Ločica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ločica
Roman provinces of Illyricum, Macedonia, Dacia, Moesia, Pannonia and Thracia.jpg
La cartina mostra le province Illiriche. Nella parte meridionale ed orientale del Norico si trovava Celaia e la vicina fortezza legionaria di Ločica.
Periodo di attività fortezza legionaria dal 170 circa al 174 circa[1]
Località moderna Polzela
Unità presenti Legio II Italica dal 170 al 174
Dimensioni castrum 543x435, pari a 23,6 ha
Provincia romana Norico

Ločica fu un antico insediamento militare della provincia romana del Norico nei pressi di Polzela (nell'attuale Slovenia), al centro della costituenda Praetentura Italiae et Alpium, voluta fortemente dall'imperatore Marco Aurelio quale forma di difesa dei valichi alpini orientali dalle genti barbare, che stazionavano a nord del medio corso del Danubio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Limes romano.

Da Marco Aurelio a Commodo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Norico (provincia romana), Guerre marcomanniche e Praetentura Italiae et Alpium.

Si rivelò un importante centro militare all'inizio delle guerre marcomanniche, tanto che a partire dal 170, un'intera legione, la Legio II Italica, fu posizionata a Ločica, nei pressi della latina Celeia lungo la via dell'Ambra,[2] a difesa dei valichi alpini dell'Italia romana. Si è discusso molto sul fatto se tale castrum, al centro della Praetentura Italiae et Alpium, sia stato aperto prima o dopo la calata delle genti barabare di Marcomanni e Quadi fino ad assediare Aquileia. Nel primo caso sarebbe stata una forma preventiva, rivelatasi purtroppo poco efficace, nel secondo caso fu rimedio di poco successivo allo "sfondamento", avvenuto verso la fine del 169/inizi del 170. Pochi anni più tardi (attorno al 173-174), superato il pericolo di una nuova invasione, grazie all'offensiva messa in atto da parte di Marco Aurelio, e l'occupazione della Marcomannia, la legione fu trasferita nel nuovo accampamento lungo il Danubio di Albing, mentre il comando militare della Praetentura Italiae et Alpium cessava definitivamente di esistere.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Roman legionary fortresses 27 BC - AD 378, p.31.
  2. ^ Katalog Museum Lauriacum, Forschungen in Lauriacum, Enns-Vienna 1997, p.19.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AAVV, Katalog Museum Lauriacum, Forschungen in Lauriacum, Enns-Vienna 1997.
  • AAVV, a cura di M. Buora e W. Jobst, Roma sul Danubio, Roma 2002.
  • Géza Alföldy, Noricum, Londra & Boston 1974.
  • D.B. Campbell, Roman legionary fortresses 27 BC - AD 378, Oxford 2006.
  • V.A.Maxfield, L'Europa continentale, cap.VIII, in Il mondo di Roma imperiale: la formazione, a cura di J.Wacher, Bari-Roma 1989.
  • A.Mocsy, Pannonia and Upper Moesia, Londra 1974.
  • P.Olivia, Pannonia and the onset of crisis, Praga 1962.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi/Popoli[modifica | modifica wikitesto]

Località geografiche[modifica | modifica wikitesto]