Costa Masnaga

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Costa Masnaga
comune
Costa Masnaga – Stemma
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Lecco-Stemma.svg Lecco
Amministrazione
SindacoSabina Panzeri (lista civica Al centro il cittadino) dall'8-6-2009
Territorio
Coordinate45°46′N 9°17′E / 45.766667°N 9.283333°E45.766667; 9.283333 (Costa Masnaga)Coordinate: 45°46′N 9°17′E / 45.766667°N 9.283333°E45.766667; 9.283333 (Costa Masnaga)
Altitudine318 m s.l.m.
Superficie5,62 km²
Abitanti4 775[1] (31-12-2019)
Densità849,64 ab./km²
FrazioniCentemero, Brenno, Camisasca
Comuni confinantiBulciago, Garbagnate Monastero, Lambrugo (CO), Merone (CO), Molteno, Nibionno, Rogeno
Altre informazioni
Cod. postale23845
Prefisso031
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT097026
Cod. catastaleD112
TargaLC
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 521 GG[3]
Nome abitantiCostamasnaghesi
PatronoSanta Maria Assunta
Giorno festivo15 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Costa Masnaga
Costa Masnaga
Costa Masnaga – Mappa
Posizione del comune di Costa Masnaga nella provincia di Lecco
Sito istituzionale

Costa Masnaga (Masnàga in dialetto brianzolo[4]) è un comune italiano di 4 775 abitanti della provincia di Lecco in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il ritrovamento di resti di palafitte preistoriche nel lago di Pusiano e di altri reperti di età romana (tra cui un masso avello) nei dintorni di Costa Masnaga testimoniano la presenza di attività umane in tempi antichi.[5]

Durante il Medioevo, il territorio odierno di Costa Masnaga comprendeva numerose fortificazioni.[5] Una delle tracce più antiche di insediamenti sul territorio comunale è infatti la Torre di Camisasca, recentemente restaurata, edificata intorno all'anno 1000 probabilmente per difendersi dai continui saccheggi degli Ungari dalle famiglie di origine longobarda. Anche l'abitato di Tregolo si sviluppò attorno a un castello, andato tuttavia distrutto nel 1556[5]. Una torre medievale e una casaforte rurale si trovavano (e si trovano tuttora) anche a Brenno, mentre a Centemero si trovava una roccaforte che oggi sopravvive solamente nella denominazione di una corte.[5]

Nel XVII secolo la Peste decimò la popolazione del paese.

Il comune antico di Costa Masnaga, formatosi nel Medioevo, venne fuso nel 1757 con la vicina Tregolo nell'ambito della riforma amministrativa dell'Imperatrice Maria Teresa. Una prima esperienza di unione amministrativa con Brenno e Centemero fu varata dal governo di Napoleone nel 1809, ma fu abrogata dagli austriaci sette anni dopo. Il comune odierno di Costa Masnaga venne infine creato nel 1870 dalla fusione dei comuni di Brenno della Torre, Centemero e Tregolo.[6][5]

In epoca più recente Costa Masnaga vede la nascita dei primi opifici: l'attività tessile si consolida e si espande negli anni assumendo proporzioni importanti e risultando decisiva per la ricchezza del territorio. Accanto alla lavorazione della seta nascono poi aziende specializzate nella lavorazione di altre fibre, come per esempio quella del cotone. A suggello di questa inestimabile propensione per le attività tessili viene conferito al comune il titolo di "Città del Tessile".

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Parrocchiale di Santa Maria, ricostruita nel XVII secolo sulla base di una precedente chiesa. Nel XIX secolo fu ampliata grazie all'aggiunta di due navate laterali.[5]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Villa Beretta, nel cui parco si trovano i ruderi del castello di Tregolo e dell'annessa cappella.[5]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Comune di Costa Masnaga

  • 110 abitanti nel 1751

Comune di Tregolo

  • 468 abitanti nel 1803

Comune di Tregolo e uniti

  • 1006 abitanti nel 1809

Comune di Tregolo

  • 628 abitanti nel 1853
  • 718 abitanti nel 1861

Abitanti censiti[7]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Sindaci[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Beretta (1870 - 1880)
  • Antonio Rovagnati (1880 - 1882)
  • Antonio Zenoni (1882 – 1890)
  • Cav. Patrioli (Commissario governativo) (1890)
  • Giovanni Mariani (1890 – 1891)
  • Michele Beretta (1891)
  • Luigi Panzeri (1891 – 1892)
  • Michele Beretta (1892 - 1895)
  • Carlo Pellenghi (1895 - 1900)
  • Antonio Rovagnati (1900 – 1903)
  • Giuseppe Mariani (1903 - 1906)
  • Francesco Rossini (1906 - 1908)
  • Giuseppe Mariani (1908 – 1920)
  • Pietro Terenghi (1920 – 1921)
  • Anselmo Sirtori (1921 – 1925)
  • Cav. Leopoldo Costa (Commissario Prefettizio) (1925 – 1926)
  • Giuseppe Mariani (1926 – 1934)
  • Giuseppe Rossini (1934 – 1939)
  • Pericle De Filippis (Commissario Prefettizio) (1939 – 1941)
  • Giuseppe Magni (1941 – 1945)
  • Alessandro Beretta (1945 – 1946)
  • Umberto Riva (1946 – 1951)
  • Osvaldo Viganò (1951 – 1956)
  • Umberto Riva (1956 – 1975)
  • Alfredo Colombo (1975 – 1990)
  • Eugenio Viganò (1990 – 1995)
  • Umberto Primo Bonacina (1995 – 2004)
  • Luciano Sola (2004 – 2009)
  • Umberto Primo Bonacina (2009 – 2014)
  • Sabina Panzeri (2014 - in carica)

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

È presente un istituto comprensivo composto da due scuole dell'infanzia, tre scuole primarie e una scuola secondaria di primo grado. Le scuole di Costa Masnaga fanno parte di un istituto che comprende le scuole di comuni limitrofi: Nibionno e Bulciago.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2019.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 235.
  5. ^ a b c d e f g Borghese, p.183-184.
  6. ^ Regio Decreto 7 gennaio 1870, n. 5448
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Annalisa Borghese, Costamasnaga, in Il territorio lariano e i suoi comuni, Milano, Editoriale del Drago, 1992, pp. 183-184.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia