Macello (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Macello
comune
Macello – Stemma
Macello – Bandiera
Macello – Veduta
Macello – Veduta
Il Municipio
Localizzazione
StatoBandiera dell'Italia Italia
Regione Piemonte
Città metropolitana Torino
Amministrazione
SindacoEnrico Scalerandi (lista civica Viviamo Macello - Enrico Scalerandi sindaco) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate44°51′04.1″N 7°23′52.87″E / 44.851139°N 7.39802°E44.851139; 7.39802 (Macello)
Altitudine301 m s.l.m.
Superficie14,14 km²
Abitanti1 162[1] (31-5-2023)
Densità82,18 ab./km²
Comuni confinantiBuriasco, Cavour, Garzigliana, Pinerolo, Vigone
Altre informazioni
Cod. postale10060
Prefisso0121
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT001142
Cod. catastaleE782
TargaTO
Cl. sismicazona 3s (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 721 GG[3]
Nome abitantimacellesi
Patronosanta Maria Maddalena
Giorno festivo22 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Macello
Macello
Macello – Mappa
Macello – Mappa
Localizzazione del comune di Macello nella città metropolitana di Torino.
Sito istituzionale

Macello (Masel in piemontese) è un comune italiano di 1 162 abitanti della città metropolitana di Torino in Piemonte.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il nome potrebbe derivare dall'antica tribù Ligure dei Magelli, anche se mancano prove definitive al riguardo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del paese è incerta; la sua prima menzione sulle carte risale al 1026. Nel XIII secolo, nei pressi del primitivo ricetto, Filippo Principe d'Acaja fece costruire il Castello di Macello. Nei decenni successivi il castello e il borgo cambiarono proprietario diverse volte, finché nel 1396 vennero acquisiti dai Solaro/Solari, famiglia nobile guelfa di Asti, che li conservarono fino all'avvento di Napoleone. Alla fine del XX secolo l'ultima proprietaria, una De Ferrari di Genova, lo cedette ad alcuni soci locali (Ambrosio, Forestiero) che l'hanno valorizzano come sede conviviale.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma e il gonfalone sono stati concessi con decreto del presidente della Repubblica del 30 agosto 1952.[4] Lo stemma si può blasonare d'argento, al leone di rosso, alla fascia d'azzurro, attraversante. Il gonfalone è un drappo partito di rosso e di azzurro.[4]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2004 2009 Bruno Bonetto lista civica Sindaco
2009 2014 Bruno Bonetto lista civica Sindaco II mandato
2014 2019 Christian Bertone lista civica Sindaco
2019 in carica Enrico Scalerandi lista civica Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bilancio demografico mensile anno 2023 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ a b Macello, su Archivio Centrale dello Stato. URL consultato il 25 giugno 2023.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN248318715
  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte