Troesmis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Troesmis
Troesmis3.jpg
Resti romani a Troesmis.
Periodo di attività fortezza legionaria da Traiano al 167/168;
castellum ausiliario;
ancora fortezza legionaria con Diocleziano.
Località moderna Balta Iglita in Romania
Unità presenti legio V Macedonica[1]
vexill. legio I Italica[2]
Ala I Pannoniorum[3]
legio II Herculia[4]
Dimensioni castrum 18 ha?
Provincia romana Mesia superiore
Status località municipium sotto Marco Aurelio.[5]

Troesmis era una città dell'Impero romano, situata nella provincia della Mesia inferiore e dopo la riforma di Diocleziano nella provincia della Scizia, facente parte della diocesi della Tracia.

Il sito si trova sulle colline della Dobrugia, tra il Mar Nero e il delta del Danubio, nei pressi del Trofeo di Traiano ad Adamklissi e corrisponde all'odierna città di Turcoaia (Romania).

La città si originò come oppidum fortificato dei Geto-Traci e viene menzionata come partecipante al conflitto tra Lisimaco e Dromichete e da Ovidio[6]

Traiano vi spostò nel 106 la sede della Legio V Macedonica, con circa 6.000 effettivi, che difendeva la frontiera sul Danubio e favorì la romanizzazione della regione. Presso la fortezza legionaria si sviluppò un insediamento (canabae legionis), che aveva il proprio ordinamento municipale (consiglio cittadino e magistrati)

Dopo il trasferimento della V Macedonica a Potaissa in Dacia (167-170) acquisì il rango di municipio e vi è attestata la presenza dei sacerdoti del culto provinciale (sacerdotes provinciae).[5]

Sotto Diocleziano vi venne trasferita la Legio II Herculia[4] e il municipio prese il nome di Heraclia. Nel sito si conserva un'ampia rete di acquedotti e furono scoperte diverse iscrizioni funerarie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]