Via Tiburtina Valeria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la strada attuale, vedi Strada statale 5 Via Tiburtina Valeria.
Via Tiburtina Valeria
Il sistema viario dell'antica Roma di collegamento con il mar Adriatico. In viola la via Tiburtina Valeria, in rosso la via Salaria, in blu la via Flaminia
Il sistema viario dell'antica Roma di collegamento con il mar Adriatico. In viola la via Tiburtina Valeria, in rosso la via Salaria, in blu la via Flaminia
Localizzazione
Stato Civiltà romana
Stato attuale Italia Italia
Regione Lazio-Abruzzo
Informazioni generali
Tipo strada romana
Utilizzatore Repubblica romana poi Impero romano
Lunghezza meno di 200 km
Inizio Roma (Roma), Porta TiburtinaTibur
Fine Corfinium (Corfinio) → Ostia Aterni (Pescara)
Funzione strategica conduceva oltre gli Appennini, fino al Mare Adriatico
Inizio costruzione 286 a.C.
Costruttore Marco Valerio Massimo Potito

Strabone, Geografia, V.

voci di architetture militari presenti su Wikipedia

La via Tiburtina Valeria era una delle vie consolari romane, che congiungeva Roma a Tibur (Tivoli).[1] Valeria dal nome del console romano che ne dispose la pavimentazione in pietra.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fu fatta costruire dal console Marco Valerio Massimo Potito attorno al 286 a.C. (ovvero 467 ab Urbe condita). Per molto tempo partì dall'area del giardino di Piazza Vittorio, di fronte alla fontana monumentale detta Trofei di Mario: fu solo con la costruzione delle Mura Aureliane che il suo inizio venne fissato alla Porta Tiburtina.

A seguito delle opere di restauro tra il 48 ed il 49 d.C. del tratto tra Collarmele e Pescara da parte dell'imperatore Claudio, quest'ultima parte del percorso prese il nome di Claudia Valeria[2]. Ancora oggi collega Roma con Chieti e Pescara, prendendo il nome di Strada statale 5 Via Tiburtina Valeria.

Itinerario[modifica | modifica sorgente]

Ponte Lucano

In origine era la strada percorsa dai cittadini e/o soldati che visitavano o combattevano le popolazioni di Tibur (Tivoli). In seguito divenne la strada percorsa dalla nobiltà romana che villeggiava nelle splendide ville costruite proprio nella campagna circostante.

Da Tibur (Tivoli), attraversava Varia (Vicovaro),[1] Carsioli (tra Arsoli e Carsoli),[1] Alba Fucens (nel territorio degli Equi),[1] Cuculum (non molto distante da Rieti, nella zona detta del "Cicolano").[1]

La strada, che attraversava gli Appennini, nel 350 a.C. fu prolungata fino all'antichissima Alba Fucens. Nel 312 a.C., attraversava, ai margini nord/est, la pianura del Lacus Fucinus, territorio dei Marsi fino Cerfennia (Collarmele). Giungeva, quindi, nel territorio dei Peligni, nel 303 a.C. e superava il passo di forca Caruso ("Mons Imeus" - Monte Ventrino - Colle Narola), raccordandosi con la viabilità locale.

La strada fu usata per fini commerciali e per i controlli politici di Roma in queste zone facenti già parte della IV Regione di Roma. Fu elevata a strada "consolare" da Marco Valerio Massimo nel 286 a.C. ed arrivava fino a "Corfinium" (Corfinio). La strada conduceva, quindi, a Popoli - verso il mare Adriatico collegando Roma con Teate (odierna Chieti), arrivando fino ad Ostia Aterni (l'odierna Pescara) in meno di 200 km attraverso l'Appennino. Il prolungamento fu inizialmente denominato via Valeria; successivamente l'intera via assunse il nome di Tiburtina Valeria.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e Strabone, Geografia, V, 3,11.
  2. ^ Le strade dell'Italia romana, Touring Club Italiano, 2004, p.64

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]