Via Belgica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Via Belgica
(LA) Via Belgica
Via Belgica-kaart.png
Il percorso della Via Belgica[1]
Localizzazione
Stato attualeBelgio Belgio Germania Germania
Coordinate50°56′15.72″N 6°38′04.31″E / 50.9377°N 6.63453°E50.9377; 6.63453Coordinate: 50°56′15.72″N 6°38′04.31″E / 50.9377°N 6.63453°E50.9377; 6.63453
Informazioni generali
Tipostrada romana
InizioColonia Agrippina (Colonia)
FineGesoriacum (Boulogne-sur-Mer); Samarobriva (Amiens)
Informazioni militari
UtilizzatoreImpero romano
Funzione strategicaattraversamento della Gallia Belgica dal Reno al mare del Nord
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Con il termine moderno via Belgica (denominata anche Via Agrippinensis) si indica[2][3] un'antica strada militare romana della Gallia Belgica, che univa Colonia Agrippina alla costa del Mare del Nord.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La via Belgica iniziava a Colonia come prolungamento del decumano maggiore (l'odierna Schildergasse)[4]. Quindi passava per Iuliacum (Jülich), Coriovallum (Heerlen), Trajectum ad Mosam (Maastricht) e Aduatuca Tungrorum (Tongeren). Giunta a Bagacum (Bavay), la via si divideva in due rami: un ramo portava a Gesoriacum (Boulogne-sur-Mer) e un altro passava per Cambrai e terminava a Samarobriva (Amiens).

Inoltre, a Bavay la via Belgica incrociava il tratto della via Agrippa che da Lione e Reims giungeva a Tournai.

Copia di una grande colonna di Giove posta in un'isola spartitraffico sulla L 136. I resti originali furono rinvenuti nel 1970 presso la miniera di Hambach.

Continuità del percorso[modifica | modifica wikitesto]

In molti tratti, la strada si conserva ancora nelle strade di oggi. In principio, essa corrisponde alla Aachener Straße (B 55)[5], che va da Colonia a Königsdorf. All'incrocio con la Bonnstraße, il percorso è interrotto ed è ora frammentato fra le vie di Königsdorf Bergstraße, Hohlweg e Dechant-Hansen-Allee.

Dopo il parco della Villa Pauli raggiunge la Königsdorfer Wald (foresta di Königsdorf) presso il "Klingelpütz"[6].

Più oltre, segue la Rote-Kreuz-Straße[7] e la strada Im Rauland[8] a Bergheim-Quadrath-Ichendorf; inoltre, sembra che la strada sia stata rispettata dalla costruzione dell'impianto di trattamento delle acque reflue di Quadrath-Ichendorf, perché il recinto del lato sud non corrisponde alle mappe corrisponde, ma segue invece il percorso della Via Belgica.

Segue poi come Römerstraße a Bergheim-Thorr[9] e Elsdorf-Grouven[10], come Feldweg tra Grouven e Elsdorf e come Köln-Aachener-Straße[11] a Elsdorf.

Nel prosieguo del percorso incontra l'odierna Tagebau Hambach (cava di Hambach). Prima che si scavasse questa cava profonda circa 400 m, la strada poté essere indagata archeologicamente. Si è così evidenziato che la strada era costituita da 12 strati sovrapposti. Il percorso continua quindi come Kölner Landstraße[12] e Römerstraße[13] da Jülich-Stetternich a Jülich. Dopo Jülich il percorso non prosegue più in corrispondenza di strade attuali.

Presso Baesweiler ne è stato scavato un tratto. Presso Rimburg, oggi un quartiere di Übach-Palenberg, attraversa il fiume Wurm, che costituisce il confine tra Germania e Paesi Bassi.

Copia di un miliario romano, situato sul bordo occidentale della Sophienhöhe. Sulla pietra miliare è indicata una distanza di XVI Leugae (35,5 km) per Colonia. Luogo di rinvenimento: Zülpich-Hoven.

Tracce archeologiche della strada[modifica | modifica wikitesto]

Anche oggi lungo la strada romana si trovano ancora reperti; così, nel 2008, un cittadino rinvenne a ovest di Koslar un frammento di una pietra miliare del III/IV secolo d.C. recante l'iscrizione FILIO, che può riferirsi al Filio Augusti ("figlio dell'imperatore"). Il frammento è ora conservato nel Rheinisches Landesmuseum Bonn e esposto come esempio di impegno civile.

Il nodo stradale di Bagacum.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Da sinistra a destra, le lettere segnaposto corrispondono alle città: Boulogne-sur-Mer/Bonen (Gesoriacum), Thérouanne/Terwaan (Colonia Morinorum), Arras/Atrecht (Atrebatum), Cambrai/Kamerijk (Cameracum), Bavay/Beuken (Bagacum), Liberchies (Geminiacum), Tongeren (Atuatuca Tungrorum), Maastricht (Mosa Trajectum), Heerlen (Coriovallum), Jülich/Gulik (Iuliacum), Colonia (Colonia Claudia Ara Agrippinensium).
  2. ^ Via Belgica Archiviato il 19 aprile 2008 in Internet Archive. bei Regionale 2008, Zugriff Okt. 2008
  3. ^ Kritik an der Benennung (Zugriff Okt. 2008)
  4. ^ Köln, Schildergasse 50°56′11.51″N 6°57′04.26″E / 50.936531°N 6.951183°E50.936531; 6.951183 (Köln Schildergasse)
  5. ^ Köln, Aachener Straße 50°56′11.92″N 6°55′38.04″E / 50.936644°N 6.927233°E50.936644; 6.927233 (Köln, Aachener Straße).
  6. ^ Kölner Stadt-Anzeiger, Rhein-Erft, vom 26. März 2015, S. 38 (Zugriff 29. März 2015)
  7. ^ Quadrath-Ichendorf, Rote-Kreuz-Straße 50°56′26.25″N 6°41′29.96″E / 50.940625°N 6.691656°E50.940625; 6.691656 (Quadrath-Ichendorf, Rot-Kreuz-Straße)
  8. ^ Quadrath-Ichendorf, Im Rauland 50°56′22.9″N 6°40′24.03″E / 50.939694°N 6.673342°E50.939694; 6.673342 (Quadrath-Ichendorf, Im Rauland)
  9. ^ Thorr, Römerstr. 50°56′15.69″N 6°38′04.3″E / 50.937692°N 6.634528°E50.937692; 6.634528 (Thorr, Römerstraße)
  10. ^ Grouven, Römerstr. 50°56′10.31″N 6°36′19.19″E / 50.936197°N 6.605331°E50.936197; 6.605331 (Grouven, Römerstraße)
  11. ^ Elsdorf, Köln-Aachener-Straße 50°56′02.05″N 6°33′41.91″E / 50.933903°N 6.561642°E50.933903; 6.561642 (Elsdorf, Köln-Aachener-Straße)
  12. ^ Jülich, Kölner Landstraße 50°55′35.66″N 6°25′01.67″E / 50.926572°N 6.417131°E50.926572; 6.417131 (Jülich, Kölner Landstraße)
  13. ^ Jülich, Römerstr. 50°55′26.74″N 6°22′02.27″E / 50.924094°N 6.367297°E50.924094; 6.367297 (Jülich, Römerstraße)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Landschaftsverband Rheinland Rheinische Bodendenkmalpflege (a cura di), Erlebnisraum Römerstraße Via Belgica (Materialien zur Bodendenkmalpflege im Rheinland 18/2), Print'n'Press-Verlag, Aachen 2008, ISBN 978-3-935522-01-4.
  • Bedeutender Ort der Antike, in: Kölner Stadt-Anzeiger, 23 novembre 2006
  • Jeanne-Nora Andrikopolou-Strack: Zu Fuß, zu Pferd, im Wagen - Auf der Via Belgica von Köln nach Rimburg, in: Egon Heeg, Axel Kurth, Peter Schreiner (a cura di), Königsdorf im Rheinland, Pulheimer Beiträge zur Geschichte, 34. Sonderveröffentlichung, Pulheim, ISBN 978-3-927765-53-5, pp. 58-73
  • Susanne Jenter:Mit den Römern unterwegs, Via Belgica von Köln bis Rimburg in 6 Etappen, J.P. Bachem Verlag, Colonia, 2014, ISBN 978-3-7616-2783-9

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]