Balmuccia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Balmuccia
comune
Balmuccia – Stemma Balmuccia – Bandiera
Balmuccia – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Vercelli-Stemma.png Vercelli
Amministrazione
SindacoMoreno Uffredi dal 05/06/2016
Territorio
Coordinate45°49′N 8°08′E / 45.816667°N 8.133333°E45.816667; 8.133333 (Balmuccia)Coordinate: 45°49′N 8°08′E / 45.816667°N 8.133333°E45.816667; 8.133333 (Balmuccia)
Altitudine560 m s.l.m.
Superficie9,79 km²
Abitanti112[1] (31-12-2017)
Densità11,44 ab./km²
FrazioniGuaifola
Comuni confinantiBoccioleto, Cravagliana, Rossa, Scopa, Vocca
Altre informazioni
Cod. postale13020
Prefisso0163
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT002008
Cod. catastaleA600
TargaVC
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona F, 3 032 GG[2]
Nome abitantiBalmuccesi
PatronoSanta Margherita
Giorno festivo13 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Balmuccia
Balmuccia
Sito istituzionale

Balmuccia (Balmucia in piemontese) è un comune italiano di 112 abitanti della provincia di Vercelli, in Piemonte, che sorge alla confluenza del Sermenza con il Sesia. Nel territorio comunale si trova la frazione di Guaifola.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo deriva da piccola balma, ossia piccola cavità, incassata tra le montagne che appaiono soffocarla.

Formazione geologica[modifica | modifica wikitesto]

In seguito a movimenti della crosta terrestre, avvenuti fra i 60 e i 30 milioni di anni fa, responsabili della formazione delle Alpi, a Balmuccia riemersero le peridotiti di mantello, tutt'ora visibili, del Supervulcano fossile della Valsesia, esploso circa 300 milioni di anni fa.[3]

Storia e monumenti di pregio[modifica | modifica wikitesto]

Storicamente Balmuccia fu soggetta alla parrocchia di Scopa, dalla quale si separò nel 1584. La Parrocchiale di Santa Margherita venne edificata nel 1500, nel 1584 divenne parrocchiale[4] e ricostruita circa un secolo dopo, è ad una sola navata. Al suo interno è presente una bella pala raffigurante Santa Margherita, attribuita ad Antonio Olivazzi. Presumibilmente dello stesso autore vi sono anche tre tele del coro raffiguranti l'Annunciazione, la Natività, e le Anime Purganti. Oltre alle chiese descritte, nel capoluogo si trovano un teatro da poco ristrutturato e un monumento ai caduti.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

A Balmuccia sono state girate alcune riprese del film Tiro al Piccione del regista Giuliano Montaldo nel 1961.

La frazione Guaifola[modifica | modifica wikitesto]

Nella frazione Guaifola, situata all'inizio del comune, sorge l'Oratorio dei Santi Antonio Abate e Antonio da Padova con pregevoli dipinti dell'Orgiazzi e di Giovanni Avondo, rappresentanti episodi della vita del santo.

La località Dinelli[modifica | modifica wikitesto]

In località Dinelli è ubicato il piccolo Santuario della Madonna del Carmine, in cui annualmente si celebra l'omonima festa.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Mentre nei secoli scorsi l'economia del comune si fondava principalmente su attività artigianali, con la presenza di una fucina e di una segheria, attualmente esiste solo una cava per l'estrazione dei sassi in località Giavine Rossi.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]


Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
30 maggio 2006 15 maggio 2011 Moreno Uffredi lista civica Sindaco
16 maggio 2011 4 giugno 2016 Antonella De Regis lista civica Sindaco
5 giugno 2016 in carica Moreno Uffredi lista civica Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Supervulcano fossile della Valsesia[1] [2]
  4. ^ L'église, devenue paroissiale en 1584, en se séparant de Scopa, est probablement ancienne mais sa fondation est inconnue. http://prealp.msh-alpes.prd.fr/Record.htm?Record=491128021930&idlist=3[collegamento interrotto]
  5. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28 dicembre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN235661592
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte