La Salle (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Salle
comune
(IT) Comune di La Salle
(FR) Commune de La Salle
La Salle – Stemma La Salle – Bandiera
(dettagli)
La Salle – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneValle d'Aosta-Stemma.svg Valle d'Aosta
ProvinciaNon presente
Amministrazione
SindacoLoris Salice dal 10-5-2015
Territorio
Coordinate45°45′N 7°04′E / 45.75°N 7.066667°E45.75; 7.066667 (La Salle)Coordinate: 45°45′N 7°04′E / 45.75°N 7.066667°E45.75; 7.066667 (La Salle)
Altitudine1 001 m s.l.m.
Superficie83,94 km²
Abitanti2 074[1] (31-8-2017)
Densità24,71 ab./km²
FrazioniChabodey, Le Pont, La Clusaz, Croix-des-Prés, Écharlod, Chez Béneyton, Fenêtre, Charvaz, Moras, Chez-les-Rosset, Villair, Cré, Villaret, Derby, Chez-les-Gontier, Le Champ, Écours, Prarion, Moyes, Cottin, Chaffieron, Châtelard, Le Château, Beauregard, Villarisson, Remondey, Les Places, Chaffiéry, Arbétey, Chez-les-Baud, Chez-les-Émonet, Beillardey, Chéverel, Challancin, Grassey, Morge, Planaval, Piginière, Chez-Borgne
Comuni confinantiAvise, Courmayeur, La Thuile, Morgex, Saint-Rhémy-en-Bosses
Altre informazioni
LingueItaliano e francese
Cod. postale11015
Prefisso0165
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT007040
Cod. catastaleE458
TargaAO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climaticazona F, 3 734 GG[2]
Nome abitantisallereins
Patronosan Cassiano di Imola
Giorno festivo13 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
La Salle
La Salle
La Salle – Mappa
Posizione del comune di La Salle all'interno della Valle d'Aosta
Sito istituzionale

La Salle (La Sala in patois valdostano[3], localmente La Sola; Sala Dora durante il fascismo dal 1935 al 1946[3]) è un comune italiano di 2 074 abitanti della Valle d'Aosta nordoccidentale.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

La Salle si trova nell'alta Valle d'Aosta, all'ingresso della Valdigne, il comune è bagnato dalla Dora Baltea ed è dominato dal Monte Paramont (3 300 m) a sud e da la Grande Rochère (3 326 m) a nord.

Monti[modifica | modifica wikitesto]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Beato Innocenzo V

Secondo una suggestiva ipotesi segnalata anche da storici francesi, Innocenzo V, che fu papa della Chiesa cattolica nel 1276 e venne successivamente beatificato da Leone XIII nel 1898, potrebbe essere nato a La Salle, nel castello di Écours[5]. In relazione a questa ipotesi, una via di Aosta è intitolata a Innocenzo V Papa.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • la Casa Balaison, oggi scomparsa, viene descritta dal de Tillier come ancora presente nel 1730
  • la casaforte Lesqueney, si trovava all'ingresso orientale del paese; distrutta da un incendio, nel Settecento il de Tillier descrive i pochi ruderi rimasti (oggi scomparsi)

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

  • La Badoche, festa del patrono San Cassiano, in cui i giovani del paese fanno il giro delle case la mattina presto per annunciare la festa. Dopo la messa, danzano sul sagrato della chiesa. La Badoche si festeggia dall'11 al 13 agosto.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

La Maison Gerbollier

Presso la Maison Gerbollier, in Via Col Serena 3, ha sede la biblioteca comunale.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo etnografico "L'homme et la pente"[7]
  • Museo storico "Chevérel"

Persone legate a La Salle[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Suddivisione storica[modifica | modifica wikitesto]

Derby, oggi frazione di La Salle, era indipendente dalla Contea di Savoia e sotto la diretta amministrazione della Diocesi di Aosta. Fino al 1782 era comune autonomo, come rileva lo storico Jean-Baptiste de Tillier e come testimoniano i numerosi edifici adibiti a funzioni amminisitrative e di gestione del potere tuttora ben conservati e presenti nel borgo:

(FR)

« L'ancienne commune de Derby a été unie à La Salle par un arrêté de la R. Délégation du Duché d'Aoste en date du 8 mai 1782 (v. lo. reg. part, des congrues). Par un autre arrêté du 24 août 1787 (v. reg. ordinaire) cette même Délégation a approuvé les conventions de ces deux communes sur cette union, contenues au verbal d'audiences du 21 même mois, insinué à Aoste au liv. 68 de 1787, fol 0 681. »

(IT)

« L'antico comune di Derby venne unito a La Salle con atto della Reale Delegazione del Ducato di Aosta in data 8 maggio 1782 (vedi [...] regolamento particolare [...]). Con un altro atto del 24 agosto 1787 (vedi regolamento ordinario) quella stessa Delegazione ha approvato le convenzioni di questi due comuni relative a questa unione, contenuti nel verbale dell'udienza del 21 dello stesso mese, firmata ad Aosta nel libro 68 del 1787, foglio 0 681. »

((FR) Jean-Baptiste de Tillier, Historique de la Vallée d'Aoste, Aoste, Ed. L. Mensio, 1887 [1737], pp. 193 (25).)

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia è prevalentemente basata sul turismo, estivo e invernale. Importanti anche l'artigianato e l'agricoltura, in particolar modo le vigne da cui si produce il Blanc de Morgex et de La Salle, ottenute con un vitigno autoctono, il Prié blanc.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di La Salle

Il comune dispone di due stazioni ferroviarie:

Entrambi gli impianti sorgono lungo la ferrovia Aosta-Pré-Saint-Didier, linea nata con scopi industriali, e nelle stesse viene svolto servizio passeggeri regolare ad opera di Trenitalia, nell'ambito del contratto di servizio stipulato con la Regione Valle d'Aosta.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

La Maison Gerbollier sede del municipio

La Salle fa parte della Comunità Montana Valdigne Mont Blanc.

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
7 luglio 1988 5 giugno 1993 Dario Alberto Coccoz uv Sindaco [8]
7 giugno 1993 26 maggio 1997 Leone Pietro Bertolin - Sindaco [8]
26 maggio 1997 20 marzo 2000 Leone Pietro Bertolin centro Sindaco [8]
23 marzo 2000 5 giugno 2000 Elio Pau Comm. straordinario [8]
5 giugno 2000 9 maggio 2005 Cassiano Pascal lista civica Sindaco [8]
9 maggio 2005 25 maggio 2010 Cassiano Pascal lista civica Sindaco [8]
24 maggio 2010 11 maggio 2015 Cassiano Pascal lista civica Sindaco [8]
11 maggio 2015 in carica Loris Salice Sindaco [8]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

In questo comune si gioca a fiolet e a palet, caratteristici sport tradizionali valdostani.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ a b AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 344.
  4. ^ Le zone sismiche in Italia: Valle-Aosta, statistica 2006, www.abspace.it
  5. ^ Jean Prieur, Hyacinte Vulliez: Saints et saintes de Savoie, Edit. Le Vieil, Annecy, 1999, pagg.87-88.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Museo etnografico "L'homme et la pente" sul sito ufficiale del comune
  8. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/
  9. ^ Dati 2011. Cfr. Anna Maria Pioletti (a cura di), Giochi, sport tradizionali e società. Viaggio tra la Valle d'Aosta, l'Italia e l'Unione Europea, Quart (AO), Musumeci, 2012, pp. 74-100, ISBN 978-88-7032-878-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Valle d'Aosta Portale Valle d'Aosta: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Valle d'Aosta