Lazzate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lazzate
comune
Lazzate – Stemma
Lazzate – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Monza e della Brianza-Stemma.png Monza e Brianza
Sindaco Loredana Pizzi (Lega Nord) dal 27/05/2013
Territorio
Coordinate 45°40′00″N 9°05′00″E / 45.666667°N 9.083333°E45.666667; 9.083333 (Lazzate)Coordinate: 45°40′00″N 9°05′00″E / 45.666667°N 9.083333°E45.666667; 9.083333 (Lazzate)
Altitudine 260 m s.l.m.
Superficie 5,29 km²
Abitanti 7 605[1] (31-12-2010)
Densità 1 437,62 ab./km²
Comuni confinanti Bregnano (CO), Cermenate (CO), Lentate sul Seveso, Misinto, Rovellasca (CO)
Altre informazioni
Cod. postale 20824
Prefisso 02
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 108025
Cod. catastale E504
Targa MB
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti lazzatesi
Patrono san Lorenzo
Giorno festivo 10 agosto
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Lazzate
Posizione del comune di Lazzate nella provincia di Monza e della Brianza
Posizione del comune di Lazzate nella provincia di Monza e della Brianza
Sito istituzionale

Lazzate (Lazàa in dialetto brianzolo[2]) è un comune della provincia di Monza e della Brianza.

Origine del nome[modifica | modifica sorgente]

L'origine del nome Lazzate / Lazzàa suggerisce un'origine pre-romana stando al suffisso celtico in -ate, diffuso in tutta la Lombardia. Un'ipotesi ricollega l'etimologia alla parola latina lazzatum o lazatum, da laxare, che si significa "dar sollievo, ristoro". Anticamente nella zona c'erano ampie pinete, laghetti che ne facevano un luogo piacevole, che dava appunto sollievo. Il nome Lazzate potrebbe anche derivare da antiche nobili famiglie residenti in Lazzate.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Lazzate è un paese al confine fra il territorio del Seprio, dell'Alto Milanese e della Brianza ed è in provincia di Monza e della Brianza, ma è più vicino a Como. Per i servizi maggiori ci si rivolge generalmente a Saronno, in provincia di Varese. Milano dista solo 26 km; Como solo 17 km e Monza 22 km.

Lazzate è situato nella parte più alta della pianura padana, a circa 260 m s.l.m., con una lieve pendenza verso Misinto. Non è attraversato da corsi d'acqua, ad eccezione di una roggia per le acque reflue, ora interrata, detta la Rota. Il fiume più vicino è il Seveso che passa per Lentate e il torrente Lura che scorre a Rovellasca. In epoca storica a Lazzate esistevano quattro laghetti: uno dove sorge l'attuale Cooperativa, uno dove c'è l'industria Ponzini, uno dove c'era la pesa pubblica (tra la piazza e la chiesa), uno nei pressi dell'ex bar Jolly.

Il territorio di Lazzate si compone di brughiera boscata (verso Lentate sul Seveso), dei boschi del Battù (verso Bregnano), dei boschi e dei campi del Parco delle Groane (verso Copreno e Misinto); vi sono inoltre residue aree coltivate, e le aree edificate o urbanizzate (in centro e in direzione di Misinto).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il primo documento che attesta l'esistenza di Lazzate risale al XIII secolo ed è il Liber Notitiae Sanctorum Mediolani di Goffredo da Bussero. Citano Lazzate un censimento del 1398, e alcuni documenti del 1476 e del 1564. Passato dal Seprio alla Signoria milanese e quindi al Ducato di Milano, nel XV secolo gli Sforza concedono l'investimento del paese ai nobili Missaglia quale compenso per le armature da essi fornite alla casa ducale. Tuttavia, il Signore non dimorò stabilmente a Lazzate. Ai conti Missaglia subentrarono i Biraghi, che avviarono la costruzione della villa che ancora oggi reca il loro nome. Gli anni dal 1538 al 1626 vedono Lazzate sottoposto al dominio Carcassola, che vengono poi sostituiti dal senatore Francesco Maria Casnedi. Capaci di mantenere il possesso della terra i Casnedi superarono il periodo della dominazione spagnola e conservarono il potere anche sotto gli Asburgo, sino al 1787, quando il feudo viene riassorbito dalla camera regia per mancanza di eredi.

Nel XVIII secolo dà frequente alloggio (durante l'autunno soprattutto)

ad Alessandro Volta, l'inventore della pila. Costui è il personaggio che più ha dato fama al paese, che gli è rimasto profondamente legato, come dimostra lo stesso stemma civico, il quale rappresenta il disegno della famosa pila. Volta venne in diversi tempi per villeggiare e studiare nella quiete del paesaggio groano, dimorando nella sua casa, oggi di proprietà della Parrocchia. Durante il Regno d'Italia napoleonico, Lazzate fu brevemente annessa dal Comune di Lentate.

Il XIX secolo segnò un periodo di regresso, dovuto a crisi agricole ed epidemie: in particolare, il colera del 1836 che un affresco in vicolo Madonna ricorda che fu un vero flagello, insieme alla Pellagra. L'unità d'Italia assegna Lazzate al circondario di Monza, aggregandolo però al limitrofo Misinto, fino a tornare autonomo con il Regio Decreto numero 36 del 1905.

Nel secondo dopoguerra, tra il 1951 e il 1958, Lazzate ha visto aumentare di quasi mille unità la sua popolazione grazie all'accresciuto benessere e all'immigrazione dal Meridione. Gli anni '60 e '70 sono caratterizzati da un progressivo abbandono della campagna a favore di altre attività, come l'industria: sono ora presenti industrie di piccole o medie imprese, che danno lavoro a un buon numero di persone operando soprattutto nel settore meccanico e tessile.

Una certa importanza detiene ancora l'artigianato in cui rientrano laboratori per l'intaglio del legno e per la carpenteria metallica. Non ultimo, il terziario, rappresentato dal pubblico impiego e dal commercio.

Trasporti e mobilità[modifica | modifica sorgente]

A Lazzate non sono presenti stazioni ferroviarie ma è presente un servizio di trasporto con autobus della CTNM che lo collega con i comuni limitrofi e con le più vicine sedi di scuole superiori: Saronno, Cesano Maderno e Limbiate.

Le stazioni ferroviarie più vicine sono quelle di

Da Lazzate è possibile raggiungibile facilmente Milano e Como grazie alla Statale dei Giovi (SS35) che passa nei vicini comuni di Lentate sul Seveso e Cermenate. Il tratto della statale che collega Lentate a Cormano è chiamato superstrada Milano-Meda (SP35). Mentre è scollegato con Monza, nuovo capoluogo.

L'entrata autostradale più vicina si trova a Lomazzo dove passa l'Autostrada dei laghi (A9 Lainate - Como - Chiasso).

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Il comune è considerato una roccaforte della Lega Nord che governa ininterrotamante il comune dal 1993 e alle ultime tre elezioni comunali il candidato sindaco ha raggiunto un percentuale del 72% nel 2006 e del 69% nel 2011 e del 68,10% nel 2013[4].All'ingresso del territorio comunale e delle località è presente la dicitura "Comune della Padania"[5].

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1993 1997 Felicita Porta Lega Nord Sindaco
1997 2001 Cesarino Monti Lega Nord Sindaco
2001 2006 Cesarino Monti Lega Nord Sindaco
2006 2011 Riccardo Monti Lega Nord Sindaco
2011 2012 Cesarino Monti Lega Nord Sindaco [6]
2012 2013 Giuseppe Zani Lega Nord Vicesindaco facente funzioni
2013 in carica Loredana Pizzi Lega Nord Sindaco

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 348.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Elezioni Comunali 2013 - Lazzate
  5. ^ Lazzate roccaforte della Lega
  6. ^ Deceduto il 22 luglio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • "Lazzate, un borgo attraverso i secoli", Amm.ne Com.le di Lazzate, dicembre 2005, di Cappelli, Turconi Sormani e Volonté.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]