Palazzo Cotroceni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Cotroceni
Residenza ufficiale del
presidente della Romania
Cotroceni Palace Garden - Bucharest 07.jpg
Balcone della facciata principale.
StatoRomania Romania
Stato attualeIn uso
CittàROU Bucharest CoA.png Bucarest
Coordinate44°26′02.79″N 26°03′42.01″E / 44.434108°N 26.061669°E44.434108; 26.061669Coordinate: 44°26′02.79″N 26°03′42.01″E / 44.434108°N 26.061669°E44.434108; 26.061669
Informazioni generali
Costruzione1679-1896
CostruttoreSerban Cantacuzino
Condizione attualeResidenza ufficiale del presidente della Romania
Proprietario attualeStato rumeno
VisitabileAperto sporadicamente al pubblico
Informazioni militari
Comandanti storiciCarlo I
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Palazzo Cotroceni è sede della Presidenza della Repubblica Rumena. Si trova nella città di Bucarest, presso Genius Boulevard 1. All'interno del complesso si trova anche il Museo nazionale Cotroceni.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1679 Șerban Cantacuzino eresse sulla collina di Cotroceni uno monastero. La chiesa e il monastero vennero costruiti con gli annessi in due anni. Il lavoro di Serban Cantacuzino fu continuato da Constantin Brâncoveanu, che spesso si fermò al monastero. Nel 1862 Alexandru Ioan Cuza decise di utilizzare l'edificio del Monastero Cotroceni come residenza reale.

All'inizio del regno del principe Carlo I di Romania ricevette l'antica residenza e decise di costruire nel monastero un palazzo come residenza ufficiale a Bucarest. I piani di costruzione furono eseguiti dall'architetto Paolo Gottereau in stile classico veneziano. Nel maggio 1883 il governo aprì un credito di £1,7 milioni per la demolizione di vecchie case e la costruzione del palazzo reale Cotroceni. La costruzione iniziò nel 1888. Più tardi l'architetto rumeno Grigore Cerchez ridisegnò l'ala nord in stile romantico nazionale, aggiunse una grande camera con una terrazza con colonne e due torri, una delle quali era una replica della famosa abbazia Hurez. La principessa Mary e il principe Ferdinando si trasferirono a Cotroceni nel marzo 1896.

Un quadro di Carlo I seduto alla sua scrivania.

Tra il 1949 ed il 1976 Palazzo Cotroceni era denominato Palazzo Pionierilor.

Fu danneggiato durante il terremoto del 1977; fu restaurato per circa 10 anni colla supervisione dell'architetto Nicholas. Nel 1984, con l'ordinanza del presidente Nicolae Ceaușescu, fu demolita la chiesa del convento eretta da Serban Cantacuzino.

Palazzo Cotroceni divenne, dopo la rivoluzione romena del 1989, la residenza ufficiale del presidente della Romania.

Apertura al pubblico[modifica | modifica wikitesto]

In alcune occasioni il palazzo può essere visitato dal pubblico. I presidenti Ion Iliescu ed Emil Constantinescu erano soliti aprire al pubblico Palazzo Cotroceni in occasione dei loro compleanni. Il presidente Traian Băsescu l'ha aperto al pubblico per la prima volta il 18 maggio 2008, per commemorare l'anno del referendum che lo ha confermato in carica. In questa occasione, il palazzo fu visitato da 20.000 persone.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN276431266 · LCCN (ENsh2017004320