Gignod

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Gignod
comune
(IT) Comune di Gignod
(FR) Commune de Gignod
Gignod – Stemma Gignod – Bandiera
Gignod – Veduta
Panorama di Gignod
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneValle d'Aosta-Stemma.svg Valle d'Aosta
ProvinciaNon presente
Amministrazione
SindacoGabriella Farcoz (lista civica Vivre Gignod) dall'11-5-2015
Lingue ufficialiFrancese, italiano
Territorio
Coordinate45°47′N 7°18′E / 45.783333°N 7.3°E45.783333; 7.3 (Gignod)Coordinate: 45°47′N 7°18′E / 45.783333°N 7.3°E45.783333; 7.3 (Gignod)
Altitudine988 m s.l.m.
Superficie25,98 km²
Abitanti1 718[1] (31-12-2020)
Densità66,13 ab./km²
FrazioniArliod, Arsanières, Buthier, Caravex, Chambavaz, Le Champex, Champ-Long, Champ-Lorençal, Champorcher, Le Châtelair, Chef-Lieu, Chez-Courtil, Chez-Henry, Chez-Percher, Chez-Roncoz, Chez-Roux, Chez-Sentin, Clémencey, La Colière, Cré, Les Croux, La Faverge, Les Fiou, Le Gorrey, La Bédégaz, La Caou, La Chériéty, La Clusaz, La Condéminaz, La Forge, La Minchettaz, La Ressaz, Le Château, Les Côtes, Lexert, Les Maisonnettes, Meylan, Mont-Joux, Le Moré, Le Moulin, Le Petit-Quart, Pierre-Besse, Le Plan-du-Château (capoluogo), Plan–Meylan, La Côte-du-Planet, Le Planet, Rovin, Roisod, Savin, Seissinod, Tercinod, Valcartey, Variney, Véclos, Véfan, Alpe Ronc, Ronc-Parmé, Rebiache, Peroula, Pleyère
Comuni confinantiAllein, Aosta, Doues, Etroubles, Roisan, Saint-Oyen, Saint-Pierre, Saint-Rhémy-en-Bosses, Sarre
Altre informazioni
Cod. postale11010
Prefisso0165
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT007030
Cod. catastaleE029
TargaAO
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona F, 3 505 GG[3]
Nome abitanti(FR) gignoleins
Patronosant'Ilario
Giorno festivo13 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Gignod
Gignod
Gignod – Mappa
Posizione del comune di Gignod all'interno della Valle d'Aosta
Sito istituzionale

Gignod (pron. fr. AFI: [ʒiɲo], Gignaud in grafia antica omofona, Dzegnoù in patois valdostano[4]) è un comune italiano di 1 718 abitanti[1], che si estende tra la Valpelline e la Valle del Gran San Bernardo, due valli laterali della Valle d'Aosta.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo Gignod potrebbe derivare dal nome latino di persona Gennius con l'aggiunta del suffisso -od che indica possesso[6].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Da Gignod, in epoca romana, passava la via delle Gallie, strada romana consolare fatta costruire da Augusto per collegare la Pianura Padana con la Gallia.

In epoca fascista, il comune fu accorpato a quello di Aosta.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del comune di Gignod è stato concesso con decreto del presidente della Repubblica del 19 settembre 1993.[7]

«Cinque punti di rosso equipollenti a quattro d'argento; al capo d'argento, caricato dell'aquila bicipite di nero, con entrambe le teste coronate all'antica, dello stesso. Ornamenti esteriori da Comune.[8]»

Lo stemma comunale riproduce, con il capo d'argento anziché d'oro, il blasone della casata dei Pallavicino. Tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento il comune fece occasionalmente uso dello stemma dei nobili De Gignod (o De Gignio), cosignori del luogo, citati in vari documenti tra il 1281 e il 1409, che portavano: d'oro al castello turrito di due pezzi e merlato alla guelfa, il tutto di rosso, murato di nero e aperto del campo, cimato da un corvo di nero, passante sulla cortina.[9]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • chiesa parrocchiale

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[11]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

L'ingresso della biblioteca

In Frazione Capoluogo, nella "Maison des associations", ha sede la biblioteca comunale.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Féta di teuteun[12] - ad agosto, sagra del teuteun, mammella bovina salmistrata tipica valdostana;
  • Processione alla punta Chaligne (2608 m slm), ogni anno il 16 agosto, in segno di ringraziamento dei sopravvissuti alla peste del Seicento, che decimò la popolazione. Un corteo parte anche dalle località della collina di Aosta (Arpuilles, Cache, Champailler, Entrebin, Excenex, Laravoire, Signayes, Vignole et Cossan). In vetta viene in seguito celebrata la messa.

Carnevale della Combe Froide[modifica | modifica wikitesto]

A carnevale, di grande interesse la sfilata delle Landzette, le maschere tradizionali della Coumba Freida. Tali maschere sono ispirate alla divisa delle truppe napoleoniche, che seminarono il terrore al loro passaggio nel maggio del 1800. Per esorcizzare questo evento, la popolazione della Coumba Freida, la zona della Valpelline e della Valle del Gran San Bernardo, ha elaborato nei secoli una coloratissima parodia delle divise militari dell'epoca, e il giorno del carnevale percorrono tutti i comuni delle due vallate in maniera estremamente chiassosa e festosa.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto riguarda l'artigianato, importante è la lavorazione del legno finalizzata alla realizzazione di vari oggetti, tra i quali scatole e armadietti.[13]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio.

Fa parte della Comunità Montana Grand Combin.

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
8 luglio 1985 26 maggio 1990 Ovando Vallet uv Sindaco [14]
26 maggio 1990 7 febbraio 1991 Virgilio Borre uv Sindaco [14]
7 febbraio 1991 25 febbraio 1993 Attilio Fassin uv Sindaco [14]
30 marzo 1993 29 maggio 1995 Sergio Jovial uv Sindaco [14]
29 maggio 1995 18 giugno 1998 Ennio Pastoret uv Sindaco [14]
18 giugno 1998 8 maggio 2000 Claudio Bredy uv Sindaco [14]
8 maggio 2000 9 maggio 2005 Claudio Bredy lista civica Sindaco [14]
9 maggio 2005 24 maggio 2010 Claudio Bredy lista civica Sindaco [14]
24 maggio 2010 11 maggio 2015 Riccardo Farcoz lista civica Sindaco [14]
11 maggio 2015 in carica Gabriella Farcoz Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio di Gignod offre sentieri segnati per le escursioni e la mountain-bike; in inverno si può praticare lo scialpinismo e l'heliski.

In località Arsanières si trova un campo da golf a 9 buche.[15]

Rispetto agli sport popolari, Gignod è tra i comuni valdostani quello in cui la pétanque è maggiormente giocata.

Si gioca anche a fiolet e a rebatta, caratteristici sport tradizionali valdostani.[16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani., Milano, Garzanti, 1996, p. 306, ISBN 88-11-30500-4.
  5. ^ Le zone sismiche in Italia: Valle-Aosta, statistica 2006, www.abspace.it
  6. ^ Comune di Gignod, su Comuni-Italiani.it. URL consultato l'8 ottobre 2021.
  7. ^ Gignod, decreto 1993-09-17 DPR, concessione di stemma e gonfalone, su dati.acs.beniculturali.it.
  8. ^ Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) di concessione – 17/09/1993 (PDF), su araldicacivica.it.
  9. ^ Joseph Rivolin, Gignod, su araldicacivica.it. URL consultato il 18 ottobre 2021.
  10. ^ Lovevda.it
  11. ^ ISTAT
  12. ^ Teuteun Archiviato l'11 dicembre 2013 in Internet Archive.
  13. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 1, Roma, A.C.I., 1985, p. 3.
  14. ^ a b c d e f g h i http://amministratori.interno.it/
  15. ^ Gignod sul sito ufficiale del Turismo della Regione Valle d'Aosta
  16. ^ Dati 2011. Cfr. Anna Maria Pioletti (a cura di), Giochi, sport tradizionali e società. Viaggio tra la Valle d'Aosta, l'Italia e l'Unione Europea, Quart (AO), Musumeci, 2012, pp. 74-100, ISBN 978-88-7032-878-3.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]