Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Schignano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la storica frazione di Vaiano in provincia di Prato, vedi Schignano (Vaiano).
Schignano
comune
Schignano – Stemma
Schignano – Veduta
Panorama di Schignano, al centro la frazione principale di Occagno a destra in primo piano quella di Retegno, sullo sfondo il Monte Comana (1.210 metri).
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Como-Stemma.png Como
Amministrazione
Sindaco Ferruccio Rigola (lista civica Camminiamo insieme verso il futuro) dal 25-05-2014
Territorio
Coordinate 45°56′00″N 9°06′03″E / 45.933333°N 9.100833°E45.933333; 9.100833 (Schignano)Coordinate: 45°56′00″N 9°06′03″E / 45.933333°N 9.100833°E45.933333; 9.100833 (Schignano)
Altitudine 650 m s.l.m.
Superficie 10,12 km²
Abitanti 852[1] (31-07-2017)
Densità 84,19 ab./km²
Frazioni Almanno, Auvrascio, Molobbio, Occagno, Perla, Posa, Retegno, Vesbio
Comuni confinanti Argegno, Brienno, Breggia (CH-TI), Carate Urio, Casasco d'Intelvi, Cerano d'Intelvi, Dizzasco, Moltrasio
Altre informazioni
Cod. postale 22020
Prefisso 031
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 013211
Cod. catastale I529
Targa CO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti schignanesi
Patrono Santa Maria Assunta
Giorno festivo 15 Agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Schignano
Schignano
Schignano – Mappa
Posizione del comune di Schignano nella provincia di Como
Sito istituzionale

Schignano (Schignàn in dialetto comasco, pronuncia fonetica IPA: /ʃkiˈɲãː/) è un comune italiano di 861 abitanti[1] della provincia di Como in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Epoca Antica[modifica | modifica wikitesto]

È stata rinvenuta nell'attuale territorio una spada in ferro con fodero, databile circa al 120 a.C., oggi visibile al Museo archeologico Paolo Giovio di Como.

Epoca Medievale: periodo comunale e visconteo[modifica | modifica wikitesto]

Le prime notizie riguardo a Schignano risalgono al XIII secolo, anticamente il paese era situato più in basso dell'attuale livello del centro di Occagno, così rimase fino alla peste nera del trecento quando raso al suolo fu ricoperto completamente di calce per eliminare il morbo, in ricordo dei morti di peste e per scongiurare una futura pestilenza facendo voto all'addolorata venne eretta nel 1476 in quella medesima posizione la cappella del Calcéta.
Negli Statuti di Como del 1335 i "comunia locorum de Schegniano, Uratio, Morobio et Castello" appartenevano alla Pieve d'Intelvi che la ripartizione territoriale del 1240 attribuiva al quartiere di Porta San Lorenzo e Coloniola della città di Como. Schignano risulta facente parte della Pieve d'intelvi anche dal "Liber consulum civitatis Novocomi" dove sono inseriti i giuramenti dei consoli del comune dal 1510 al 1517.
Agli inizi del quattrocento Como e le terre di Lugano erano contese tra la famiglia Visconti e la famiglia Rusca, nel 1416 Lotario Rusca vendette Como ai Visconti ma la Pieve d'Intelvi, tutta la Valle e le terre di Lugano rimasero sotto il suo controllo.
Nel 1474 nacque ufficialmente la parrocchia di Schignano attestato da un'iscrizione sulla facciata della Chiesa di Santa Maria. La parrocchia era attestata nel vicariato e pieve Vallis Intelvi nel 1651, solo dal 1730 il prevosto di Schignano riceve le insegne prepositurali, nel 1788 la parrocchia era di patronato della comunità e all'interno dei confini esistevano anche le chiese di San Giovanni Battista ad Occagno e di San Giuseppe in Aurascio tuttora visitabili.

Epoca Moderna[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1521 quando Milano e Como caddero sotto il dominio degli spagnoli, l'intera Valle Intelvi che faceva parte del contado comasco rimase alla famiglia Rusca fino al 1583 tranne che il breve periodo della dominazione di Gian Giacomo Medici detto il Medeghino. Come per tutto il territorio della provincia anche qui si possono trovare tracce profonde dei domini stranieri che si sono susseguiti. Dagli atti delle visite pastorali del vescovo Feliciano Ninguarda risulta che nel 1589 la comunità era composta da 65 fuochi per un totale di 300 abitanti circa.
Nel 1644 il comune non era più inserito nella Pieve d'Intelvi bensì nel territorio dei "Cinque comuni della Mezzena" nel contado di Como di cui facevano parte anche Casasco, Cerano, Mezzena e Pigra.
Secondo il "Compartimento territoriale specificante le cassine" del 1751, Schignano era sempre inserito nei "Cinque comuni della Mezzena" ma il suo territorio comprendeva anche i cassinaggi di Retegno, Aurasco, Cassina Bedole, Cassine di Perla, Cassina di Vesbio, Manno e Cassina del Manno. Dal censimento del 1751 emerge che il comune era composto inoltre dalle tre terre di Occagno, Rettegno e Aurascio e comprendeva circa 697 abitanti e non era infeudato, quindi pagava per la redenzione la "mezz'annata" pari a una certa somma di lire ogni quindici anni. L'organo deliberativo della comunità era il convocato, composto da tutti i "vicini", che si riunivano in un solito luogo per deliberare, eleggevano un sindaco, un console e un cancelliere anche se spesso quest'ultimo non veniva eletto per risparmiare il denaro di un salario e era il sindaco che ne assumeva le funzioni tra cui la cura delle pubbliche scritture conservate in una cassa presso la "chiesa figliale", il console era eletto tra tutti gli uomini di età superiore ai diciotto. Per l'esazione dei tributi veniva eletto ogni tre anni un esattore. Schignano era sottoposto alla giurisdizione del podestà di Como al quale il console prestava giuramento.
Schignano compare nell'"indice delle pievi e comunità dello stato di Milano" del 1753 ancora appartenente ai cinque comuni della mezzena. In seguito alla "Riforma al governo della città e contado di Como" , il comune venne inserito nel nuovo compartimento territoriale dello Stato di Milano con l'editto del 10 giugno 1757, come comunità appartenente alla Pieve d'isola nel contado comasco e contava nel 1771 708 abitanti circa, in seguito alla statistica delle anime del medesimo anno.

La dominazione austriaca[modifica | modifica wikitesto]

In seguito alla suddivisione della Lombardia austriaca in province con l'editto del 26 settembre 1786, Schignano venne confermato all'interno della Pieve d'isola e inserito nella provincia di Como.
Con il nuovo compartimento territoriale per l'anno 1791 Schignano rimase all'interno della Pieve d'Isola ma inserito nel V distretto censuario dell'allora Provincia di Como.

La dominazione francese[modifica | modifica wikitesto]

In seguito al passaggio di dominio dagli austriaci ai francesi guidati da Napoleone Bonaparte il territorio fu suddiviso in dipartimenti come previsto dalla costituzione della Repubblica Cisalpina dell'8 luglio 1797 e con legge del 27 marzo 1798, il Comune di Schignano venne inserito nel Dipartimento del Lario, Distretto di Tremezzo. Con la successiva legge del 26 settembre 1798, venne trasportato nel Dipartimento d'Olona, Distretto XXIII di Argegno, poiché per un breve periodo era stato occupato dalle truppe russo-tedesche. Nel gennaio del 1799 contava 1015 abitanti. Secondo quanto disposto dalla legge 13 marzo 1801, il comune inserito nel Distretto I di Como tornò a far parte del ricostituito Dipartimento del Lario.
Con la riorganizzazione del dipartimento, avviata a seguito della legge di riordino delle autorità amministrative del 1802 e resa definitivamente esecutiva durante il Regno d'Italia, Schignano venne inserito inizialmente nel Distretto V ex comansco di San Fedele Vall'Intelvi, classificato comune di III classe (21) e successivamente collocato nel Distretto I di Como, Cantone III di San Fedele. Prima dell'aggregazione contava 1042 abitanti, dal 1807 fu disposta una concentrazione per i paesi di II e III classe così Schignano venne aggregato ad Argegno tale scelta venne confermata nel 1812.

Periodo risorgimentale e Unità d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il Congresso di Vienna la regione tornò di nuovo all'Impero Asburgico dominio che durò fino ai moti del 1848 che portarono alla liberazione, e anche Schignano diede il proprio contributo in queste vicende con il valoroso patriota "Domenico Ceresa" detto Tardèt che si unì con altri personaggi della valle come l'eroe sanfedelino " Andrea Brenta" ai moti di rivolta al dominio degli austriaci.
Con l'attivazione dei comuni della provincia di Como, in base alla compartimentazione territoriale del Regno Lombardo-Veneto, il ricostituito comune venne inserito nel Distretto V di San Fedele e confermato dal dispaccio governativo del 2 settembre 1826, in seguito del successivo compartimento delle province lombarde.
In seguito con il compartimento territoriale della Lombardia, il Comune di Schignano fu inserito nel Distretto IX di San Fedele e era composto da 1984 abitanti. Con l'unione della Lombardia al Regno di Sardegna, in base al compartimento territoriale previsto dal Decreto Rattazzi, Schignano fu incluso nel Mandamento VI di Castiglione e Circondario I di Como, Provincia di Como composto da 2063 abitanti, il Comune era retto da un consiglio di quindici membri con una giunta di due. Alla costituzione del Regno d'Italia, il Comune aveva una popolazione di 2015 abitanti ed entrò ufficialmente a fare parte del Regno, venne amministrato da un sindaco, una giunta e un consiglio. [2] [3]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è costituito da un insieme di frazioni, tra le quali la più grande e popolosa è quella di Occagno, che si incontra all'entrata del territorio comunale provenendo da Argegno sul Lago di Como. È posizionato nella Val d'Intelvi e il suo punto più alto si trova in corrispondenza della cima del monte Sasso Gordona, a 1.410 m s.l.m. L'abitato nelle sue varie frazioni è posto in una conca chiusa da altri monti: il Gringo, il Monte Comana, il Treviglio, il Pizzo della Croce (il più elevato con i suoi 1.491 metri), ed il Monte San Zeno.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazioni passate[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1864 1864 Giuseppe Peduzzi Sindaco [5]
1865 1865 Domenico Giobbi Sindaco
1867 1868 Francesco Peduzzi Sindaco
1869 1872 Antonio Peduzzi Sindaco
1877 1881 Domenico Peduzzi Sindaco [6]
1882 1885 Lorenzo Maglia Sindaco [7]
1886 1890 Domenico Peduzzi Sindaco [8]
1891 1902 Domenico Giobbi Sindaco [9]
1902 1906 Francesco Peduzzi Sindaco [10]
1906 1911 Domenico Peduzzi Sindaco [11]
1911 1914 Battista Ceresa "Furbet" Sindaco [12]
1915 1920 Giacomo Peduzzi "Furbet" Sindaco [13]
1920 1923 Carlo Ceresa "Pedina" Sindaco [14]
1923 1925 Giuliano Fontana Commissario Prefettizio [15]
1925 1926 Ezio Peduzzi Sindaco [16]
1926 1935 Dante Rosati Podestà del Fascismo [17]
1935 1940 Bartolomeo Berini Podestà del Fascismo [18]
1941 1943 Rodolfo Civelli Podestà del Fascismo [19]
1943 1944 Carlo Berini Commissario Prefettizio [20]
1944 1945 Rodolfo Civelli Commissario Prefettizio [21]
1945 1950 Giovanni Rigola Sindaco [22]
1951 1955 Cesare Panizza Sindaco
1956 1960 Ferdinando Ceresa Sindaco
1961 1965 Aurelio Gelpi Sindaco
1965 1970 Lelio Peduzzi Sindaco
1970 1995 Evaristo Gaggetta Sindaco
1995 2004 Ferruccio Rigola Lista Civica Sindaco
2004 2009 Gabriella Bordoli Lista Civica Sindaco
2009 2014 Carla Cerutti Lista Civica Sindaco
2014 oggi Ferruccio Rigola Lista Civica Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Schignano è gemellato col comune francese di Saint-Amé, dipartimento dei Vosgi, regione della Lorena; luogo dove sono emigrati molti cittadini schignanesi nella prima parte del XX secolo.

Un altro comune con cui è gemellato è Cermenate, anch'esso situato in Provincia di Como.

Manifestazioni e sagre:[modifica | modifica wikitesto]

Il carnevale di Schignano[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: carnevale di Schignano.

A Schignano si tiene un caratteristico carnevale le cui maschere sono costituite da tipici personaggi locali: i Bei, i Brütt, la Ciocia, i Sapeur, la Sigurtà, e il Carlisepp. La stessa manifestazione è stata raccontata anche dal cantautore Davide Van de Sfroos nella canzone "El Carnevaal de Schignan", contenuta nell'album Yanez del 2011

I personaggi carnevaleschi.

Il Vicolo Poldo[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il famoso carnevale questa è una delle manifestazioni più importanti del paese. È una manifestazione culturale che propone l'esposizione di opere d'arte sia in concorso sia fuori concorso nel campo della scultura, della pittura, della poesia e dell'acquarello, questa categoria è presente solo dagli ultimi tre anni.

I partecipanti, nonché artisti possono esaltare la loro creatività mettendoci le proprie emozioni, tradizioni e il gusto per l'arte locale; le opere in concorso vengono valutate da una giuria tecnica a seconda della categoria e nominati per ognuna il primo, secondo e terzo classificato.

È nata nel 1975 e nel 2017 ha raggiunto i suoi 43 anni di attività, riscuotendo sempre enorme successo e addirittura migliorandosi nel tempo, aggiungendo altre categorie come e introducendo anche una giuria popolare.

Mangialonga delle frazioni[modifica | modifica wikitesto]

La Mangialonga è una camminata gastronomica con dieci tappe lungo le quali i partecipanti possono degustare i prodotti tipici della zona o addirittura del paese, si svolge sempre l'ultima domenica del mese di agosto a conclusione del periodo delle vacanze estive. I prodotti che si possono degustare variano dal dolce come la torta di pane e dai primi piatti come gli gnocchi del cucchiaio e la Balocia, un cartoccio di polenta con formaggi fusi all'interno fino ai salumi e formaggi della valle. Al 2017 l'evento ha raggiunto la 19esima edizione recuperando la precedente numerazione iniziata nel 1999; ha ha sempre riscosso successo incrementando le partecipazioni di anno in anno.

Boscultura[modifica | modifica wikitesto]

Ciò che riguarda l'evento lo dice la parola stessa nel titolo, ovvero "sculture nel bosco" che sono realizzate lungo i sentieri del territorio boschivo all'interno del paese. In realtà è una manifestazione di recente invenzione, la prima edizione è del 2014, si svolge da allora ogni anno nel periodo tra la fine di maggio e l'inizio di giugno, ha la durata di una settimana e per tutto il periodo i diversi scultori nonché i mascherai del carnevale realizzano vere e proprie opere d'arte lignee nei tronchi degli alberi sul sentiero seguendo la tematica decisa per ogni edizione, infatti nel 2015 il tema era il cibo stesso tema dell'esposizione universale, Expo Milano 2015 mentre nel 2016 era il contrabbando di sigarette (fenomeno presente nella zona nel secondo dopoguerra), nel 2017 il tema ha riguardato i miti e le leggende della montagna. Alla fine della settimana, in base alle libere votazioni dei visitatori, viene proclamato un vincitore.

Le sculture rappresentano un vero museo a cielo aperto e si possono ammirare tutto l'anno. Ad oggi le sculture sono circa trenta, e si proseguirà ad incrementarne il numero fino al 2018; anno del previsto termine per la creazione del cosiddeto "sentiero delld espressioni".

Naufragio del Titanic[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Peduzzi[23] schignanese che nel 1900 appena dodicenne si trasferì in Inghilterra, nel 1912 si imbarcò sull'RMS Titanic diretto negli Stati Uniti in cerca di fortuna e fu una delle 1518 vittime del naufragio. Una targa posta all'ingresso del locale cimitero ne ricorda la figura.

La lapide restaurata in occasione del centenario dell'affondamento del Titanic, che ricorda Giuseppe Peduzzi.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2017.
  2. ^ "Il carnevale degli schignanesi" di Stefania Pedrazzani e Pierluigi Gatti
  3. ^ "Progetto Civita, le istituzioni storiche del territorio lombardo", Regione Lombardia 2000 e 2002, Milano, a cura di Domenico Quartieri, Loredana Menichetti e Caterina Antonioni
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Archivio storico comune di Schignano
  6. ^ Archivio storico comune di Schignano
  7. ^ Archivio storico comune di Schignano
  8. ^ Archivio storico comune di Schignano
  9. ^ Archivio storico comune di Schignano
  10. ^ Archivio storico comune di Schignano
  11. ^ Archivio storico comune di Schignano
  12. ^ Archivio storico comune di Schignano
  13. ^ Archivio storico comune di Schignano
  14. ^ Archivio storico comune di Schignano
  15. ^ Archivio storico comune di Schignano
  16. ^ Archivio storico comune di Schignano
  17. ^ Archivio storico comune di Schignano
  18. ^ Archivio storico comune di Schignano
  19. ^ Archivio storico comune di Schignano
  20. ^ Archivio storico comune di Schignano
  21. ^ Archivio storico comune di Schignano
  22. ^ Archivio storico comune di Schignano
  23. ^ Biografie degli italiani del TITANIC

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN146781588
Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia