Petavonium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Petavonium
Petavonium (1).jpg
Rovine di Petavonium
Periodo di attività 25 a.C.- metà V secolo
Località moderna Rosinos de Vidriales (Santibáñez de Vidriales)
Unità presenti Legio X Gemina;
Ala II Flavia Hispanorum civium romanorum
Dimensioni castrum 20 ha
Provincia romana Spagna Tarraconense
Status località civitas stipendiaria

Petavonium era il nome di un'antica fortezza legionaria, corrispondente all'odierna città di Santibáñez de Vidriales e alla sua frazione Rosinos de Vidriales, entrambe nella provincia di Zamora, in Spagna[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il castrum fu costruito durante le guerre contro gli Asturi e Cantabria, con l'obiettivo di monitorare le rotte che collegavano questa zona con la Galizia, con il resto della valle del Duero e con la Lusitania, e consiste in un accampamento di circa 20 ha, nel quale sono stati rinvenuti numerosi resti di ceramica, monete e di armi e altri oggetti metallici, nonché materiali da costruzione[1][2]. Intorno a questo campo si stabilì una città di circa 80 ettari[2]. In seguito alla partenza della Legio X Gemina in Spagna nel 63, il castrum fu occupato, probabilmente sotto Domiziano, dall'Ala Flavia II Hispanorum civium romanorum[1][2]. Il nuovo campo ebbe un recinto murario rettangolare preceduto da un fossato di poco meno di 2 ha, nel quale si sono conservati resti delle porte, in particolare le doppie porte della Porta Praetoria, resti dei principia e del valetudinarium, oltre a numerose monete risalenti al I, II, III e IV secolo, armi, oggetti in ceramica, terra sigillata e ceramica del vicino Melgar de Tera, insieme a materiali da costruzione, come mattoni sigillati con le effigi dell'Ala e della Legio VII Gemina[1][2].

Nel Basso Impero, forse a partire da Diocleziano, l'unità fu trasformata in cohors II Flavia Pacatiana, ancora attiva alla fine del IV secolo secondo la Notitia dignitatum[1].

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Petavonium, su viatorimperi.com.
  2. ^ a b c d S. Carretero Vaquero e Mª.V. Romero Carnicero, Castra Petavonium, in Arqueología militar romana en Europa = Roman military archaeology in Europe, Salamanca, Illarregui Gómez y C. Pérez González, 2004, p. 219-230, ISBN 84-9718-294-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • S. Carretero Vaquero e Mª.V. Romero Carnicero, Castra Petavonium, in Arqueología militar romana en Europa = Roman military archaeology in Europe, Salamanca, Illarregui Gómez y C. Pérez González, 2004, p. 219-230, ISBN 84-9718-294-4.