Fobello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Fobello
comune
Fobello – Stemma Fobello – Bandiera
Fobello – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Vercelli-Stemma.svg Vercelli
Amministrazione
SindacoGianluigi Locatelli (lista civica) dall'8-6-2009
Territorio
Coordinate45°53′23.5″N 8°09′30.1″E / 45.889861°N 8.158361°E45.889861; 8.158361 (Fobello)
Altitudine873 m s.l.m.
Superficie28,14 km²
Abitanti186[1] (31-12-2021)
Densità6,61 ab./km²
Comuni confinantiAlto Sermenza, Bannio Anzino (VB), Carcoforo, Cervatto, Cravagliana, Rimella, Rossa
Altre informazioni
Cod. postale13025
Prefisso0163
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT002057
Cod. catastaleD641
TargaVC
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona F, 3 439 GG[3]
Nome abitantifobellesi, fobellini
Patronosan Giacomo
Giorno festivo25 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Fobello
Fobello
Fobello – Mappa
Posizione del comune di Fobello all'interno della provincia di Vercelli
Sito istituzionale

Fobello (Fobél o Fobeli in piemontese) è un comune italiano di 186 abitanti della provincia di Vercelli in Piemonte. Si trova in Valsesia, collocato all'estremità di uno dei due rami della Val Mastallone.

Il vallone di Roj, nel territorio comunale di Fobello, fa parte del Parco naturale Alta Valsesia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Fobello è un piccolo paese montano situato nella parte nord-orientale del Piemonte, in Valsesia. Il territorio del paese, il cui nucleo sorge lungo le sponde del torrente Mastallone, presenta delle variazioni di altitudine molto accentuate: da un minimo di 778 fino a un massimo di 2459 metri sul livello del mare.[4][5]

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Secondo un'antica leggenda l'origine del nome Fobello deriva da un imponente faggio che, in passato, sorgeva nei pressi del paese; tale teoria etimologica è confermata da una scritta incisa nel bronzo sulla fontana della piazza.[6] Tuttavia, alcuni studiosi sostengono che tale nome derivi invece dall'unione di due parole del dialetto valsesiano: fund ("fondo") a indicare un territorio ricco e coltivabile; bel, inteso come aggettivo "bello".[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Costume tradizionale[7]

La popolazione ha sempre vissuto di agricoltura, pastorizia ed emigrazione: dal 1800, oltre a Torino, i fobellesi si spostarono in tutta Europa, distinguendosi specie nel settore alberghiero.

A Fobello nacque Vincenzo Lancia, fondatore dell'omonima casa automobilistica.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del comune di Fobello è stato concesso con decreto del presidente della Repubblica in data 26 dicembre 1963.[8]

«D'azzurro, a tre alberi di faggio, il centrale più elevato, nodriti sulla campagna, il tutto al naturale; sotto lo scudo la scritta in caratteri di nero maiuscoli Eccoti il faggio che a Fobel diè nome. Ornamenti esteriori da Comune.»

Il motto e gli alberi fanno riferimento al termine , che in dialetto significa "faggio", ed ha assonanza col nome del paese. Il gonfalone municipale è costituito da un drappo azzurro, riccamente ornato di ricami d'argento e caricato dello stemma del Comune.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[9]

Tradizioni e cultura[modifica | modifica wikitesto]

A Fobello sono tenute ancora vive diverse tradizioni di origine antica[4]:

  • L'ultima domenica di Carnevale, nella piazza principale viene distribuita la Paniccia: zuppa di verdure miste con trippa e salamini[4].
  • Il martedì grasso, gruppi mascherati vanno di frazione in frazione a fare rumore, per disturbare il sonno degli abitanti, con campanacci e latte vuote. Chi riceve la "visita" deve a sua volta "renderla" alla frazione da cui provengono i disturbatori, pena la presenza di topi nelle case per tutto l'anno. Questa usanza viene chiamata in dialetto "sunè i rait".[4]
  • Lo scambio dei pani: due volte l'anno, nei giorni dell'Ascensione e della Pentecoste, tra Fobello e Rimella (paese d'origine Walser) ci si scambia il pane benedetto.[4]
  • Il giorno dei Santi le associazioni locali organizzano davanti alla Parrocchiale un grande fuoco per arrostire le caldarroste.[4]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda l'artigianato, importante è la lavorazione del puncetto, un pizzo ad ago usato per impreziosire vari oggetti quali tovagliette, fazzoletti e anticamente paramenti sacri e tradizionali costumi locali. A Fobello sono presenti rinomate scuole artigiane che insegnano l'arte del puncetto.[10]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Museo Puncetto[modifica | modifica wikitesto]

Ospitato in una casa d’epoca nel centro di Fobello, si trova il museo del puncetto: una trina millenaria eseguita esclusivamente in Valsesia, giunta con l'invasione saracena del X secolo[4].

Valsesia Lancia Story[modifica | modifica wikitesto]

Mostra permanente intitolata al fondatore della casa automobilistica Lancia. L’esposizione comprende documenti, fotografie, giornali ed oggetti che ripercorrono la vita dell’illustre fobellese e della Lancia[4][11].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2021 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ a b c d e f g h i La Storia di Fobello, su comune.fobello.vc.it.
  5. ^ Comune di Fobello, su italia.indettaglio.it.
  6. ^ Virtuoso come un faggio, su piemonteparchi.it.
  7. ^ Giovanni Tassoni, Dipartimento dell'Agogna - Novara, in Arti e tradizioni popolari - Arte e monumenti della Lombardia prealpina, vol. 9, Bellinzona, La Vesconta - Edizioni Casagrande, 1973, pp. 79-86, ISBN 978-88-7713-135-5. URL consultato il 3 maggio 2022. Ospitato su Google Libri.
  8. ^ Comune di Fobello, Statuto comunale (PDF), su comuniecitta.it, Articolo 6 - Stemma e gonfalone.
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 1, Roma, A.C.I., 1985, p. 6.
  11. ^ Il Club, su valsesialanciastory.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte