Livorno Ferraris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Livorno Ferraris
comune
Livorno Ferraris – Stemma
Livorno Ferraris – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Vercelli-Stemma.png Vercelli
Amministrazione
Sindaco Stefano Corgnati dal maggio 2013
Territorio
Coordinate 45°17′N 8°05′E / 45.283333°N 8.083333°E45.283333; 8.083333 (Livorno Ferraris)Coordinate: 45°17′N 8°05′E / 45.283333°N 8.083333°E45.283333; 8.083333 (Livorno Ferraris)
Altitudine 188 m s.l.m.
Superficie 58,03 km²
Abitanti 4 515[1] (31-12-2014)
Densità 77,8 ab./km²
Frazioni Castell'Apertole, Colombara, Garavoglie, Gerbidi, San Giacomo
Comuni confinanti Bianzè, Cigliano, Crescentino, Fontanetto Po, Lamporo, Moncrivello, Saluggia, Trino
Altre informazioni
Cod. postale 13046
Prefisso 0161
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 002071
Cod. catastale E626
Targa VC
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti livornesi
Patrono san Lorenzo
Giorno festivo 10 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Livorno Ferraris
Livorno Ferraris
Sito istituzionale

Livorno Ferraris, precedentemente Livorno Piemonte (Livorn in piemontese), è un comune italiano di 4 200 abitanti della provincia di Vercelli, in Piemonte. Ha dato i natali allo scienziato Galileo Ferraris, da cui ha preso il nome.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Livorno Ferraris sorge nelle campagne vercellesi e si sviluppa su una vasta area che lo rende uno dei paesi con il territorio più vasto della sua zona. Nel territorio comunale scorrono numerosi corsi d'acqua, i più importanti sono sicuramente il canale Depretis, il canale Cavour ed il Naviglio di Ivrea.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fino al 1924 era denominata "Livorno Piemonte"[2].
Nel 1384 la città ospitò il conclave per l'elezione dell'antipapa Benedetto XIII[3] ed ha nelle vicinanze una ex residenza di caccia dei Savoia (il Palazzo Chiablese di Castell'Apertole) del XVIII secolo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Si calcola che, con l'attuazione del nuovo piano regolatore, la popolazione potrebbe salire notevolmente, salendo intorno ai 7.000 abitanti, cifra riguardevole che farebbe salire il centro urbano al livello di cittadine quali Trino e Crescentino. [senza fonte] Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 349 unità.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

La sagra paesana è dedicata al patrono San Lorenzo: essa richiama con le sue attrattive artistiche e ludiche gli abitanti di tutti i paesi circondariali e non solo. La sagra si svolge sempre nell'ultima settimana di agosto.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
4 giugno 1985 24 maggio 1990 Piero Torazzo - Sindaco [5]
24 maggio 1990 29 marzo 1993 Piero Torazzo - Sindaco [5]
28 maggio 1993 24 aprile 1995 Giovanni Franco Giuliano Democrazia Cristiana Sindaco [5]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Maria Antonietta Aimone centro-sinistra Sindaco [5]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Giovanni Franco Giuliano lista civica Sindaco [5]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Renzo Masoero lista civica Sindaco [5]
8 giugno 2009 9 marzo 2010 Renzo Masoero lista civica Sindaco [5]
30 marzo 2010 16 maggio 2011 Elena Daghetta Comm. straordinario [5]
24 maggio 2011 6 novembre 2012 Marco Michelone lista civica: vivi Livorno Sindaco [5]
27 maggio 2013 in carica Stefano Paolo Corgnati Sindaco [5]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Livorno, oltre ad essere città natale di Galileo Ferraris e di suo fratello Adamo, lo è anche dei calciatori Giovanni Bigando e Rinaldo Pretti ed è sede della società calcistica "A.S.D Livorno Ferraris Calcio 1926" che nel 2016 ha festeggiato i suoi 90 anni.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Per valorizzare e testimoniare l'importanza della coltivazione risicola, importante attività economica della zona, la famiglia Rondolino, titolare della Tenuta Torrone della Colombara, ha concesso l'uso di alcuni locali della cascina per ricreare gli ambienti della risicoltura. Tutto quanto esposto in questi ambienti (camera da letto, cucina, dormitorio, scuola, laboratori del fabbro, maniscalco e margaio) è stato donato, restaurato e catalogato in forma gratuita dai cittadini livornesi. Sempre all'interno della tenuta è possibile visitare la riseria di Riso Acquerello, dove è stata ricostruita la filiera completa del riso.

Nella piazza principale del paese è inoltre presente il Museo Sacrario, dedicato a Galileo Ferraris e rinnovato nel 1997, con l'aggiunta di una lapide commemorativa del 150º anniversario della nascita dello scienziato, realizzata dalla scultrice vercellese Caria Crosio su lastre stratificate di marmo di Carrara.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2014.
  2. ^ Regio Decreto n° 1335 del 6 luglio 1924, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia n° 210 del 6 settembre 1924
  3. ^ Giovanni Filoramo, Cristianesimo, Laterza, 2000
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ a b c d e f g h i j http://amministratori.interno.it/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN246354781
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte