San Bartolomeo Val Cavargna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Bartolomeo Val Cavargna
comune
San Bartolomeo Val Cavargna – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Como-Stemma.png Como
Amministrazione
SindacoMoreno Bonardi (lista civica) dal 20-03-2018
Territorio
Coordinate46°05′N 9°09′E / 46.083333°N 9.15°E46.083333; 9.15 (San Bartolomeo Val Cavargna)Coordinate: 46°05′N 9°09′E / 46.083333°N 9.15°E46.083333; 9.15 (San Bartolomeo Val Cavargna)
Altitudine875 m s.l.m.
Superficie10,51 km²
Abitanti997[1] (30-6-2018)
Densità94,86 ab./km²
FrazioniSora, Costa, Oggia, Ambesello-Vraghez, Rus di Vora, Cagum, Darni, Rus dei Gatti, Valera, Seravada, Tavagnacco, Bedera, Vraccia
Comuni confinantiCarlazzo, Cusino, Garzeno, San Nazzaro Val Cavargna
Altre informazioni
Cod. postale22010
Prefisso0344
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT013204
Cod. catastaleH760
TargaCO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona F, 3 279 GG[2]
Nome abitantibortolini
PatronoSan Bartolomeo
Giorno festivo24 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Bartolomeo Val Cavargna
San Bartolomeo Val Cavargna
San Bartolomeo Val Cavargna – Mappa
Posizione del comune di San Bartolomeo Val Cavargna nella provincia di Como
Sito istituzionale

San Bartolomeo Val Cavargna (San Bòrtol in dialetto comasco[3], AFI: [sãˈbortul] o [sãˈbɔrtul], e semplicemente San Bartolomeo fino al 1863) è un comune italiano di 997 abitanti della provincia di Como in Lombardia.

Il primo Consiglio comunale fu eletto nel 1821.[4]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Comune montano al centro della val Cavargna, San Bartolomeo si sviluppa fra i 700 ed i 900 metri di quota sullo sperone che domina la confluenza della valle di Lana con la valle principale, incisa dal torrente Cuccio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ai tempi del Ducato di Milano, il comune di San Bartolomeo faceva parte della pieve di Porlezza[5].

I cassinaggi di Galbino, Vora e Sora risultano parte integrante di San Bartolomeo già nel 1751.[6]

Quando, nel 1812, Napoleone Bonaparte decretò un intervento di concentrazione dei comuni meno popolosi del Regno d'Italia, San Bartolomeo venne incorporato nel comune di San Nazzaro[5]. Tale aggregazione venne tuttavia abrogata nel 1816 per mano degli austro-ungarici, tornati in possesso della Lombardia in seguito alla caduta di Napoleone e determinati nel riformare l'amministrazione del costiuito Regno lombardo-veneto mediante l'attivazione di nuove province, tra cui quella di Como[5].

In seguito all'unità d'Italia, un Regio Decreto dell'8 febbraio 1863 decretò la ridenominazione del comune di San Bartolomeo in "San Bartolomeo Val Cavargna"[5].

Una seconda aggregazione dei comuni di San Bartolomeo Val Cavargna e San Nazzaro Val Cavargna fu in vigore tra il 1928 e il 1950[5].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Bartolomeo

San Bartolomeo già verso la fine del XIII secolo aveva una sua chiesetta, inizialmente sotto le dipendenze della pieve di Porlezza[7] e poi, nel 1582, elevata a parrocchia.

La chiesa parrocchiale che fu demolita ai primi del Novecento perché fatiscente, era di grandi dimensioni e fu salvato solo il campanile che porta scolpita la data 18 agosto 1626[8]. Tra il 1909-11, con opposto orientamento, sorse la nuova Parrocchiale di San Bartolomeo Apostolo, un edificio grandioso con transetto di un mediocre neogotico.

Da ampia gradinata si accede alla facciata che incorpora quella del demolito edificio. All'interno troviamo un bell'altare barocco in marmi policromi e due affreschi raffiguranti la Madonna in trono con il Battista e San Rocco, del XV secolo, e Sant'Antonio da Padova, del XVII secolo, strappati da abitazioni di Vora e di Sora. La chiesa conserva inoltre una Sacra Famiglia con San Carlo del 1633 e i Santi Antonio, Stefano e Giacomo del 1652.

Il pittore comasco Eugenio Rossi nel 1963-64 arricchi la chiesa di vetrate a colori nell'abside con i Fatti dell'Antico Testamento ed in facciata, la Regalità della Vergine.

Altre architetture religiose

  • Nella località Tavaino si trovano il cinquecentesco Oratorio di San Rocco[9] e la Chiesa di Santa Margherita, risalente alla metà del XVII secolo[10].
  • La località di Oggia ospita la piccola Chiesa di Santa Maria Ausiliatrice, costruita per voto nel 1949.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Demografia pre-unitaria[modifica | modifica wikitesto]

(Fonte: lombardiabeniculturali)

Demografia post-unitaria[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[11]


Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

San Bartolomeo Val Cavargna comprende sei nuclei:

  • Sora, nel fondovalle, bagnato dal Cuccio;
  • Vora, sul fianco dell'altura soprastante dove c'è la chiesa parrocchiale;
  • Calbino, sede municipale;
  • Tavaino
  • Costa, situata ad oriente e a 925 metri di quota
  • Oggia, situata più a nord, a 1118 metri di quota.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2018.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  3. ^ ortografia milanese
  4. ^ vedi
  5. ^ a b c d e SIUSA - Comune di San Bartolomeo Val Cavargna, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 14 aprile 2020.
  6. ^ Comune di San Bartolomeo, sec. XIV - 1757 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 12 maggio 2020.
  7. ^ SIUSA - Parrocchia di San Bartolomeo di San Bartolomeo Val Cavargna, su siusa.archivi.beniculturali.it. URL consultato il 14 aprile 2020.
  8. ^ Campanile della Chiesa di S. Bartolomeo, Via Fontana - San Bartolomeo Val Cavargna (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 14 aprile 2020.
  9. ^ Chiesa di S. Rocco, Via San Rocco - San Bartolomeo Val Cavargna (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 14 aprile 2020.
  10. ^ Chiesa di S. Margherita, Via Santa Margherita - San Bartolomeo Val Cavargna (CO) – Architetture – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 14 aprile 2020.
  11. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]