Val Tidone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Val Tidone
Lago di Trebecco.JPG
Panorama dell'alta valle con il lago di Trebecco
StatiItalia Italia
RegioniEmilia-Romagna Emilia-Romagna

Lombardia Lombardia

ProvincePiacenza Piacenza

Pavia Pavia

Località principaliAgazzano, Alta Val Tidone, Borgonovo Val Tidone, Colli Verdi, Pianello Val Tidone, Piozzano, Romagnese, Varzi, Zavattarello
Comunità montanaComunità montana valle del Tidone
Comunità Montana Oltrepò Pavese
FiumeTidone
Sito web

La val Tidone è una valle dell'Appennino ligure formata dal torrente Tidone situata tra le province di Pavia e Piacenza.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

La val Tidone è formata dal torrente Tidone che nasce dalle pendici del monte Penice a circa 1000 m s.l.m., nei pressi della località Casa Matti di Romagnese. La valle termina tra le località di Grintorto di Agazzano e Fabbiano di Borgonovo Val Tidone, dove il torrente inizia a scorrere nella pianura Padana[1][2].

Confina a est con la val Luretta, la Val Tidoncello e la val Trebbia e a ovest con la Val Bardonezza, la val Versa, la valle Scuropasso, la val Coppa e la val Staffora.

Valichi[modifica | modifica wikitesto]

La val Tidone è messa in comunicazione con la valle Scuropasso, la val Coppa tramite il passo del Carmine, con la val Trebbia tramite il colle della Crocetta e con la val Tidoncello tramite il passo Ca' del Diavolo[3].

Monti[modifica | modifica wikitesto]

Il monte Alpe

Il monte più alto della val Tidone è il monte Penice (1460 m s.l.m.), dalle cui pendici nasce il torrente Tidone, la cui vetta, si trova tra la val Trebbia e la val Staffora. Sullo spartiacque con la val Trebbia si trovano il monte Castello (1083 m s.l.m.), la Pietra Corva (1078 m s.l.m.), il monte Pan Perduto (1064 m s.l.m.), il Groppo (999 m s.l.m.)[4] e il monte Pradegna (960 m s.l.m.)[5].

Sullo spartiacque con la val Tidoncello si trovano il monte Lazzarello (866 m s.l.m.)[6] e il Pian del Poggio (801 m s.l.m.). Nella zona del torrente Chiarone si trovano il monte Aldone (810 m s.l.m.)[7], il monte Bono (725 m s.l.m.) e il monte Ciarello (716 m s.l.m.)[8].

Tra la val Tidone e la val Staffora si trovano il monte Alpe (1254 m s.l.m.)[9], il Poggio di Alpe (1192 m s.l.m.), il monte Zuccarello (909 m s.l.m.), il monte Calenzone (1150 m s.l.m.) e il monte l'Olmo (1111 m s.l.m.).

Idrografia[modifica | modifica wikitesto]

Il torrente Morcione
Il Tidone nei pressi di Zavattarello

Il corso d'acqua principale della valle è il torrente Tidone, lungo 46 km e con un bacino idrografico di circa 350 km²[10].

I principali affluenti del Tidone sono:

La diga del Molato

Laghi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Lago di Trebecco.

Nella medio-alta valle, tra i comuni di Alta Val Tidone, Colli Verdi e Zavattarello il Tidone forma il lago di Trebecco, che prende il nome dall'omonima frazione del comune di Alta Val Tidone, che era in origine comune autonomo. Il lago è stato originato dalla costruzione, ai fini irrigui e di idroelettrici, della diga del Molato, avvenuta tra il 1921 e il 1928 su progetto dell'ingegner Augusto Ballerio e inaugurata in quello stesso anno alla presenza dell'allora capo del governo Benito Mussolini[14].

La diga, costruita in calcestruzzo armato è alta 55 m e lunga 180 m considerando il solo fronte e 322 m considerando alcune strutture adiacenti. Il lago, che aveva una capacità originaria di 12,5 milioni di metri cubi, poi ridottasi a 10,5 a causa del progressivo interramento, è lungo 2,5 km e raggiunge una larghezza massima di 750 m[15].

Parchi[modifica | modifica wikitesto]

La val Tidone è interessata dalla presenza di alcuni parchi:

  • Parco del castello Dal Verme: parco di interesse comunale esteso per 79 ettari intorno al castello Dal Verme di Zavattarello, situato su di un rilievo collinare tra il corso del Tidone e quello dei suoi affluenti Morcione e Calghera. Il parco include una serie di territori collinari, in parte coperti da boschi e in parte dedicati all'agricoltura[16].
  • Giardino botanico alpino di Pietra Corva: Situato a 950 m s.l.m. sulle pendici della Pietra Corva, nel territorio comunale di Romagnese, venne fondato nel 1967 dal veterinario e naturalista Antonio Ridella con l'obiettivo di conservare la presenza di piante caratteristiche delle alte quote provenienti da varie parti del mondo, tra le quali la rara Meleagride. A partire dal 2004 il giardino è sede del centro studi dell'Appennino settentrionale[17].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La vallata fu abitata fin dalla Preistoria: lungo la valle del torrente Chiarone sono stati ritrovati resti di insediamenti databili tra il V e il III millennio a.C.. Altri ritrovamenti, avvenuti tra la zona della Rocca d'Olgisio e la piana di San Martino sono invece databili alle età del bronzo e del ferro[18].

In epoca romana la zona fu densamente abitata, resti di abitati romani sono stati trovati nei pressi del cimitero di Pianello, nei pressi di Trevozzo e Nibbiano (chiamato dai romani Curte Neblani)[19], e nella zona della foce del rio Cavaglione nel Tidone, non lontano da Caminata[20].

In età tardo-antica e alto medievale si svilupparono insediamenti, tra i quali quello della piana di San Martino, situato nel comune di Pianello Val Tidone e diventato sede di campagne di scavi archeologici tra la fine del XX secolo e l'inizio del XXI secolo[21].

In epoca longobarda il territorio entrò insieme ad altri nel controllo con vari possedimenti dell'abbazia di San Colombano di Bobbio ed al suo ricco feudo reale ed imperiale monastico[18][20].

Il castello Dal Verme di Zavattarello

Nei secoli immediatamente precedenti e successivi all'anno Mille vennero costruiti in tutta la valle diversi castelli, tra i quali quello di Nibbiano[19], quello di Pianello[18] e quello di Zavattarello[22]: questi castelli furono, nei secolo successivi coinvolti nelle aspre lotte tra guelfi e ghibellini. Intorno alla metà del XII secolo, la valle vide il passaggio di Federico Barbarossa che distrusse i castelli di Pianello e Corano[23].

Nella seconda metà del trecento, dopo essere passata sotto il dominio visconteo, l'alta valle fu assegnata alla famiglia Dal Verme, che già possedeva i centri di Bobbio e Voghera, rimanendo, comunque sempre assoggettata al ducato di Milano. Nel 1449 il duca di Milano Francesco Sforza creò, nella bassa valle, il feudo della contea di Borgonovo, che comprendeva in val Tidone territori di Borgonovo e Agazzano, nonché altri territori limitrofi tra i quali Piozzano e Ziano e che fu assegnata nel 1451 a Sforza Secondo Sforza[23].

Negli anni successivi la parte medio-bassa della valle venne via via annessa al ducato di Parma e Piacenza che estese il suo dominio su Pianello nel 1646[18] e sulla conte di Borgonovo nel 1679[23].

Con il trattato di Aquisgrana, firmato nel 1748, la valle fu divisa politicamente tra il ducato di Parma e Piacenza, che controllava la bassa e media valle fino a Nibbiano e e lo stato sabaudo, che controllava l'alta valle da Caminata, nonché Bobbio; la dogana tra i due stati venne posta tra Nibbiano e Caminata[20].

La valle tornò ad appartenere alla stessa entità statale nel 1860, con l'annessione dei territori del ducato di Parma e Piacenza al regno di Sardegna, risultando divisa tra le province di Pavia e Piacenza. Nel 1923, nell'ambito della soppressione del circondario di Bobbio, i comuni di Caminata, Ruino, Romagnese, Trebecco e Zavattarello vennero scorporati dalla provincia di Pavia e assegnati alla provincia di Piacenza unendo tutta la vallata all'interno della provincia piacentina[24]. Questa divisione comportò numerose proteste degli abitanti dei centri dell'alta valle, desiderosi di rimanere in provincia di Pavia. Le proteste culminarono nella marcia su Bobbio e nell'indizione di alcuni referendum che, tenutisi il 27 febbraio 1925 videro la vittoria della fazione che chiedeva il ritorno in provincia di Pavia[25]. Nel 1926 in parziale accoglimento dei risultati dei referendum i comuni di Romagnese, Ruino e Zavattarello vennero annessi alla provincia di Pavia[26], mentre i comuni di Trebecco e Caminata rimasero parte della provincia di Piacenza e nel 1928 vennero privati della loro autonomia, venendo aggregati al comune di Nibbiano[27]. Il comune di Caminata venne, poi, ricostituito nel 1950.

Tra il 2018 e il 2019 vennero costituiti due nuovi comuni nella vallata: Alta Val Tidone, nato dalla fusione di Caminata, Nibbiano e Pecorara[28] e Colli Verdi, nato dalla fusione di Canevino, Ruino e Valverde[29].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La rocca di Pianello

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Rocca Municipale
Situata nel centro del paese, è adibita a sede degli uffici comunali. Venne eretta nel XIV secolo dai Dal Verme come "palazzo di città" sui resti di una precedente fortificazione risalente al X secolo distrutta dall'imperatore Federico Barbarossa nel 1164. Annessa alla Rocca Municipale è la sede del museo Archeologico della Val Tidone, fondato dell'Associazione Pandora in collaborazione con la soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna e l'amministrazione comunale, che raccoglie reperti archeologici provenienti dalla val Tidone e val Luretta, dall'età neolitica al medioevo[30].

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Castello di Castelnovo
Costruito nel XIV secolo poco distante dalle rovine di un preesistente castello citato per la prima volta poco dopo l'anno mille, presenta una pianta trapezoidale con torri poste su tre dei quattro angoli della struttura e accesso tramite ponte levatoio sormontato da un'ulteriore torre. Il castello è circondato da un parco con piante secolari accessibile tramite un viale alberato risalente all'ottocento e inaugurato alla presenza di Maria Luigia d'Austria[31].
Il castello di Corano
Castello di Corano
Costruito in epoca ignota, venne distrutto nel XII secolo dalle truppe del Barbarossa e, ancora, nel 1241 da re Enzio. Ricostruito, venne occupato dalle truppe pontificie nel 1372 per, poi, venire rapidamente riconquistato dai Visconti. Nel 1417 venne incendiato dal conte di Carmagnola durante un'azione contro la famiglia Arcelli. L'edificio è costituito da un fabbricato monoblocco con struttura a forma di trapezio a cui è addossata, sul lato minore, una torre, che riporta le tracce di uno scomparso ponte levatoio e che, probabilmente, è di costruzione precedente rispetto al resto dell'edificio[32].
Castello di Nibbiano
Documentato per la prima volta in un atto risalente al 1029, fece parte sino al XIV secolo dei beni del monastero di San Colombano di Bobbio, poi, nel 1335 entrò a far parte dei possedimenti dei marchesi Malvicini Fontana. Nel 1765 divenne proprietà degli Azara. Durante il XIX secolo subì la trasformazione a palazzo residenziale; in seguito a questi importanti rimaneggiamenti l'unica parte superstite dell'edificio medievale è la torre[33].
Castello di Romagnese
Eretto ad opera della famiglia Dal Verme tra il XIV e il XV secolo, sulle rovine di una preesistente casa-torre risalente all'epoca del dominio dei monaci dell'abbazia di San Colombano di Bobbio, presentava originariamente una struttura a U, della quale sopravvive una sola ala, che presenta una forma trapezoidale. Oltre a questa struttura del complesso originale è rimasta anche una torre, caratterizzata dalla merlatura guelfa. Il castello ospita gli uffici del comune di Romagnese e il locale museo civico di arte contadina[34].
Castello di Trebecco
Citato per la prima volta nel 971 in un documento con il quale l'imperatore Ottone I di Sassonia ne confermava la proprietà ai monaci colombaniani di Bobbio, nel 1028 venne lasciato in eredità da un certo diacono Gherardo al marchese Ugo fu Oberto. A partire dal 1391 fu di proprietà dei Dal Verme che vi si rifugiò tra il 1593 e il 1601 in seguito ai tentativi spagnoli di mettere fine al loro dominio sulla zona. Il castello rimase di propiretà della famiglia fino agli anni '50 del novecento quando fu venduto ad alcune famiglie locali. Dell'originale costruzione medievale rimangono alcuni resti posti in cima ad un'altura che domina il paese di Trebecco[35].
Castello di Zavattarello
Menzionato su diplomi imperiali di Ottone II nel 971, appartenne al vescovo di Bobbio. Nel 1169 fu conquistato dai piacentini; dopo essere tornato di proprietà bobbiese per volere dell'imperatore Ottone IV di Brunswick nel 1209, vide ripetuti scontri tra famiglie seguaci di guelfi e ghibellini. A partire dal 1264 fu sotto il controllo di Ubertino Landi, al quale si deve lo sviluppo del borgo. Recuperato il controllo sul castello da parte del vescovo di Bobbio nel 1385, la costruzione venne assegnata, nel 1390, a Jacopo Dal Verme che ne ampliò le strutture fortificate, organizzando al suo interno una scuola di guerra. Rimasto quasi ininterrottamente di proprietà della famiglia Dal Verme, nel 1975 venne donato al comune, che ne ha curato il restauro e lo ha adibito a sede di eventi culturali e visite guidate[22].
Rocca d'Olgisio
Rocca d'Olgisio
Imponente complesso posto su di una rupe scoscesa a cavallo tra la val Tidone e la val Chiarone a 564 m di altezza, che in questa zona di non elevati rilievi permette una vista panoramica sulla pianura Padana e le valli circostanti. Le prime notizie che ci sono pervenute risalgono al 1037 quando divenne proprietà dei monaci di San Savino; una leggenda vuole che il castello fosse precedentemente di un certo Giovannato. Nel 1378 ne entrarono in possesso i Dal Verme, che lo mantennero fino all'estinzione della famiglia. All'interno possiamo vedere il mastio, l'oratorio, il pozzo, saloni affrescati e un loggiato cinquecentesco. All'esterno si trovano alcune grotte che originariamente ospitavano una necropoli preistorica e sono legate ad avvenimenti leggendari e sacri: la grotta delle sante (Faustina e Liberata),la grotta dei coscritti e la grotta del cipresso.

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Una sala del museo archeologico della Val Tidone che contiene i reperti ritrovati nella piana di San Martino
Piana di San Martino
Sito archeologico situato nel comune di Pianello Val Tidone, sul crinale tra le valli del Chiarone e del Rio Tinello, entrambi affluenti del Tidone; i locali scavi, condotti dall'Associazione Archeologica Pandora con la supervisione della Soprintendenza per i beni archeologici dell'Emilia-Romagna hanno portato alla luce i resti di un sito sviluppatosi in età tardoantica e altomedievale formato da alcune abitazioni, una piccola chiesa e una torre con funzioni difensive. Nel 2018 i resti sono stati ricoperti su indicazione della soprintendenza per garantirne la conservazione. I reperti recuperati durante le campagne di scavo sono conservati al museo archeologico della Val Tidone di Pianello[21].

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

La parte alta di questa valle fa parte del territorio culturalmente omogeneo delle quattro Province, caratterizzato da usi e costumi comuni e da un repertorio di musiche e balli molto antichi. Strumento principe di questa zona è il piffero appenninico.

Tra le tradizioni che continuano a vivere vi è quella del Cantamaggio: nella notte dell'ultimo giorno di aprile gruppi di canterini passano per le cascine, suonando e cantando strofe augurali (diverse per i vari paesi), chiedendo uova, si chiama la galina grisa. Nella zona di Pianello si conclude con una cena in piazza con una tavolata ininterrotta per tutti i partecipanti, a Romagnese si svolge il sabato Santo, mentre a Cicogni si tiene nei primi giorni di maggio.

In ambito musicale nella valle sono organizzati Eventi Musicali Internazionali della Val Tidone che includono i Concorsi Internazionali di Musica della Val Tidone, il Val Tidone Festival e il Val Tidone Summer Camp e sono promossi ed organizzati dalla Fondazione Val Tidone Musica in collaborazione con l'Associazione Culturale Tetracordo[36].

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia della vallata è di carattere principalmente agricolo, tra cui spicca, in particolare, la viticoltura, con la parte bassa della valle che è inclusa nella zona DOC dei colli piacentini[37]. Nella valle si è diffuso anche il turismo enogastronomico con la presenza di ristornati e agriturismi[38].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La principale arteria della valle è l'ex strada statale 412 della Val Tidone che, partendo da Milano, supera il Po nei pressi di Castel San Giovanni e, poi, risale la valle fino a raggiungere la ex strada statale 461 del passo del Penice pochi chilometri prima dell'omonimo passo.

Tra il 1893 e il 1938 la valle fu servita dalla tranvia Piacenza-Pianello-Nibbiano che collegava Piacenza a Castel San Giovanni e, da qui, risaliva la vallata fino a Nibbiano: la linea fu aperta all'esercizio in vari tronconi tra il 1893 e il 1908 e soppressa tra il 1933 (tratto Pianello-Nibbiano) e il 1938.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

La val Tidone appartiene amministrativamente ai comuni di Agazzano, Alta Val Tidone, Borgonovo Val Tidone, Colli Verdi, Pianello Val Tidone, Piozzano, Romagnese, Zavattarello e Varzi; Borgonovo Val Tidone e Colli Verdi si trovano sulla sinistra orografica del torrente, Agazzano e Pianello Val Tidone si trovano sulla sponda destra del torrente, Alta Val Tidone, Romagnese e Zavattarello comprendono porzioni territoriali su entrambe le sponde, il territorio comunale di Varzi comprende una piccola parte della valle del Morcione, affluente di sinistra del Tidone, mentre il territorio comunale di Piozzano comprende una piccola parte della valle del Chiarone, affluente di destra del Tidone[39]. Tutti i capoluoghi comunali si trovano in val Tidone, eccetto Varzi, situato in val Staffora, Agazzano e Piozzani, situati entrambi in val Luretta.

La parte di alta valle che ricade in provincia di Piacenza, compresa nei comuni di Caminata, Nibbiano e Pecorara, poi unitisi nel comune di Alta Val Tidone, e Pianello Val Tidone ha fatto parte della comunità montana valle del Tidone, fino alla sua chiusura, mentre la parte di alta valle che ricade in provincia di Pavia fa parte della comunità Montana Oltrepò Pavese. Infine, la parte di valle del torrente Chiarone ricadente nel comune di Piozzano ha fatto parte della comunità montana Appennino Piacentino, poi diventata Unione Montana Valli Trebbia e Luretta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Molossi, pp. 543-544.
  2. ^ Autorità di bacino del fiume Po, p. 2.
  3. ^ Ferraris, pp. 31-32.
  4. ^ Pietra di Corvo 1078m, su montiliguri.weebly.com. URL consultato il 14 marzo 2020.
  5. ^ Monte Pradegna 960m, su montiliguri.weebly.com. URL consultato il 14 marzo 2020.
  6. ^ Camminate Piacentine: Coste della Rasa e Pianazza tra Tidone e Trebbia, in PiacenzaSera, 28 marzo 2014.
  7. ^ Monte Aldone vetta, un’escursione tra Val Tidone e Val Chiarone, su travelvaltidone.it, 7 aprile 2017. URL consultato il 14 marzo 2020.
  8. ^ Camminate Piacentine: da Pecorara verso i Monti Aldone e Ciarello, in PiacenzaSera, 1º agosto 2013.
  9. ^ Riserva Naturale Monte Alpe, su visitpavia.com. URL consultato il 14 marzo 2020.
  10. ^ Le attività del consorzio, su cbpiacenza.it. URL consultato il 14 marzo 2020.
  11. ^ a b c Fiumi, torrenti e valli nelle quattro province, su oltresentieri.com. URL consultato il 14 marzo 2020.
  12. ^ Lago artificiale e diga del Molato, su turismo.provincia.piacenza.it. URL consultato il 14 marzo 2020.
  13. ^ Molossi, p. 168
  14. ^ Cenni storici della diga del Molato, su cbpiacenza.it. URL consultato il 14 marzo 2020.
  15. ^ Il lago di Trebecco, su pianellovaltidone.net. URL consultato il 14 marzo 2020.
  16. ^ Il parco del castello, su zavattarello.org. URL consultato il 14 marzo 2020.
  17. ^ Giardino Alpino di Pietra Corva, su visitvaltidone.it. URL consultato il 14 marzo 2020.
  18. ^ a b c d Comune di Pianello Val Tidone, su turismoapiacenza.it. URL consultato il 15 marzo 2020.
  19. ^ a b Comune di Nibbiano, su turismoapiacenza.it. URL consultato il 15 marzo 2020.
  20. ^ a b c Comune di Caminata, su turismoapiacenza.it. URL consultato il 15 marzo 2020.
  21. ^ a b Piana di San Martino, su turismo.provincia.piacenza.it. URL consultato il 14 marzo 2020.
  22. ^ a b Storia, su zavattarello.org. URL consultato il 15 marzo 2020.
  23. ^ a b c Comune di Borgonovo Val Tidone, su turismoapiacenza.it. URL consultato il 15 marzo 2020.
  24. ^ Regio decreto 8 luglio 1923, n. 1726, articolo 1, in materia di "Soppressione della circoscrizione circondariale di Bobbio ed aggregazione dei Comuni che ne fanno parte alle circoscrizioni territoriali delle provincie di Genova, Piacenza e Pavia"
  25. ^ Cenni storici, su cmop.it. URL consultato il 15 marzo 2020.
  26. ^ Legge 23 dicembre 1926, n. 2246, articolo 2, in materia di "Modificazione della circoscrizione territoriale delle provincie di Parma, Pavia e Piacenza."
  27. ^ Regio decreto 13 dicembre 1928, n. 3173, in materia di "Aggregazione dei comuni di Caminata e Trebecco a quello di Nibbiano."
  28. ^ Legge Regionale 18 luglio 2017, n. 13 - Istituzione del comune di Alta Val Tidone mediante fusione dei comuni di Caminata, Nibbiano e Pecorara nella provincia di Piacenza.
  29. ^ Legge Regionale 28 dicembre 2018, n. 27 - Istituzione del comune Colli Verdi mediante fusione dei comuni di Canevino, Ruino e Valverde, in provincia di Pavia, Regione Lombardia.
  30. ^ Associazione Archeologica Pandora, su archeopandora.it. URL consultato il 30 dicembre 2019.
  31. ^ Pierluigi Bavagnoli, Castelnovo val Tidone, Castello, su mondimedievali.net. URL consultato il 24 febbraio 2020.
  32. ^ Marco Gallione, Castello di Corano, su altavaltrebbia.net, 13 settembre 2012. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  33. ^ Marco Gallione, Castello di Nibbiano, su altavaltrebbia.net, 26 settembre 2012. URL consultato il 14 marzo 2020.
  34. ^ Il castello di Romagnese, su varziviva.net. URL consultato il 14 marzo 2020.
  35. ^ Castello d Trebecco, su turismoapiacenza.it. URL consultato il 15 marzo 2020 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2018).
  36. ^ Val Tidone Competitions, su valtidone-competitions.com. URL consultato il 14 marzo 2020.
  37. ^ Colli Piacentini DOC, su assovini.it. URL consultato il 2 marzo 2020.
  38. ^ Alla scoperta della Val Tidone: territorio ed enogastronomia High Quality, su brianzapiu.it. URL consultato il 14 marzo 2020.
  39. ^ Comune di Piozzano, Piano Strutturale Comunale, p. 45.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]