Gronda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

In linguaggio architettonico la gronda è la parte del tetto che in un fabbricato sporge all'esterno del filo del muro e che lo ripara dalle acque piovane dirette e provenienti dai tetti. La struttura che compone la gronda non è parte dell'armatura del tetto ma è opera separata costituita da travicelli aggiunti ai puntoni e agli arcarecci[1][2]. Lo sporto di gronda (noto anche come linda in ambito friulano) è la misura dell'ala del tetto e definisce quanto la gronda sporga dal filo del muro. L'altezza di gronda misura l'altezza di un edificio dal suolo alla linea di gronda. Il canale, solitamente in metallo, che permette lo scarico ordinato delle acque raccolte dalla gronda è la grondaia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gronda, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.
  2. ^ Gronda, in Enciclopedia Italiana, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 1141 · LCCN (ENsh2020005481 · GND (DE4277063-4