Pognana Lario

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pognana Lario
comune
Pognana Lario – Stemma
Pognana Lario – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Como-Stemma.png Como
Amministrazione
SindacoClaudio Corbella (lista civica) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate45°53′N 9°09′E / 45.883333°N 9.15°E45.883333; 9.15 (Pognana Lario)Coordinate: 45°53′N 9°09′E / 45.883333°N 9.15°E45.883333; 9.15 (Pognana Lario)
Altitudine307 m s.l.m.
Superficie5,07 km²
Abitanti691[1] (30-11-2019)
Densità136,29 ab./km²
Comuni confinantiFaggeto Lario, Laglio, Nesso
Altre informazioni
Cod. postale22020
Prefisso031
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT013186
Cod. catastaleG773
TargaCO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Nome abitantipognanesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pognana Lario
Pognana Lario
Pognana Lario – Mappa
Posizione del comune di Pognana Lario nella provincia di Como
Sito istituzionale

Pognana Lario (Pugnana in dialetto comasco, pronuncia fonetica IPA: /puˈɲana/) è un comune italiano di 691 abitanti della provincia di Como in Lombardia.

Il comune di Pognana Lario fa parte della Comunità Montana Triangolo Lariano.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il suo nome deriva dal nome latino di persona Apponius, con l'aggiunta del suffisso -anus. La specifica si riferisce alla denominazione dotta del lago di Como.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Durante il Ducato di Milano, il comune di Pognana fece parte della pieve di Nesso, feudo di Lucrezia Crivelli dal 1497 e della famiglia Casnedi dal 1647[3][4] fino al 1787, anno della morte dell'ultimo erede maschio che determino il ritorno del feudo tra le disponibilità della Regia Camera del Ducato.[5]

Già nel primo quarto del XVI secolo Pognava risultare formare un unico comune con la località di Quarzano, la quale risultava formare un'entità comunale a sè stante già nel 1335.[3] Nel 1751 l'unione amministrativa risultò comprendere anche Canzaga.[3][4] Nello stesso anno, il territorio comunale comprendeva anche il cassinaggio di Rippa.[3][4]

Un decreto di riorganizzazione amministrativa del Regno d'Italia napoleonico datato 1807 sancì, per il comune di Pognana, l'annessione di Lemna e Palanzo.[6] La decisione fu tuttavia cancellata dalla Restaurazione.[7][8]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale[9], risalente al XVIII secolo[10].
La chiesa parrocchiale

In località Rovasco

La Chiesa di San Miro[11], risalente al XII-XIII secolo[10][12], nella seconda metà del Quattrocento fu oggetto di importanti ristrutturazioni che comportarono un ampliamento della struttura, grazie a una modifica della pianta e a un innalzamento del soffitto[12]. Esternamente, si presenta con una facciata a capanna[12]. Sul fianco destro si innesta un campanile, mentre il sinistro è decorato da affreschi protoromanici che raffigurano un Santo frate e un San Cristoforo con due angeli[12]. Un San Cristoforo affrescato si trova anche all'interno della chiesa, ove si conserva altresì un affresco raffigurante una Madonna col Bambino.

Veduta di Rovasco. In centro, spicca la chiesa di San Miro

In località Canzaga

  • Chiesa di San Rocco[13], risalente al XII-XIII secolo[10].
Veduta di Pognana. In alto a destra: Canzaga e la Chiesa di San Rocco

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Demografia pre-unitaria[modifica | modifica wikitesto]

  • 1751: 420 abitanti[3]
  • 1771: 389 abitanti[5]
  • 1799: 400 abitanti[6]
  • 1805: 405 abitanti[6]
  • 1809: 996 abitanti (dopo l'annessione di Lemna e Palanzo)[6]
  • 1853: 425 abitanti[14]

Demografia post-unitaria[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[15]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2019.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su protezionecivile.gov.it.
  3. ^ a b c d e Comune di Quarzano, sec. XIV - 1757 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 maggio 2020.
  4. ^ a b c Comune di Pognana, sec. XVIII - 1757 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 maggio 2020.
  5. ^ a b Comune di Pognana, 1757 - 1797 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 maggio 2020.
  6. ^ a b c d Comune di Pognana, 1798 - 1815 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 maggio 2020.
  7. ^ Comune di Palanzo, 1816 - 1859 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 maggio 2020.
  8. ^ Comune di Lemna, 1816 - 1859 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 maggio 2020.
  9. ^ Chiesa Parrocchiale - complesso, Via Canzaga - Pognana Lario (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 22 marzo 2020.
  10. ^ a b c Comune di Pognana Lario, su www.comune.pognanalario.co.it. URL consultato il 25 marzo 2020.
  11. ^ Chiesa di S. Miro - complesso, Via ai Monti - Pognana Lario (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 22 marzo 2020.
  12. ^ a b c d RomaniCOMO, su www.romanicomo.it. URL consultato il 22 marzo 2020.
  13. ^ Chiesa di S. Rocco - complesso, Via Canzaga - Pognana Lario (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 22 marzo 2020.
  14. ^ Comune di Pognana, 1816 - 1859 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'11 maggio 2020.
  15. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN135042921
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia