Vistrorio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vistrorio
comune
Vistrorio – Stemma Vistrorio – Bandiera
Vistrorio – Veduta
Veduta paese
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Città metropolitanaCittà metropolitana di Torino - Stemma.png Torino
Amministrazione
SindacoDomenico Ravetto Enri (lista civica Uniti per Vistrorio) dal 22-9-2020
Territorio
Coordinate45°26′N 7°46′E / 45.433333°N 7.766667°E45.433333; 7.766667 (Vistrorio)
Altitudine480 m s.l.m.
Superficie4,68 km²
Abitanti506[1] (31-8-2021)
Densità108,12 ab./km²
Comuni confinantiBaldissero Canavese, Castelnuovo Nigra, Issiglio, Quagliuzzo, Rueglio, Strambinello, Val di Chy, Vidracco
Altre informazioni
Cod. postale10080
Prefisso0125
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT001312
Cod. catastaleM080
TargaTO
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 902 GG[3]
Nome abitantivistoriesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Vistrorio
Vistrorio
Vistrorio – Mappa
Localizzazione del comune di Vistrorio nella città metropolitana di Torino.
Sito istituzionale

Vistrorio (Vistror in piemontese) è un comune italiano di 506 abitanti della città metropolitana di Torino in Piemonte. Si trova in Val Chiusella

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Si fa risalire l'etimologia del nome Vistrorio dal latino Vicus Subterior che indicava fino al XIV secolo il paese distinguendolo da Vicus Superior, l'attuale Vico Canavese.[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma e il gonfalone comunale sono stati concessi con decreto del presidente della Repubblica del 28 settembre 2007.[5]

«Inquartato: il primo e il quarto di argento, all'occhio umano al naturale; il secondo e il terzo di rosso, alla torre d'oro, murata di nero, chiusa e finestrata dello stesso, merlata alla guelfa di tre, fondata in punta. Ornamenti esteriori da Comune.»

Lo stemma appartiene alla memoria storica del paese pur essendo stato formalizzato solo di recente. La figura della torre ricorda il castello, oggi non più esistente, cha ha dato il nome all'omonima località vistroriese. È probabile che l'occhio simboleggi la capacità di controllo sul territorio, offerta dalla posizione strategica del castello, posto un tempo a difesa della popolazione contro i nemici provenienti dalla pianura.[6]

Il gonfalone è un drappo di bianco con la bordatura di rosso

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[8]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
30 aprile 1986 19 aprile 1990 Antonio Favero Gametro - Sindaco [9]
12 luglio 1990 20 novembre 1995 Antonio Favero Gametro Partito Socialista Italiano Sindaco [9]
20 novembre 1995 17 aprile 2000 Franco Torreano centro Sindaco [9]
17 aprile 2000 5 aprile 2005 Franco Torreano lista civica Sindaco [9]
5 aprile 2005 30 marzo 2010 Federico Steffenina lista civica Sindaco [9]
30 marzo 2010 31 maggio 2015 Federico Steffenina lista civica Sindaco [9]
31 maggio 2015 22 settembre 2020 Federico Steffenina lista civica Unità e progresso Sindaco [9]
22 settembre 2020 in carica Domenico Ravetto Enri lista civica Uniti per Vistrorio Sindaco [9]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune ha fatto parte prima della Comunità Montana Val Chiusella e poi della Comunità montana Val Chiusella, Valle Sacra e Dora Baltea Canavesana.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bilancio demografico anno 2021 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Comune di Vistrorio, Storia, su comune.vistrorio.to.it.
  5. ^ Vistrorio (Torino) D.P.R. 28.09.2007 concessione di stemma e gonfalone, su presidenza.governo.it. URL consultato il 27 settembre 2021.
  6. ^ Stemma e gonfalone, su Comune di Vistrorio.
  7. ^ Comune di Vistrorio, Parrocchiale di San Bartolomeo (XIV sec.), su comune.vistrorio.to.it.
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 31-12-2019.
  9. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte