Scopello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scopello
comune
Scopello – Stemma
Scopello – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Vercelli-Stemma.png Vercelli
Amministrazione
SindacoAndrea Gilardi (lista civica) dal 27-5-2013
Territorio
Coordinate45°46′N 8°06′E / 45.766667°N 8.1°E45.766667; 8.1 (Scopello)Coordinate: 45°46′N 8°06′E / 45.766667°N 8.1°E45.766667; 8.1 (Scopello)
Altitudine659 m s.l.m.
Superficie18,25 km²
Abitanti368[1] (28-2-2017)
Densità20,16 ab./km²
FrazioniCasa Pareti, Chioso, Frasso, Ordarino, Rua
Comuni confinantiBoccioleto, Campertogno, Caprile (BI), Crevacuore (BI), Guardabosone, Pettinengo (BI), Pila, Piode, Scopa, Trivero (BI), Valle San Nicolao (BI)
Altre informazioni
Cod. postale13028
Prefisso0163
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT002135
Cod. catastaleI545
TargaVC
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantiscopellesi
Patronosanta Maria Assunta
Giorno festivo15 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Scopello
Scopello
Sito istituzionale

Scopello (Scopél in piemontese; Skuppil in walser[2]) è un comune italiano di 368 abitanti della Valsesia, nella provincia di Vercelli, in Piemonte, noto anche per la località sciistica dell'Alpe di Mera.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Scopello e la Sesia dalla Cima d'Ometto

Scopello è un piccolo paese del Piemonte situato nella parte nord-occidentale della provincia di Vercelli, nella Valsesia settentrionale. Il territorio comunale di Scopello presenta delle variazioni di altitudine molto accentuate: il fondovalle è posto a circa 660 metri di quota ed è qui che si concentra l'abitato, lungo il fiume Sesia. Mentre i punti più alti sono rappresentati dai centri abitati di Frasso e Alpe di Mera [3] nonché dalle molteplici cime che corniciano la valle.
Sulla sinistra idrografica della vallata si trova la Comba di Frasso, un selvaggio vallone che confina con la Val Sermenza e culmina con la Cima delle Balme (1.930 m) e il Monte Ventolaro (1.836 m). Sulla destra della Sesia il comune si suddivide in due lembi: il primo comprende la frazione Chioso e si spinge verso sud-est arrivando a toccare i 1.925 metri in corrispondenza del Badile. La porzione sud-occidentale del territorio, che culmina invece con la Cima dell'Ometto (1.911) e il Monte Camparient (1.741 m), comprende l'Alpe di Mera e la Bocchetta della Boscarola. A sud dello spartiacque Sesia-Sessera un lembo del comune scende in Valsessera fino al Torrente Dolca, il quale segna il confine con una frazione montana del comune biellese di Valle San Nicolao.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Scopello deriva dal vocabolo latino scopa, a indicare la pianta i cui rami erano utilizzati per scopare.[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Non sono mai state recuperate notizie relative ai primi insediamenti nella zona: il nome Scopello appare per la prima volta nel XIII secolo nel documento, datato 1217, di ratifica della sottomissione dei valsesiani al comune di Vercelli.[5][4]

Più avanti, dal XVIII secolo, il nome Scopello verrà associato a una celebre fonderia installata in Val Barbina con il benestare di Re Carlo Emanuele III [5][6]. Da questo stabilimento siderurgico, che portava la scritta Fondine di S.M., uscì il materiale (rame, oro, ferro e nichel) che servì per coniare le monete dei Savoia, rivestire gli scafi delle navi napoleoniche e vi vennero inoltre forgiate le palle di ferro per i cannoni che Napoleone usò nella guerra franco–prussiana [5][6].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Alpe di Mera[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Alpe di Mera.

In passato Alpe di Mera era un ricco alpeggio utilizzato, sin dal medioevo, per il pascolo estivo del bestiame; nel XII e XIII secolo appartenne ai Conti di Biandrate. Oggi, anche per via del suo piccolo comprensorio sciistico, è una nota località turistica situata nel comune di Scopello ad un'altitudine compresa tra i 1500 e i 1700 metri sul livello del mare.

Mera è raggiungibile attraverso una strada, praticabile anche d'inverno e prolungata nel 2006 fino all'inizio del centro abitato (in inverno la strada termina ai 1200 metri dell'Alpe Trogo), e tramite una seggiovia che la collega a Scopello in 20 minuti circa.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 maggio 2012 è stato siglato un patto di amicizia con la città di Busto Arsizio.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L’economia di Scopello è ancora legata alle tipiche attività rurali: è, pertanto, praticato l’allevamento di bovini, caprini ed equini. Mentre l’industria è limitata solo a qualche piccola impresa edile, delle confezioni e della lavorazione del legno [4].

Eventi e manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Festa di mera: il 5 agosto l'oratorio della Madonna Nera di Mera festeggia la festa della Madonna della Neve. Residenti e villeggianti si ritrovano per mangiare sui prati il piatto tipico rappresentato dai “caponeit” (gustosi involtini di foglia di rabarbaro selvatico che racchiudono un cuore di erbe miste, insaporite da un tocco di salume valsesiano) [8].
  • Festa patronale: il 15 agosto è la festa patronale di Scopello. Per l’occasione le donne del paese indossano dei costumi e sfilano per le vie del paese insieme alla statua della Madonna, realizzata dallo scultore Pier Celestino Gilardi di Campertogno [8].
  • La Fiera di San Michele: l'ultima domenica di settembre gli allevatori della zona portano i loro armenti in un'area vicino alla rive del Sesia, dove sono in vendita anche prodotti caseari e gastronomici. In questa giornata i cuochi della Pro Loco preparano il tradizionale minestrone con la trippa sul fuoco a legna [8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2017.
  2. ^ Sergio Gilardino, I Walser e la loro lingua dal grande nord alle Alpi. Dizionario della lingua walser di Alagna Valsesia, Magenta, Centro Studi Zeisciu, 2008
  3. ^ Carta Tecnica Regionale raster 1:10.000 (vers.3.0) della Regione Piemonte - 2007
  4. ^ a b c Scopello (VC), su italiapedia.it.
  5. ^ a b c Guida turistica - Scheda storica, su comune.scopello.vc.it.
  6. ^ a b Giuseppe Pipino, Documenti Minerari Degli Stati Sabaudi, Ovada, 2010, p. 245, ISBN 8890329637.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ a b c Guida turista - La festa di mera, su comune.scopello.vc.it.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN235288571 · GND: (DE7703159-3
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte