Loveno (Menaggio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Loveno
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
ProvinciaProvincia di Como-Stemma.png Como
ComuneMenaggio-Stemma.png Menaggio
Territorio
Coordinate46°02′26″N 9°13′41″E / 46.040556°N 9.228056°E46.040556; 9.228056 (Loveno)
Altitudine350 m s.l.m.
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale22017
Prefisso0344
Fuso orarioUTC+1
Patronosanti Lorenzo ed Agnese
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Loveno
Loveno

Loveno (Lovee in dialetto comasco[1], AFI: [luˈe:]), è una frazione del comune di Menaggio.

Anticamente fu un comune autonomo, chiamato dapprima Loveno, poi Loveno con Nobiallo (1753[2]), Loveno ed uniti ed infine Loveno sopra Menaggio. Nel 1929 è stato aggregato al comune di Menaggio.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale dei santi Lorenzo ed Agnese, riedificata tra il 1725 ed il 1738 al posto di una precedente dedicata alla Madonna della Cintura[3]. La chiesa conserva un dipinto, restaurato di recente, della Madonna Addolorata.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

La banda[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo bandistico, attualmente composto da 52 elementi, è stato fondato nel 1843 da Giuliano Tenzi ed è uno tra i più antichi della Lombardia.

Nel 2011 il corpo musicale è stato riconosciuto Gruppo d'Interesse Comunale a livello Nazionale attraverso un'iniziativa promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali in occasione del 150° dell'Unità d'Italia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ortografia classica
  2. ^ Comune di Nobiallo, sec. XIV - 1757 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali, su www.lombardiabeniculturali.it. URL consultato l'8 maggio 2020.
  3. ^ a b c d e Annalisa Borghese, Menaggio, in Il territorio lariano e i suoi comuni, vol. 19, Milano, Editoriale del Drago, 1992, p. 295-299.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]