San Secondo di Pinerolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Secondo di Pinerolo
comune
San Secondo di Pinerolo – Stemma San Secondo di Pinerolo – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Città metropolitana Città metropolitana di Torino - Stemma.png Torino
Amministrazione
Sindaco Adriana Sadone (lista civica "Insieme") dal 25/05/2014
Territorio
Coordinate 44°52′N 7°18′E / 44.866667°N 7.3°E44.866667; 7.3 (San Secondo di Pinerolo)Coordinate: 44°52′N 7°18′E / 44.866667°N 7.3°E44.866667; 7.3 (San Secondo di Pinerolo)
Altitudine 413 m s.l.m.
Superficie 12,57 km²
Abitanti 3 615[1] (31-12-2010)
Densità 287,59 ab./km²
Frazioni Miradolo, Airali
Comuni confinanti Bricherasio, Osasco, Pinerolo, Porte, Prarostino, San Germano Chisone
Altre informazioni
Cod. postale 10060
Prefisso 0121
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 001254
Cod. catastale I154
Targa TO
Cl. sismica zona 3s (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 885 GG[2]
Nome abitanti sansecondesi
Patrono San Secondo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Secondo di Pinerolo
San Secondo di Pinerolo
San Secondo di Pinerolo – Mappa
Localizzazione del Comune di San Secondo di Pinerolo nella Città metropolitana di Torino.
Sito istituzionale

San Secondo di Pinerolo (San Scond in piemontese, Seisound in occitano) è un comune italiano di 3.609 abitanti della città metropolitana di Torino, in Piemonte.

Si trova nella fascia pedemontana non lontano da Pinerolo; fa parte della Comunità Montana Pinerolese Pedemontano.[3] San Secondo di Pinerolo è composta dal capoluogo e dalle frazioni di Airali e Miradolo.

Proprio nel castello di Miradolo morì nel 1950 la contessa - pittrice e filantropa - Sofia di Bricherasio del casato dei Cacherano di Bricherasio.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di San Secondo di Pinerolo si trova all'imbocco della valle del torrente Chisone. Il capoluogo, posto ad un'altitudine di 413 m.s.l.m sorge su di una collina posta a sud del torrente, l'altitudine minima del territorio comunale è di 314 m.s.l.m, mentre la massima è di 880 m.s.l.m.

Il territorio comunale, la cui estensione complessiva è di 12,57 km²,[4] confina a nord con i comuni di Porte e Pinerolo, a sud con Bricherasio a est con Osasco e ad ovest con Prarostino e San Germano Chisone.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Posto in posizione collinare, San Secondo di Pinerolo gode di un clima caldo e temperato. La temperatura media annua è di 11,9 °C mentre le precipitazioni medie annue sono di 784 mm.[5]

Di seguito si riporta una tabella riassuntivi dei principali dati meteorologici:[5]

Mese Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 5,7 7,8 12,2 16,5 20,9 24,3 27,3 26,2 22,8 16,9 10,5 6,8 6,8 16,5 25,9 16,7 16,5
T. mediaC) 2,0 3,8 7,6 11,4 15,5 18,9 21,6 20,9 17,9 12,6 6,9 3,3 3,0 11,5 20,5 12,5 11,9
T. min. mediaC) −1,6 −0,1 3,0 6,3 10,2 13,6 16,0 15,6 13,0 8,3 3,4 −0,2 −0,6 6,5 15,1 8,2 7,3
Precipitazioni (mm) 40 50 62 79 91 79 47 65 69 80 74 48 138 232 191 223 784

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Non vi sono notizie sull'origine del paese. Esso prende il nome da San Secondo, martire della legione tebana, che è anche patrono del paese.[6][7][8]

Le prime fonti scritte riguardano il basso Medioevo, epoca nella quale compare il termine "Miradolium", riferito alla fortezza dipendente dall'abbazia di Santa Maria di Pinerolo. In quel periodo, infatti, era Miradolo il nucleo principale, e non il borgo di San Secondo.[9]

Quella fortezza fu teatro di violenti scontri armati, fino ad essere distrutta a fine Cinquecento durante i combattimenti fra le truppe francesi e quelle sabaudo-ispaniche. Nel corso dell'età moderna, invece, Miradolo iniziò la sua fase discendente, a vantaggio di San Secondo, che divenne sede di una contea infeudata ai conti Bianco.[9] Nel Seicento venne toccata dalle guerre di religione tra cattolici e valdesi, mentre nel Settecento, quando gli scontri si placarono, San Secondo fu protagonista di un deciso sviluppo. La popolazione crebbe e si affermò la lavorazione del vasellame in terracotta (i "tupin"), che la resero famosa nel circondario. Durante l'Ottocento quest'attività crebbe ancora, sino a poter contare su 14 manifatture, che ricavavano l'argilla da apposite cave e che commerciavano i propri prodotti in tutto il Piemonte.[9]

Con il dopoguerra e l'introduzione di nuovi materiali per la realizzazione dei vasi, la principale industria del paese andò in crisi e il tessuto produttivo locale dovette riqualificarsi negli anni sessanta e settanta in nuove attività manifatturiere e commerciali che si concentrarono prevalentemente nella zona di Airali, la parte più pianeggiante del territorio comunale.[9]

Il paese ha quindi conosciuto un profondo sviluppo ed incremento demografico, con la costruzione di nuove zone residenziali unite ad alcune scelte discutibili come l'abbattimento nel centro di San Secondo del castello dei conti Bianco.[9]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il castello di Miradolo.

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Secondo[modifica | modifica wikitesto]

La prima menzione documentaria con questo nome risale al 1368. Fu gravemente danneggiata durante gli scontri armati fra cattolici e riformati, in particolare intorno alla metà del Seicento[9]. Proprio per i danni riportati, nonché per l'incuria da parte della comunità e per l'inadeguatezza degli spazi, nel 1710 si inizia a pensare a lavori di riparazione alla chiesa ed alla casa parrocchiale. Nel 1743 iniziano, a spese della comunità, i lavori di ricostruzione della nuova porta della chiesa e della facciata. Nuovi danneggiamenti, soprattutto alla copertura, si hanno nel 1749, a causa del forte vento. La chiesa venne ricostruita in stile barocco nel 1773 ad opera dell'architetto Giuseppe Girolamo Buniva.[3] Per quel che riguarda l'interno, nel 1749, anno della visita del vescovo Giovanni Battista d'Orleans de Saint-Innocent, risultano sette cappelle: sul lato sinistro rispetto all'ingresso quelle di S. Antonio abate "dei vasai", di S. Giovanni Battista, di S. Cristoforo, di S. Lucia; a destra quelle di S. Giuseppe, di S. Anna e del Rosario (spettante all'omonima compagnia). Nel 1768, nel corso di una successiva visita pastorale, il vescovo d'Orlié denuncia l'incuria dell'edificio e l'inadeguatezza degli spazi.

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Castello di Miradolo[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio senz'altro più rilevante è il castello di Miradolo, situato ne pressi del torrente Chisone.Posto all'inizio della vallata, venne demolito a fine cinquecento nella guerra franco-sabauda, attualmente il castello è un edificio neogotico di tipo residenziale completato da un vasto parco.[10]

Altri edifici[modifica | modifica wikitesto]

Nel centro storico sono presenti ancora edifici del XVIII secolo e un antico pozzo che nel tempo è diventato simbolo del paese. Degne di nota sono anche la chiesa settecentesca della confraternita della santissima Trinità e un tempio valdese inaugurato nel 1958.[3] Sul territorio comunale sono poi presenti inoltre numerosi edifici di culto, nonché alcune cappelle e piloni devozionali.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[11]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2014 la popolazione straniera residente era di 88 persone, pari al 2,43% della popolazione comunale. Le nazionalità sono complessivamente 18[12]; quelle maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Persone legate a San Secondo di Pinerolo[modifica | modifica wikitesto]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

Nel comune di San Secondo sono presenti una scuola materna privata, le scuole elementari e le scuole medie.[3]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Miradolo[modifica | modifica wikitesto]

La frazione è posta a nord del capoluogo, alle pendici della collina su cui sorge San Secondo. Menzionato già nell'XI secolo (1064), Miradolo era il centro abitato principale del territorio, sede dell'omonimo castello costruito in posizione tale da dominare la zona strategica di sbocco in pianura della val Chisone.[10]

Degna di menzione è la chiesa parrocchiale di Santa Maria, risalente al settecento e la ottocentesca villa della poetessa Colombini,[10]

Airali[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppatasi attorno a poche case sparse e alla chiesa di San Giovanni Battista databile al tardo XVII secolo, è la sede principale delle attività commerciali e industriali del comune. Essa sorge sulla parte pianeggiante del territorio comunale lungo la strada comunale che conduce in val Pellice.[10]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
5 giugno 1985 7 giugno 1990 Mario Avondetto Partito Comunista Italiano Sindaco [13]
7 giugno 1990 24 aprile 1995 Giorgio Ronco Partito Comunista Italiano Sindaco [13]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Luciano Martinat centro Sindaco [13]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Luciano Martinat centro-sinistra Sindaco [13]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Paolo Cozzo lista civica Sindaco [13]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Paolo Cozzo lista civica Sindaco [13]
11 giugno 2014 in carica Adriana Sadone lista civica: insieme Sindaco [13]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

San Secondo di Pinerolo è gemellato con

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ormai servito unicamente dal trasporto stradale, fra il 1882 e il 2012 l'abitato era servito da una fermata posta posta lungo la ferrovia Pinerolo-Torre Pellice.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ a b c d e San Secondo - Comune di San Secondo di Pinerolo, su www.comune.sansecondodipinerolo.to.it. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  4. ^ a b c San Secondo di Pinerolo TO, su Tuttitalia.it. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  5. ^ a b Clima: San Secondo di Pinerolo - Grafico climatico, Grafico della temperatura, Tabella climatica - Climate-Data.org, su it.climate-data.org. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  6. ^ San Secondo di Pinerolo TO, su Tuttitalia.it. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  7. ^ Comune di San Secondo di Pinerolo, su Comuni-Italiani.it. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  8. ^ Comune di San Secondo di Pinerolo,Corriere.it, su san-secondo-di-pinerolo.corriere.it. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  9. ^ a b c d e f Storia - Comune di San Secondo di Pinerolo, su www.comune.sansecondodipinerolo.to.it. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  10. ^ a b c d Frazioni - Comune di San Secondo di Pinerolo, su www.comune.sansecondodipinerolo.to.it. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  11. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  12. ^ Statistiche demo istat, demo.istat.it.
  13. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • San Secondo di Pinerolo, Immagini e storia di un paese del Piemonte, Cuneo 2002.
  • E.Biaggi, Castellania di Miradolo e contea di San Secondo nella storia del vecchio Piemonte, Pinerolo 1988.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN239238399
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte