Quincinetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Quincinetto
comune
Quincinetto – Stemma Quincinetto – Bandiera
Quincinetto – Veduta
Panorama
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Città metropolitanaCittà metropolitana di Torino - Stemma.png Torino
Amministrazione
SindacoAngelo Canale Clapetto (lista civica) dal 26-5-2014 (2º mandato dal 27-5-2019)
Territorio
Coordinate45°33′46.66″N 7°48′26.33″E / 45.56296°N 7.807315°E45.56296; 7.807315 (Quincinetto)
Altitudine338 m s.l.m.
Superficie17,79 km²
Abitanti996[1] (31-8-2021)
Densità55,99 ab./km²
Comuni confinantiCarema, Donnas (AO), Settimo Vittone, Tavagnasco, Traversella, Valchiusa
Altre informazioni
Cod. postale10010
Prefisso0125
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT001210
Cod. catastaleH127
TargaTO
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 643 GG[3]
Nome abitantiquincinettesi
PatronoSantissimo Salvatore
Giorno festivolunedì di Pasqua
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Quincinetto
Quincinetto
Quincinetto – Mappa
Localizzazione del comune di Quincinetto nella città metropolitana di Torino.
Sito istituzionale

Quincinetto (Quisné in piemontese, Kuisnè in francoprovenzale, Quisnet in francese, Quinzenej in Töitschu[4]) è un comune italiano di 996 abitanti della città metropolitana di Torino in Piemonte.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Situato all'imbocco della Valle d'Aosta, uscendo dal casello autostradale di Quincinetto ci troviamo davanti a un Comune di montagna, di probabile origine preistorica. I quincinettesi sono concentrati quasi esclusivamente nel capoluogo comunale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Da Quincinetto, in epoca romana, passava la via delle Gallie, strada romana consolare fatta costruire da Augusto per collegare la Pianura Padana con la Gallia. Quincinetto, castrum Quincenati o Quincenacho fu dotato, durante il secolo XII, di un castello fortificato. Feudo dei conti Vescovi di Ivrea, nel 1358 venne ceduto al Conte Verde Amedeo VI ed i Savoia concessero di seguito la sua giurisdizione ai signori e conti di Settimo Vittone, gli (H)Enrico.

Il 24 giugno 1539 un certo Giovanni De Vigna, castellano di Quincinetto nonché luogotenente dei signori e conti di Settimo Vittone , signori di Quincinetto, fa opposizione a nome dei signori di Montaldo ai lavori di una roggia, per i terreni sotto la giurisdizione di Quincinetto, iniziati dal Comune di Tavagnasco, chiedendo il risarcimento dei danni. Questa singolare controversia tra i due Comuni durò alcuni anni.
Nel 1547 si acuì quando il canale del Mulino di Tavagnasco rimase senza acqua per uno spostamento del letto della Dora Baltea, a causa di una grossa diga sul fiume eretta dagli abitanti di Quincinetto, che di notte manomisero la presa. [5].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa parrocchiale
  • Cima di Bonze
  • Vallone di Scalaro
  • Vigneti a pergola
  • Miniera di quarzo abbandonata
  • Chiesa parrocchiale di Gesù Risorto e campanile
  • La Rupe
  • Bec Renon e le sue incisioni rupestri

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Asilo Nido, Scuola dell'infanzia e Scuola primaria "Comm. Buat Albiana" situati in via Comm. Buat Albiana.

Biblioteca[modifica | modifica wikitesto]

In Via XXV Aprile ha sede la biblioteca comunale.

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

  • Zuppa di Ajucche (piante erbacee spontanee)
  • Cipollini d'Ivrea
  • Miasse (croste di meliga croccanti) e Salignun (ricotta fresca)
  • Peperoncino buffia
  • Formaggio Murtret
  • Tomette aromatizzate con cumino, peperoncino e spezie

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Come in molti comuni limitrofi anche nel comune di Quincinetto si produce energia idroelettrica. La centrale idroelettrica di Quincinetto, in gestione alla CVA, sfrutta le acque della Dora Baltea.[7]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
24 giugno 1985 31 maggio 1990 Angelo Canale Clapetto Democrazia Cristiana Sindaco [8]
31 maggio 1990 24 aprile 1995 Angelo Canale Clapetto lista civica Sindaco [8]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Angelo Canale Clapetto Partito Popolare Italiano Sindaco [8]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Fabrizio Ivano Bernabè centro-destra Sindaco [8]
14 giugno 2004 7 giugno 2009 Fabrizio Ivano Bernabè lista civica Sindaco [8]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Barbara Compagno Zoan lista civica Sindaco [8]
26 maggio 2014 27 maggio 2019 Angelo Canale Clapetto lista civica Per Quincinetto armonia e concordia Sindaco [8]
27 maggio 2019 in carica Angelo Canale Clapetto lista civica Uniti per Quincinetto Sindaco [8]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune faceva parte della Comunità montana Val Chiusella, Valle Sacra e Dora Baltea Canavesana.

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

A Quincinetto gioca la locale squadra di calcio del USD Quinci-Tava, che ha militato nell'annata 2018/2019 nel campionato di calcio di Promozione, girone B.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bilancio demografico anno 2021 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Michele Musso, Imelda Ronco, D'Eischemtöitschu : vocabolario töitschu-italiano, Walser Kulturzentrum, Gressoney-Saint-Jean, ed. Musumeci, Quart, 1998, p. 299.
  5. ^ Storia di Tavagnasco Centro Studi Casalis, Storia Civile E Religiosa di Sac.Carlo Benedetto -Ivrea L.Garda
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ CVA, Gli impianti, su cva-ao.it. URL consultato il 1º novembre 2013 (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2013).
  8. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN246269965 · WorldCat Identities (ENviaf-246269965
  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte