Casanova Elvo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Casanova Elvo
comune
Casanova Elvo – Stemma
Casanova Elvo – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Vercelli-Stemma.svg Vercelli
Amministrazione
SindacoDecaroli Celestino (lista civica) dal 27/05/2019
Territorio
Coordinate45°24′N 8°18′E / 45.4°N 8.3°E45.4; 8.3 (Casanova Elvo)
Altitudine152 m s.l.m.
Superficie16,21 km²
Abitanti221[1] (31-12-2020)
Densità13,63 ab./km²
Comuni confinantiCollobiano, Formigliana, Olcenengo, San Germano Vercellese, Santhià, Villarboit
Altre informazioni
Cod. postale13030
Prefisso0161
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT002033
Cod. catastaleB928
TargaVC
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 780 GG[3]
Nome abitantiCasanoelvesi
Patronosan Martino
Giorno festivo11 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Casanova Elvo
Casanova Elvo
Casanova Elvo – Mappa
Posizione del comune di Casanova Elvo nella provincia di Vercelli
Sito istituzionale

Casanova Elvo (Casanòva in piemontese) è un comune italiano di 221 abitanti della provincia di Vercelli in Piemonte.

Gli abitanti sono concentrati nel capoluogo, che è circondato da estese risaie tra le quali sorgono alcune cascine isolate.[4]

Nonostante le limitate dimensioni del comune è presente un'attiva stazione dei Carabinieri.[5]

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il suo nome deriva dal torrente Elvo, che ne attraversa il territorio comunale da ovest ad est; a poca distanza dal paese transita anche il canale Cavour.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il luogo è menzionato per la prima volta nel 962 (donazione dall'Imperatore Ottone I ad Aimone conte di Vercelli). Verso la fine del decimo secolo il feudo passò alla Chiesa di Vercelli. Nella seconda metà del dodicesimo secolo ne figurano in possesso i conti di Biandrate. Nel 1170 venne ceduto ai fratelli Avogadro (Bongiovanni e Palatino). Nel 1404, passò sotto la signoria dei Savoia, i quali ne lasciarono l'amministrazione agli Avogadro sino alla fine del diciottesimo secolo.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

«Stemma partito: nel primo, fasciato d'oro e di rosso di dieci pezzi; nel secondo, di azzurro, alla torre d'oro, murata di nero, chiusa e finestrata di due in palo, dello stesso, merlata alla guelfa di cinque, fondata sulla campagna di verde. Ornamenti esteriori da Comune.»

Le fasce d'oro e rosso sono l'emblema della famiglia Avogadro.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio

Abitanti censiti[6]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il sindaco, eletto il 27 Maggio 2019 è Celestino Decaroli, con lista civica (Casanova Elvo), il vice-sindaco è Lanzani Luigi, e l'unico assessore è Scansetti Michela.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Il castello
  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2020.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Carta Tecnica Regionale raster 1:10.000 (vers.3.0) della Regione Piemonte - 2007
  5. ^ Sito dell'Arma dei Carabinieri www.carabinieri.it[collegamento interrotto] (consultato nel settembre 2009)
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN239195241
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte