Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Ceres (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ceres
comune
Ceres – Stemma Ceres – Bandiera
Ceres – Veduta
Vista dal Monte Crestà
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Città metropolitanaCittà metropolitana di Torino - Stemma.png Torino
Amministrazione
SindacoDavide Eboli (centro) dal 16-5-2011
Data di istituzione05/06/2016 (secondo mandato)
Territorio
Coordinate45°18′47″N 7°23′19″E / 45.313056°N 7.388611°E45.313056; 7.388611 (Ceres)Coordinate: 45°18′47″N 7°23′19″E / 45.313056°N 7.388611°E45.313056; 7.388611 (Ceres)
Altitudine704 m s.l.m.
Superficie28,05 km²
Abitanti1 019[1] (30-6-2017)
Densità36,33 ab./km²
FrazioniAlmesio, Arveir, Balmassa, Bracchiello, Cernesio, Cesale, Chiamorio, Chiampernotto, Fè, Procaria, Vana, Vernetto, Voragno
Comuni confinantiAla di Stura, Cantoira, Chialamberto, Mezzenile, Monastero di Lanzo, Pessinetto
Altre informazioni
Cod. postale10070
Prefisso0123
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT001072
Cod. catastaleC497
TargaTO
Cl. sismicazona 3A (sismicità bassa)
Cl. climaticazona F, 3 410 GG[2]
Nome abitanticeresini
Patronosanta Maria Assunta
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ceres
Ceres
Ceres – Mappa
Localizzazione del comune di Ceres nella città metropolitana di Torino.
Sito istituzionale

Céres (pronuncia /'ʧerez/ in piemontese, Sérës in francoprovenzale) è un comune italiano di 1 019 abitanti della città metropolitana di Torino, in Piemonte.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Si trova nelle Valli di Lanzo (e più precisamente alla confluenza della Val grande di Lanzo e della Val d'Ala) a nord-ovest rispetto al capoluogo piemontese.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Secondo una tradizione popolare il nome deriverebbe dalla dea delle messi Cerere, raffigurata nello stemma comunale, o dalla abbondanza in loco di ciliegi selvatici (ceresetum). Alcuni studiosi invece sostengono che all'origine ci sia il nome personale latino Cirrus.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 aprile 1577 fu infeudato del territorio, Filippo I d'Este[3].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

In cento anni, dal 1911 ad oggi, il Comune ha perso il 54% dei suoi abitanti.

Abitanti censiti[4]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Ferrovia Torino-Ceres e Stazione di Ceres.

Linea ferroviaria Torino - Ceres[modifica | modifica wikitesto]

Stazione di arrivo della Ferrovia Torino-Ceres.

Molto importante sia per il turismo che per i collegamenti con il capoluogo è la costruzione, poco per volta, della linea ferroviaria Torino-Ceres. I lavori iniziano nel 1868 e nel 1876 la linea viene portata a Lanzo. Nel 1913 l'ingegner Alberto Scotti mette a punto il progetto della ferrovia fino a Ceres e nel 1916 viene completata l'intera linea montana con tratti in pendenza massima al 35%, curve di 200 metri di raggio e lunghezza complessiva di circa 44 km.

Nel 1920 la Torino-Ceres è la prima ferrovia al mondo ad adottare la trazione elettrica a corrente continua ad alta tensione (4000 V).

Una particolare caratteristica della linea ferroviaria è che tutte le stazioni della tratta montana, da quella di Lanzo a quella di Ceres sono state costruite in tipico stile svizzero con pianta rettangolare, sale d'attesa di prima e seconda classe, alloggio per il custode al primo e secondo piano e tetto a quattro spioventi.

Un'altra peculiarità della linea è il viadotto con un'unica luce di 50 metri in cemento armato sulla Stura della Val Grande a Ceres.

Il tratto montano della storica linea delle Valli di Lanzo è stato interrotto a causa dei danni provocati dall'alluvione del 1993; ma nel dicembre del 2006 il treno è finalmente tornato a Ceres su una ferrovia completamente rinnovata.[5]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio
Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2006 2011 Giovanni Battista Poma centro Sindaco
2011 2016 Davide Eboli centro Sindaco
2016 in carica Davide Eboli centro Sindaco
Fontana situata nella piazza principale del comune

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Ceres fa parte dell'Unione dei Comuni montani delle Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone, ex Comunità montana Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio comunale è presente un impianto per la produzione di energia idroelettrica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Gustavo Mola di Nomaglio, Feudi e nobiltà negli stati dei Savoia, Società storica delle valli di Lanzo, 2006, p. 542.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Comune di Ceres

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte