Annone di Brianza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Annone di Brianza
comune
Annone di Brianza – Stemma
Annone di Brianza – Veduta
Chiesa di San Giorgio
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Lecco-Stemma.svg Lecco
Amministrazione
SindacoPatrizio Sidoti (lista civica) dal 25-5-2014
Territorio
Coordinate45°48′14″N 9°19′54″E / 45.803889°N 9.331667°E45.803889; 9.331667 (Annone di Brianza)
Altitudine265 m s.l.m.
Superficie5,98 km²
Abitanti2 322[1] (31-12-2019)
Densità388,29 ab./km²
Comuni confinantiBosisio Parini, Cesana Brianza, Civate, Galbiate, Molteno, Oggiono, Suello
Altre informazioni
Cod. postale23841
Prefisso0341
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT097003
Cod. catastaleA301
TargaLC
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 446 GG[3]
Nome abitantiannonesi
PatronoBeata Vergine Addolorata
Giorno festivoterza domenica di settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Annone di Brianza
Annone di Brianza
Annone di Brianza – Mappa
Posizione del comune di Annone di Brianza nella provincia di Lecco
Sito istituzionale

Annone di Brianza (Anón in dialetto brianzolo e semplicemente Annone fino al 1863) è un comune italiano di 2 322 abitanti della provincia di Lecco in Lombardia. È posto sulle rive del Lago di Annone, tra la strada statale 36 e Oggiono. Visse e morì, nel 1994, il famoso stilista Franco Moschino. Dimorava nella sua proprietà, ora Villa Adinolfi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel periodo preistorico, anche la zona del lago di Annone fu interessata dallo sviluppo della cultura di Polada.[4]

Una delle più antiche attestazioni dell'abitato è un documento dell'880, nel quale il paese viene descritto come un borgo fortificato.[5]

In età medievale, con la divisione del territorio in contadi, Annone fece parte dapprima del contado della Martesana e successivamente della pieve di Oggiono, con quest'ultima inserita nel feudo di Garlate.[4] Signori locali furono per lungo tempo gli esponenti della famiglia Annoni.[4]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Tra i monumenti va ricordato l'oratorio di San Giorgio,[6] risalente al 1481,[7] il quale incorpora parte di una precedente chiesa altomedievale[7] che funse da parrocchiale fino all'erezione dell'attuale chiesa della Beata Vergine del Rosario, avvenuta nel 1839[5] secondo un progetto Giuseppe Bovara.[4][8] Il campanile, dotato di bifore,[5] è di origine medievale[9].

Internamente, l'oratorio si presenta come un edificio a navata singola, divisa in settori da tre archi ogivali datati 1481.[5] Il presbiterio della chiesa ospita una serie di affreschi primocinquecenteschi, aventi come soggetto gli apostoli (intradosso dell'arco di trionfo), Dio tra gli evangelisti (sulla volta), e un Crocefisso con Maria, Giovanni e Maria Maddalena, fra i santi Giorgio e Ambrogio.[7] Gli affreschi sono attribuiti al Maestro della Pala Sforzesca[5].

All'interno della casa parrocchiale si conservano un polittico cinquecentesco[5] di scuola fiamminga[4] sul tema della Passione[5] e una tela coeva che rappresenta un incontro tra Gesù e sua Madre.[4]

Altre architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Cappella della Crocifissione[10]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Due ville Annoni[5] - una delle quali è Villa Annoni Cabella (XVII-XVIII secolo)[11]
  • Villa Caillard[12]
  • Villa Carena Bondioli[13]
  • Villa Carenni (già presente agli inizi del XIX secolo),[14] caratterizzata da un particolare padiglione estivo[5]
  • Villa Gatti[15]
  • Ex asilo Polvara (1905-1906)[16]
  • Cascina Poncia[17]
  • Municipio e scuole elementari (entrambi della prima metà del XX secolo)[18][19]
  • Lavatoio[20]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Demografia preunitaria[21]

Demografia postunitaria

Abitanti censiti[22]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
26 maggio 2019 in carica Patrizio Sidoti lista civica sindaco 4º mandato (non consecutivo)

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2019.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ a b c d e f Borghese, p.75.
  5. ^ a b c d e f g h i TCI, Guida d'Italia [...], p. 292.
  6. ^ Chiesa di S. Giorgio, Via Cabella Lattuada - Annone di Brianza (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 dicembre 2020.
  7. ^ a b c Zastrow, p. 83.
  8. ^ Chiesa della Beata Vergine del SS. Rosario, Via Maggiore - Annone di Brianza (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 dicembre 2020.
  9. ^ Belloni et al., p. 124.
  10. ^ Cappella della Crocifissione, Annone di Brianza (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 dicembre 2020.
  11. ^ Villa Annoni Cabella - complesso, Piazza Comunale 1 - Annone di Brianza (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 dicembre 2020.
  12. ^ Villa Caillard - complesso, Via San Giorgio, 3 - Annone di Brianza (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 dicembre 2020.
  13. ^ Villa Carena, Bondioli - complesso, Via San Cristoforo, 6 - Annone di Brianza (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 dicembre 2020.
  14. ^ Villa Carenni, Via Ponte, 20 - Annone di Brianza (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 dicembre 2020.
  15. ^ Villa Gatti - complesso, Via Sant' Antonio, 37 - Annone di Brianza (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 dicembre 2020.
  16. ^ Asilo Polvara (ex) - complesso, Via San Cristoforo, 18 - Annone di Brianza (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 dicembre 2020.
  17. ^ Cascina Poncia - complesso, Via per La Poncia, 1,19 - Annone di Brianza (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 dicembre 2020.
  18. ^ Municipio di Annone Brianza, Via S. Antonino - Annone di Brianza (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 dicembre 2020.
  19. ^ Scuole elementari, Via S. Antonino, 2 - Annone di Brianza (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 dicembre 2020.
  20. ^ Lavatoio comunale Via Lavanderia, Via Lavanderia - Annone di Brianza (LC) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 dicembre 2020.
  21. ^ Annone di Brianza, Annone di Brianza, LC – Indice dei toponimi – Lombardia Beni Culturali, su lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 dicembre 2020.
  22. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Mario Belloni, Renato Besana e Oleg Zastrow, Castelli basiliche e ville - Tesori architettonici lariani nel tempo, a cura di Alberto Longatti, Como - Lecco, La Provincia S.p.A. Editoriale, 1991.
  • Annalisa Borghese, Annone di Brianza, in Il territorio lariano e i suoi comuni, Milano, Editoriale del Drago, 1992, p. 75.
  • Oleg Zastrow, Sant'Ambrogio - Immagini tra Lario e Brianza, Oggiono, Cattaneo Editore, 1997.
  • Touring Club Italiano (a cura di), Guida d'Italia - Lombardia (esclusa Milano), Milano, Touring Editore, 1999, ISBN 88-365-1325-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN157247225
  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia