Greggio (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Greggio
comune
Greggio – Stemma Greggio – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Vercelli-Stemma.png Vercelli
Amministrazione
Sindaco Claudio Trada (centrodestra) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 45°27′N 8°23′E / 45.45°N 8.383333°E45.45; 8.383333 (Greggio)Coordinate: 45°27′N 8°23′E / 45.45°N 8.383333°E45.45; 8.383333 (Greggio)
Altitudine 161 m s.l.m.
Superficie 11,88 km²
Abitanti 385[1] (30-6-2011)
Densità 32,41 ab./km²
Comuni confinanti Albano Vercellese, Arborio, Recetto (NO), San Nazzaro Sesia (NO), Villarboit
Altre informazioni
Cod. postale 13030
Prefisso 0161
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 002065
Cod. catastale E163
Targa VC
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 514 GG[2]
Nome abitanti greggesi
Patrono santi Quirico e Giulitta
Giorno festivo terza domenica di luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Greggio
Greggio
Sito istituzionale

Greggio (Gregg in piemontese) è un comune italiano di 385 abitanti[1] della provincia di Vercelli, in Piemonte. Una parte del comune è compresa nel Parco naturale delle Lame del Sesia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del borgo sembrerebbe derivare dal latino gregius ovvero "grezzo, non lavorato", in riferimento forse alla terra non coltivata che trovavasi anticamente in questi luoghi.

Le prime attestazioni dell'esistenza del borgo risalgono al X-XI secolo quando esso viene citato più volte in alcuni diplomi imperiali tra cui quello di Ottone III del 999 dove viene indicato come dipendente dall'abbazia dei Santi Nazario e Celso che vi fece erigere per prima un castello. L'abbazia, su interessamento dei conti di Biandrate, venne sottomessa dal XIII secolo al comune di Vercelli, il quale impose la creazione e manutenzione di un fossato con degli spalti di protezione. A questo stesso periodo risalgono poche strutture oggi visibili in quanto nel 1223 il podestà di Milano, Mercurino Pace, dispose la distruzione di gran parte delle strutture difensive dell'abitato, di cui restò soltanto il campanile ed il monastero (fortificato poi nel corso del Cinquecento) grazie ad un interessamento personale del marchese Manfredo II Lancia. L'insediamento passò poi ai Visconti nel 1335 ed infine ai Savoia nel 1373. Tra il 1405 e il 1407 il luogo è occupato da Facino Cane per conto del marchese di Monferrato che lo annetté ai propri feudi e poi dall'esercito del conte Filippo Tornielli di Briona che distrusse in gran parte il paese conservandone la potestà sino agli inizi del Cinquecento.

Nel 1513 l'imperatore Massimiliano I inserì Greggio nella contea della famiglia Gattinara, concedendolo a Mercurino Arborio di Gattinara.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1879 e il 1933 Greggio fu servito dalla tranvia Vercelli-Aranco.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio è l'U.S.D. Greggio 2009 che milita nel girone B piemontese e valdostano di 1ª Categoria.

È nata nel 2009.

I colori sociali sono: bianco e celeste.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte