Bregnano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bregnano
comune
Bregnano – Stemma Bregnano – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Como-Stemma.png Como
Amministrazione
SindacoElena Daddi (lista civica di centro-sinistra Bregnano in movimento) dal 26-5-2019 (2º mandato)
Territorio
Coordinate45°41′50″N 9°03′40″E / 45.697222°N 9.061111°E45.697222; 9.061111 (Bregnano)Coordinate: 45°41′50″N 9°03′40″E / 45.697222°N 9.061111°E45.697222; 9.061111 (Bregnano)
Altitudine290 m s.l.m.
Superficie6,17 km²
Abitanti6 527[1] (31-3-2019)
Densità1 057,86 ab./km²
FrazioniMengardo, Puginate, Gesiolo, San Giorgio, San Michele, San Rocco
Comuni confinantiCadorago, Cermenate, Lazzate (MB), Lomazzo, Rovellasca
Altre informazioni
Cod. postale22070
Prefisso031
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT013028
Cod. catastaleB134
TargaCO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantibregnanesi
Patronosan Michele
Giorno festivo29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Bregnano
Bregnano
Bregnano – Mappa
Posizione del comune di Bregnano nella provincia di Como
Sito istituzionale

Bregnano (Bregnán in dialetto comasco[2], pronuncia [breˈɲɑɳ]) è un comune italiano di 6 527 abitanti[1] della provincia di Como in Lombardia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Bregnano si trovava, alla fine dell'ultima glaciazione, nelle lingue dei ghiacciai che scendevano dalla Valtellina, dalla Valchiavenna e quindi dal Lago di Como, come testimoniano le colline di origine morenica nelle vicinanze dell'abitato.

Situato ai margini esterni della Brianza e della Bassa Comasca, il comune di Bregnano si trova a un'altitudine media di 290 metri sul livello del mare e confina a nord con Cadorago (frazione Bulgorello), a est con Cermenate, a sud con Lazzate e Rovellasca, a ovest con Lomazzo.

A ovest, per tutta la lunghezza del territorio, fluisce il torrente Lura e parte di quel territorio comunale contribuisce a costituire il Parco Locale di Interesse Sovracomunale della Valle del Lura, così come il laghetto Rosoré e l'aria umida attigua. Inoltre, nei pressi del confine con Cadorago e Vertemate, esistono le sorgenti della Roggia Murella, un fosso che stagionalmente si riempie d'acqua.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La più antica attestazione storica si ha in un documento del IX secolo che riporta la località con il nome di Beroniano.

Gli avvenimenti più importanti che lo riguardano si inseriscono nelle contese che opposero Como a Milano nel XII secolo. Nella seconda metà del XII secolo, Bregnano fu posto sotto la giurisdizione ecclesiastica, quale feudo del vescovo di Como Ardizzone di Castello.

Gli annessi agli Statuti di Como del 1335 riportano il "comune de Bregniano" e il “comune loci de Puzinate” all'interno della pieve di Fino, entro cui vi rimasero fino a oltre la metà del XVIII secolo [3][4].

Bregnano, che faceva parte dei possedimenti feudali della famiglia Carcano (di antica origine milanese), nel 1751 risultò libero dall'infeudazione e soggetto a un pagamento quindecennale per la relativa "redenzione"[3]. Due anni più tardi il comune di Puginate risulta già comprendere la comunità di Cassina Manigardi[4] (detta anche "Manigardo" o "Menigardo"[5]), attestata nella pieve di Fino già nel 1652 e, allo stesso modo di Bregnano, non più infeudata nel 1751[5].

In seguito, il compartimento territoriale del Ducato di Milano del 1756 indicò Bregnano, Puginate e Cassina Manigardi come facenti parte di un unico comune[6].

Nei secoli successivi, il comune di Bregnano con Puginate e Cassina Manigardi seguì le vicende del resto della provincia di Como.

Recentemente Bregnano ha conosciuto una certa dinamicità culturale e paesaggistica con la creazione del Parco del Lura e la costituzione di associazioni come, ad esempio, la Pro Loco o la Bi Bi Banda Bregnano.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • La chiesa di San Michele fu ristrutturata nel XVI secolo[7] sulla base di una cappella attestata nella pieve di Fino già alla fine del XIII secolo[8].
  • La chiesa di San Giorgio (XVI secolo)[9] fu fino al 1788 comparrocchiale con la chiesa di San Michele. Successivamente vicaria della stessa, fu elevata a sede parrocchiale nel 1860 dal vescovo Giuseppe Marzorati[10].
  • A Puginate, la chiesa dei Santi Ippolito e Cassiano[11] divenne, nel 1784, vicaria della parrocchia di San Michele[12]. Nel 1862 fu elevata a sede di una parrocchia propria, ottenuta da uno smembramento di territorio fino ad allora attribuito alla parrocchia di San Michele[12].

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Nella frazione San Michele si possono vedere le mura perimetrali del vecchio castello medievale, ora adibito a uso industriale. Bregnano è inoltre conosciuto per le sue numerosissime corti sparse tra le tre frazioni; un tempo erano adibite a uso agricolo e abitativo, ora solo abitativo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Prima dell'unità d'Italia

  • 1751: 880 abitanti a Bregnano[3] e 37 a Cassina Manigardi[5]
  • 1771: 1066 abitanti[6]
  • 1799: 1300 abitanti[13]
  • 1805: 1178 abitanti[13]
  • 1853: 1976 abitanti[14]

Dopo l'unità d'ItaliaAbitanti censiti[15]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Nei pressi della Cascina Menegardo aveva sede un piccolo museo, ora soppresso, unico in Italia, interamente dedicato alle api, al loro allevamento e alla produzione del miele. Qui era possibile osservare una collezione di più di duemila pezzi pazientemente raccolti in mezzo secolo. Da qualche anno il museo è stato trasferito in Liguria.

Media[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Nella seconda metà degli anni settanta nacque a Bregnano una delle prime emittenti libere della zona, Radio Club Lura (FM 88,700 MHz e 88,950 MHz), dal nome del torrente che intercetta il centro abitato. La stazione, che aveva sede in Via Diaz 19, ebbe un buon seguito e si sviluppò a livello editoriale e commerciale anche grazie all'installazione di un ripetitore sugli 88,800 MHz sul Monte Bisbino, altura sopra Cernobbio da dove era possibile interessare una vastissima porzione del nord della Lombardia. Per l'occasione l'emittente mutò l'originario marchio, eccessivamente locale, in Radio Blu. L'emittente cedette poi gli impianti a Rete Radio Kappa CB di Mariano Comense, che a sua volta li alienò a Radio Maria che li esercisce tuttora.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è costituito da due località, San Michele e San Giorgio, e da una frazione, Puginate, che piano piano si sta agglomerando negli altri due nuclei. Altri piccoli nuclei sono San Rocco a sud-ovest, benché considerato parte integrante di San Giorgio, e Menegardo, nei pressi dell'omonima piattaforma ecologica, condivisa tra S. Giorgio e Puginate.

Puginate[modifica | modifica wikitesto]

È una frazione di 2.000 abitanti circa. Presenta una massiccia torre campanaria fatta edificare da don Carlo Clerici, nativo di Bulgorello, e benedetta dal Vescovo di Como, S.E. Teodoro Valfrè di Bonzo, a inizio del Novecento. Anticamente era presente in paese il convento degli Umiliati, ordine religioso poi soppresso, che motiva le grandi dimensioni dell'attuale chiesa, recentemente fatta restaurare da don Aldo Milani su lascito del predecessore, don Silvio Rezzonico. Da segnalare anche il parco pubblico "Cederna" e la "Casa dei Pini", particolare per il giardino ammirabile dall'esterno con presenti diverse sculture policromatiche

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Bregnano è collegata con la vicina stazione ferroviaria di Lomazzo e il comune di Cantù dagli autobus della linea C84, gestita da FNMA[16], mentre l'azienda ASF gestisce il trasporto pubblico verso la città di Como[17], tramite il servizio della linea C60 che a Bregnano ha il suo capolinea.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Da segnalare l'US Bregnanese che milita in Prima Categoria. e la UC Puginatese nota associazione di ciclismo ora cessata: Società nota in tutta Italia con ben 60 anni di storia che ha forgiato una serie di campioni del ciclismo (vedi Casartelli)

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2009 Angelo Dubini lista civica sindaco
2009 2014 Evelina Arabella Grassi centrodestra (PDL - Lega Nord) sindaco
2014 in carica Elena Daddi lista civica di centrosinistra sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 marzo 2019.
  2. ^ Per il dialetto comasco, si utilizza l'ortografia ticinese, introdotta a partire dal 1969 dall'associazione culturale Famiglia Comasca nei vocabolari, nei documenti e nella produzione letteraria.
  3. ^ a b c Comune di Bregnano, sec. XIV - 1757 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 28 aprile 2020.
  4. ^ a b Comune di Puginate, sec. XIV - 1757 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 28 aprile 2020.
  5. ^ a b c Comune di Menigardo, sec. XVII - 1757 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 28 aprile 2020.
  6. ^ a b Comune di Bregnano, 1757 - 1797 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 28 aprile 2020.
  7. ^ Chiesa di S. Michele - complesso, Piazza S. Michele - Bregnano (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 28 aprile 2020.
  8. ^ SIUSA - Parrocchia di S. Michele in Bregnano, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 28 aprile 2020.
  9. ^ Chiesa di S. Giorgio - complesso, Via Dante - Bregnano (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 28 aprile 2020.
  10. ^ SIUSA - Parrocchia di S. Giorgio in Bregnano, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 28 aprile 2020.
  11. ^ Chiesa dei SS. Ippolito e Cassiano - complesso, Via Volta - Bregnano (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 28 aprile 2020.
  12. ^ a b SIUSA - Parrocchia dei SS. Ippolito e Cassiano in Puginate di Bregnano, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 28 aprile 2020.
  13. ^ a b Comune di Bregnano, 1798 - 1815 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 28 aprile 2020.
  14. ^ Comune di Bregnano, 1816 - 1859 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 28 aprile 2020.
  15. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  16. ^ FNMA Autoservizi, su www.fnmautoservizi.it. URL consultato il 25 aprile 2017.
  17. ^ ASF Autolinee, su www.asfautolinee.it. URL consultato il 25 aprile 2017 (archiviato dall'url originale il 26 aprile 2017).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bregnano e la sua storia, Carlo Marcora
  • Bregnano San Giorgio e la sua Parrocchia, Chiara Locatelli e collaboratori

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia