Via Pontica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Via Pontica
Via Pontica
Appollonia Sozopol TabulaPeutingeriana.jpg
Apollonia Pontica nella Tabula Peutingeriana
Localizzazione
Stato Vexilloid of the Roman Empire.svgImpero Romano
Stato attuale Turchia Turchia, Bulgaria Bulgaria, Romania Romania, Ungheria Ungheria
Informazioni generali
Tipo strada romana
Inizio Bisanzio (Byzantium)
Fine Histria, Lugio
Informazioni militari
Utilizzatore Impero romano
Funzione strategica via costiera sul Mar Nero (Pontus Euxinus)
[senza fonte]
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La Via Pontica era un'antica strada romana che attraversava la Tracia costeggiando il Mar Nero (in latino: Pontus Euxinus), partendo da Bisanzio (Byzantium) e arrivando a Histria (odierna Istria in Romania). Da Troesmis la strada si portava poi all'interno della Dacia, fino a Lugio, dopo aver risalito il corso del Danubio.

Fu probabilmente realizzata da Traiano dopo il 105 d.C. per mettere in comunicazione la Pannonia con il Mar Nero[1].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La Via Pontica, lasciata Bisanzio, attraversava le seguenti città costiere:

Da Troesmis, la Via Pontica, mantenendo lo stesso nome, si dirigeva poi nell'entroterra e proseguiva in Dacia con le seguenti tappe:

Progetto archeologico bulgaro[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2010, Bozhidar Dimitrov, direttore del Museo Nazionale di Storia, e Simeon Djankov, all'epoca vice primo ministro, avviarono il progetto "Via Pontica", finalizzato al restauro di venti antiche fortezze poste lungo la costa del Mar Nero. Il progetto fu avviato dal punto più meridionale di Rezovo e copre l'intera costa bulgara fino a capo Kaliakra. Questo lavorò ha portato alla scoperta di numerosi nuovi siti archeologici, tra i quali la fortificazione di Akra vicino ad Apollonia Pontica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]