Lillianes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lillianes
comune
Lillianes – Stemma Lillianes – Bandiera
Lillianes – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Valle d'Aosta-Stemma.svg Valle d'Aosta
Provincia Non presente
Amministrazione
Sindaco Daniele De Giorgis (lista civica Lillianes en avant) dal 24/05/2010
Territorio
Coordinate 45°38′00″N 7°51′00″E / 45.633333°N 7.85°E45.633333; 7.85 (Lillianes)Coordinate: 45°38′00″N 7°51′00″E / 45.633333°N 7.85°E45.633333; 7.85 (Lillianes)
Altitudine 667 m s.l.m.
Superficie 18,55[1] km²
Abitanti 480[2] (31-12-2010)
Densità 25,88 ab./km²
Frazioni Chessun, Chessun Vieux, Chichal, Praz, Rouby, Fey, They, Court, Foby, Tournoun, Suc, Lazé, Bonnesheures, Barmetta, Barbiaz, Salé, Las, Toux, Coeurtes, Fangeas, Vérigoz, Mattet, Costey, Parte-Joux, Grange, Choulére, Moler, Tetoun, Sassa, Moliné, Pines, Sénéchaz, Russy, Vallomy, Montcervier, Rive, Piatta, Pérapianaz, Traversagn, Duzeré, Mirioux, Verfey, Riasseu, Berlechuz, Couleura
Comuni confinanti Carema (TO), Fontainemore, Graglia (BI), Issime, Perloz, Pollone (BI), Settimo Vittone (TO), Sordevolo (BI)
Altre informazioni
Cod. postale 11020
Prefisso 0125
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 007042
Cod. catastale E587
Targa AO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 3 223 GG[3]
Nome abitanti lillianesi o lillinois
Patrono san Rocco
Giorno festivo 16 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Lillianes
Lillianes
Posizione del comune di Lillianes all'interno della Valle d'Aosta
Posizione del comune di Lillianes all'interno della Valle d'Aosta
Sito istituzionale

Lillianes (Elljini nella variante Töitschu della lingua walser[4], Lilliana durante il fascismo dal 1939 al 1946[5]) è un comune italiano di 485 abitanti[6] della Valle d'Aosta sudorientale situato nella valle del Lys (o valle di Gressoney).

Toponomastica[modifica | modifica wikitesto]

Il toponimo latino è Liliana[7] (anticamente: Insula Hæliana[8]).

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[10]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa parrocchiale di San Rocco, del XVII secolo con campanile del XV secolo
  • ponte di pietra del 1733
  • Bec Fourà (1830 m s.l.m.) dalla cima "forata"
  • Plan des Sorcières (1800 m s.l.m.), con reperti di antichi riti
  • Anche a Lillianes sorgeva una casaforte della famiglia Vallaise, consegnata durante le Udienze del 1351.[11]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Cartello bilingue (francese-italiano) all'entrata del territorio comunale

Come nel resto della regione, anche in questo comune è diffuso il patois valdostano. In virtù della vicinanza geografica e dei rapporti storici con il Canavese, la popolazione locale parla anche il piemontese.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Il Museo della castagna di Lillianes ha sede nei locali della cooperativa “Il Riccio" e testimonia le varie fasi tradizionali della lavorazione delle castagne, in passato principale alimento della bassa valle del Lys. Nel mese di ottobre è possibile prenotare una visita didattica alla scoperta della moderna lavorazione delle castagne[12]

Persone legate a Lillianes[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco della Rouotta praticato il 26 dicembre[13][14].

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio

Fa parte della Comunità Montana Mont Rose e della Communauté des 4 communes[15].

Sport[modifica | modifica wikitesto]

La squadra di Lillianes in trasferta gioca alla rouotta durante il carnevale di Etroubles. In questa variante, al posto del boccino viene usata una scatola.

A Lillianes, come a Chambave, si pratica il tradizionale gioco della rouotta[16][17].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.comuni-italiani.it/007/042/
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  4. ^ Michele Musso, Imelda Ronco, D'Eischemtöitschu : vocabolario töitschu-italiano, Walser Kulturzentrum, Gressoney-Saint-Jean, ed. Musumeci, Quart, 1998, p. 299-300.
  5. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 354.
  6. ^ Dato Istat all'1/1/2007.
  7. ^ DIZIONARIO GEOGRAFICO - Di GOFFREDO CASALIS, Vol IX, Torino 1841
  8. ^ Vallée d'Aoste autrefois, raccolta di opere di Robert Berton, 1981, Sagep ed., Genova.
  9. ^ Le zone sismiche in Italia: Valle-Aosta, statistica 2006, www.abspace.it
  10. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  11. ^ André Zanotto, Castelli valdostani, Quart (AO), Musumeci [1980], 2002, p. 114, ISBN 88-7032-049-9.
  12. ^ Museo della castagna di Lillianes sul sito ufficiale del Turismo in Valle d'Aosta
  13. ^ Territori di gioco > Val d'Aosta sul sito dell'Associazione Giochi Antichi
  14. ^ Il gioco della Rouotta su www.ilcomuneinforma.it
  15. ^ Insieme a Pontboset, Fontainemore e Perloz.
  16. ^ Territori di gioco > Val d'Aosta sul sito dell'Associazione Giochi Antichi
  17. ^ Il gioco della Rouotta su www.ilcomuneinforma.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Orphée Zanolli, Lillianes: histoire d'une communauté de montagne de la Basse Vallée d'Aoste, 3 tomi, Quart: Musumeci, 1986
  • Orphée Zanolli, La Confrérie du Saint-Esprit de Lillianes, Aoste: Imprimerie valdôtaine, 1977
  • Orphée Zanolli, La communauté de Perloz et Lillianes un siècle de vie administrative (1614-1713), in Archivum Augustanum, 6, 1973
  • Clorinda Vercellin (a cura di), Racconti e proverbi della valle del Lys (Perloz e Lillianes), Ivrea: Giglio Tos, 1958

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN239563997