Lesena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La lesena [le-zè-na] (etimo incerto, forse dall'arabo لسان, lisan, "lingua"[senza fonte]) è un elemento di un ordine architettonico addossato a parete, che consiste in un fusto, a pianta rettangolare, appena sporgente dalla parete stessa, con i relativi capitelli e base.

Definizione[modifica | modifica wikitesto]

La definizione dell'elemento si basa sulla sua funzione decorativa e non portante: la lesena si differenzia in questo dalla parasta, che, sebbene presenti all'esterno un aspetto simile, è un vero elemento di sostegno, con funzione statica, inglobato nella parete e non semplicemente addossato ad essa.

La lesena si distingue dalla "semicolonna", che ugualmente non ha funzione portante, ma è costituita da una mezza colonna tagliata a metà lungo il diametro e addossata alla parete[1]; più raro il termine di "semipilastro".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli ordini applicati a parete, già presenti nell'architettura greca, sono particolarmente diffusi in epoca romana, sia come decorazione di facciate monumentali, che come decorazione delle pareti interne degli spazi pubblici coperti (come portici e celle templari). In alcuni casi la decorazione comprende un ordine di colonne libere, appena staccate dalla parete, raddoppiate a brevissima distanza da lesene addossate, con più ricchi effetti chiaroscurali. Sulla parete spesso l'ordine addossato si inserisce nel rivestimento a lastre di diverse varietà di marmi colorati e lo stesso fusto, liscio o scanalato, è spesso in marmo colorato, in contrasto con basi, capitelli e trabeazione in marmo bianco, con ricchi effetti cromatici.

In epoca medievale la lesena arriva a perdere l'originario aspetto di parte di un ordine architettonico applicato a parete e può divenire una semplice sporgenza verticale, priva di capitello e base.

L'uso romano è ripreso ampiamente in epoca rinascimentale e barocca, quando le lesene sono frequentemente impiegate nella decorazione esterna degli edifici, in special modo per le facciate delle chiese oppure come inquadramento decorativo di finestra.

Lesene, lesene angolari e archetti pensili
Facciata della Chiesa di San Michele ad Oleggio con lesene e archetti pensili

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La definizione sul dizionario della lingua italiana De Mauro - Paravia ( definizione di lesena sulla versione on-line, su old.demauroparavia.it (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2008).) comprende anche la semicolonna.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4697956-6
Architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura

Chiesa di San Michele (Oleggio)