi.[7]

Conosciuto a lungo come Corte Garlinda, fino al 1574 il paese Garlate fu a capo dell'omonima pieve.[6]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Ex-villa Abegg (XIX secolo), attuale sede del comune, la quale ospita sale affrescate[6]
  • Ex-filanda Bruni-Gnecchi-Abegg[6] (XIX secolo)

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[8]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 1º gennaio 2018 i cittadini stranieri residenti a Garlate erano in totale 206, il 7,5 % del totale della popolazione. Le comunità più numerose erano quelle provenienti da[9]:

  1. Costa d'Avorio 28
  2. Senegal 22
  3. Burkina Faso 20

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Museo della seta[modifica | modifica wikitesto]

La filanda Abegg di Garlate fu costruita nel 1841 e, dopo essere appartenuta a Gaetano Bruni e alla famiglia Gnecchi, nel 1887 venne acquistata dagli Abegg di Zurigo.

Venuto meno, nei primi anni trenta, il lavoro per la filanda, nello stabilimento si continuarono a svolgere le operazioni di stracannatura e di binatura fino al 1950, anno in cui, per iniziativa di Carlo Job, allora responsabile del gruppo Abegg, un'ala dell'opificio, precedentemente riservata agli uffici e alla cernita dei bozzoli, fu destinata a raccogliere il primo nucleo di quello che sarebbe poi diventato il Museo della seta di Garlate[6].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Dati tratti dall'Anagrafe Amministratori Locali e Regionali - Ministero dell'Interno

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
22 giugno 1988 7 giugno 1993 Augusto Teli DC Sindaco
7 giugno 1993 28 aprile 1997 Elena Maggi (Lista Civica: Progetto Comune) Sindaco
28 aprile 1997 14 maggio 2001 Elena Maggi Lista civica: Progetto Comune Sindaco
14 maggio 2001 30 maggio 2006 Maria Tammi Centro-destra (Liste civiche) Sindaco Vice Sindaco G, Saurra
30 maggio 2006 16 maggio 2011 Maria Tammi Lista civica Sindaco
16 maggio 2011 in carica Giuseppe Conti Lista civica: Paesevivo Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Fa parte della Comunità montana Lario Orientale - Valle San Martino.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2019.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani., Milano, Garzanti, 1996, p. 298, ISBN 88-11-30500-4.
  5. ^ Amanzio Aondio - Felice Bassani (a cura di), Dialetto da salvare, Oggiono, Cattaneo Editore, 1983, p. 222.
  6. ^ a b c d e f g Borghese, p. 232.
  7. ^ AA.VV., Una chiesa tra lago e montagne, p. 82.
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  9. ^ tuttitalia.it, https://www.tuttitalia.it/lombardia/28-garlate/statistiche/cittadini-stranieri-2018/.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Annalisa Borghese, Garlate, in Il territorio lariano e i suoi comuni, Milano, Editoriale del Drago, 1992, p. 232.
  • AA.VV., Una chiesa tra lago e montagne - A Giovanni Paolo II, Como-Lecco, La Provincia S.p.A. Editoriale, 1996.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Webcam[modifica | modifica wikitesto]

La stazione meteorologica amatoriale di Sopracornola (frazione di Calolziocorte) ha una webcam che inquadra il Lago di Garlate con immagini acquisite ogni cinque minuti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN240559750
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia