Fornice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la struttura cerebrale, vedi Fornice (cervello).

Il termine fornice (fòr-ni-ce) può indicare sia ogni costruzione arcuata a volta formata da archi sia gli stessi ambienti coperti da esso; quindi anche locali sotto il livello stradale, spesso luoghi di corruzione, da cui il verbo fornicare.

In particolare indica le aperture arcuate degli archi trionfali romani, i quali possono presentare una sola apertura ("a un fornice") o un'apertura centrale maggiore affiancata da due laterali più piccole ("a tre fornici"). Alcune porte delle cinte murarie cittadine, spesso monumentalizzate, potevano presentare due aperture arcuate, come nel caso della Porta Maggiore di Roma: dai due fornici uscivano la via Prenestina e la via Casilina.

Il termine indica inoltre gli archi delle facciate esterne di teatri e anfiteatri, che consentivano di accedere ai posti a sedere nella cavea per mezzo di scale e passaggi anulari ricavati nella struttura di sostegno di essa.

Il codice della strada italiano vieta la sosta sotto i fornici (Art. 158 codice della strada, Divieto di fermata e di sosta dei veicoli).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di architettura