Cavagnolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cavagnolo
comune
Cavagnolo – Stemma Cavagnolo – Bandiera
Cavagnolo – Veduta
La facciata della Chiesa di San Secondo al Cimitero.
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Città metropolitanaCittà metropolitana di Torino - Stemma.png Torino
Amministrazione
SindacoAndrea Gavazza (lista civica Adesso! Cavagnolo) dal 12-6-2017
Territorio
Coordinate45°09′N 8°03′E / 45.15°N 8.05°E45.15; 8.05 (Cavagnolo)
Altitudine155 m s.l.m.
Superficie12,33 km²
Abitanti2 284[1] (31-8-2021)
Densità185,24 ab./km²
FrazioniBricchetto, Casa Are, Casa Mosso, Casa Ostino, Casa Porta, Montechiaro, Piana, Pomaretto, Praie, Punto Verde, Scallaro, Valentino, Valminore, Villa
Comuni confinantiBrusasco, Lauriano, Monteu da Po, Moransengo (AT), Tonengo (AT)
Altre informazioni
Cod. postale10020
Prefisso011
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT001069
Cod. catastaleC369
TargaTO
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 619 GG[3]
Nome abitanticavagnolesi
Patronosant'Eusebio
Giorno festivo1º agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cavagnolo
Cavagnolo
Cavagnolo – Mappa
Localizzazione del comune di Cavagnolo nella città metropolitana di Torino.
Sito istituzionale

Cavagnolo (Cavagneul in piemontese) è un comune italiano di 2 284 abitanti della città metropolitana di Torino in Piemonte. È situato all'estrema punta orientale della città metropolitana di Torino, sulle colline del Monferrato settentrionale, a 47 chilometri ad est da Torino.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune ha un'estensione di 12,37 km². Essendo situato nel Monferrato settentrionale, ha la maggior parte del suo territorio collinare; la maggiore densità abitativa, tuttavia, si raggiunge in pianura, nella frazione di Pomaretto. Il comune è attraversato per un breve tratto dal fiume Po e dai rii Trincavenna e Santa Fede. Cavagnolo confina con i comuni di Brusasco, Lauriano e Monteu da Po (della Città metropolitana di Torino) e Moransengo e Tonengo (nella provincia di Asti).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'origine del toponimo è incerta. Potrebbe derivare dal celta Cabanne, "piccola e bassa casa con annesso piccolo podere" oppure dal latino Cabannolum, "capanna, riparo". Se si dà credito all'origine celta del toponimo, il territorio dell'odierno comune potrebbe essere stato occupato già in età pre-romana dalle popolazioni celtiche del luogo. Il sito fu poi occupato dai romani.

Dopo alla caduta dell'Impero d'Occidente, come il resto dei territori piemontesi, passò sotto le successive dominazioni di Odoacre, degli ostrogoti, dei bizantini, dei longobardi, dei franchi e del regno d'Italia parte del Sacro Romano Impero. A fine IX secolo, Cavagnolo entrò a far parte della Marca d'Ivrea. A fine XI, passò nei possedimenti della diocesi di Vercelli. Quest'ultima alcuni anni dopo lo diede in fondo a Guglielmo IV degli Aleramici. Tale possesso fu confermato nel 1164 dall'imperatore Federico I Barbarossa, che concesse a Guglielmo V marchese del Monferrato il titolo di conte di Cavagnolo e signore di Scallaro. In questi tempi l'insediamento si concentrava nei pressi del castello in collina, di cui oggi sono visibili alcuni ruderi. Nel 1215 Guglielmo VI lo cedette al vescovo di Vercelli Uguccione, quale compenso per aver scongiurato una guerra incombente tra i vercellesi e il medesimo Guglielmo. Nel 1224, tuttavia, Cavagnolo ritornò sotto il Monferrato. In questo tempo si vide questo comune governato dai signori vassalli di Guglielmo, i quali non portavano altro nome che quello di signori del luogo: essi formavano una specie di consiglio comunale a cui era affidato il compito di dirimere le piccole questioni che sorgevano tra gli abitanti del luogo. Nella metà del XII secolo i monaci benedettini di Sainte-Foy-de-Conque fondarono nell'odierno territorio comunale l'abbazia di Santa Fede. Nel 1333 Cavagnolo ritornò alle dipendenze del vescovo di Vercelli.

Nella Galleria delle carte geografiche dei Palazzi Vaticani, realizzata tra 1580 e 1585, Cavagnolo viene nominata con il nome di Cabannolum.

Nel 1612, con la morte del duca di Mantova e del Monferrato Francesco IV Gonzaga, si accese una grave questione tra il duca di Savoia Carlo Emanuele I e la regno di Spagna di Filippo III. Dopo vari conflitti, Vittorio Amedeo I giunse con il trattato di Cherasco del 6 aprile 1631 a estendere i propri domini, acquisendo tra gli altri anche Cavagnolo, che entrò a far parte del ducato sabaudo. Da quell'epoca sino alla caduta di Napoleone I, Cavagnolo fece parte della provincia di Asti. Ritornato in Piemonte con la Restaurazione, il duca di Savoia, ora regno di Sardegna, assegnò Cavagnolo alla provincia di Torino. Nel corso di questi secoli l'insediamento si estese dalla collina alle zone di pianura.

Nel 1900 a Cavagnolo fu fondata una Cassa Rurale Internazionale, la prima in tutta Italia. Nel 1912 fu inaugurata la Stazione di Cavagnolo-Brusasco sulla linea che univa Asti a Chivasso. Nel 1928, Benito Mussolini unì Cavagnolo ai paesi limitrofi Brozolo, Brusasco, Marcorengo (oggi frazione del comune di Brusasco) e Moransengo[4] nel comune di Brusasco-Cavagnolo. Nel 1957 Cavagnolo riacquistò l'autonomia dai comuni limitrofi. Il comune ospitò uno degli stabilimenti italiani dell'Eternit.

Cavagnolo ha dato i natali al servo di Dio Casimiro Barello (1857-1884), che si incamminò in pellegrinaggio da Cavagnolo ad Alcoy in Spagna.[5]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del comune è costituito da uno scudo diviso da una linea orizzontale: nella parte superiore è rappresentata un'aquila su sfondo blu, stante per la fondazione dell'insediamento in epoca romana; nella parte inferiore è rappresentata una capanna, richiamante l'origine del toponimo. I colori cavagnolesi sono tradizionalmente il blu e il giallo.

Lo stemma del comune di Brusasco-Cavagnolo era invece costituito da uno scudo, di sfondo nero, occupato da una fenice d'argento fissante quattro stelle poste nell'angolo superiore sinistro del blasone.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Abbazia di Santa Fede e Chiesa di San Secondo al Cimitero.

L'Abbazia di Santa Fede, costruita nel XII secolo, è una testimonianza significativa dell'arte romanica in Piemonte. Una tradizione locale cita San Mauro come fondatore dell'abbazia. Molto probabilmente l'abbazia fu eretta dai monaci benedettini di Sainte-Foy in Francia intorno al 1100. La più antica testimonianza riguardante l'abbazia risale al 1281. Nel 1477 l'abbazia fu eretta a priorato dal vescovo di Casale Monferrato. Nel 1728, viste il pessimo stato del complesso, Paolo Coardi finanziò la ristrutturazione della chiesa. Durante i secoli, la chiesa venne sconsacrata e riconsacrata più volte e utilizzata per vari scopi (fu per certo tempo stalla e porcile). La chiesa, in mattoni e pietra arenaria, presenta una facciata a capanna e all'interno tre navate. L'ingresso è costituito da un portone sovrastato da un timpano, rappresentante i vizi e le virtù umane e figure zoomorfe e floreali. All'interno, le navate sono scandite da pilastri. In fondo all'abbazia si trova l'altare e l'abside. Unica fonte di luce sono alcune fessure nelle pareti e una bifora in pietra con archi a tutto sesto situata sopra il portone d'ingresso. L'abbazia fa parte del percorso turistico Rete Romanica in Collina.[6]

Oltre all'abbazia, da segnalare è la chiesa di San Secondo al Cimitero, vecchia chiesa parrocchiale fondata prima del 1000.[7] Sul territorio comunale, oltre alle già citate abbazia di Santa Fede e chiesa di San Secondo, sono presenti altre cinque chiese: la chiesa parrocchiale di Santa Maria Ausiliatrice in frazione Pomaretto, la chiesa di San Defendente in frazione Casa Are, la chiesa di Santa Liberata in frazione Casa Porta, la chiesa di San Lorenzo in frazione Scallaro e la chiesa di San Rocco in frazione Villa.

In collina sono presenti i ruderi del castello, la cui costruzione potrebbe risalire tra il 1164 e il 1167, anno in cui Federico I Barbarossa rase al suolo la fortezza e il borgo della vicina Verrua Savoia.

Di particolare interesse sono il municipio, che presenta alcuni affreschi, Villa Martini, una residenza sulle colline cavagnolesi appartenuta ad Alessandro Martini, e l'ex Asilo Martini, un complesso scolastico oggi adibito a spettacoli teatrali, rassegne culturali, concorsi e mostre, e la stazione ferroviaria.

Il territorio di Cavagnolo ricade nella riserva della biosfera UNESCO del Parco del Po Torinese e delle Colline del Po.[8]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[9]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2017, i cittadini stranieri residenti a Cavagnolo sono 119[10], così suddivisi per nazionalità, elencando per le presenze più significative[11]:

  1. Romania, 62

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

Specialità del paese sono i "cavagnolesi", dolci a base di nocciola e cacao e venduti nel caratteristico involucro rosso.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di Cavagnolo-Brusasco, attiva fra il 1912 e il 2011, era posta lungo la cessata ferrovia Chivasso-Asti.

Tra il 1883 e il 1949 il comune ospitò una fermata della Tranvia Torino-Chivasso/Brusasco.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1957 1970 Evasio Faletti Sindaco
1970 1973 Ing. Squillero Sindaco
1973 1985 Remigio Lazzaro Sindaco
3 giugno 1985 15 maggio 1990 Remigio Lazzaro Democrazia Cristiana Sindaco
15 maggio 1990 24 aprile 1995 Mario Corsato Partito Comunista Italiano Sindaco
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Mario Corsato Indipendente Sindaco
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Mario Corsato lista civica Sindaco
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Franco Giovanni Sampò lista civica Sindaco
8 giugno 2009 20 giugno 2011 Franco Giovanni Sampò lista civica Sindaco
20 giugno 2011 7 maggio 2012 Paolo Accardi[12] - Commissario prefettizio
7 maggio 2012 12 giugno 2017 Mario Corsato lista civica Unione Cavagnolese Sindaco
12 giugno 2017 in carica Andrea Gavazza lista civica Adesso! Cavagnolo Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bilancio demografico anno 2021 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ AA.VV. (Ministero della giustizia e degli affari di culto), Bollettino ufficiale legislazione e disposizioni ufficiali, Libreria dello Stato, 1930, p. 143. URL consultato il 12 aprile 2021.
  5. ^ Personaggi illustri, Beato Casimiro Barello - Portale Turistico del Comune di Cavagnolo , consultato il 19/05/2021
  6. ^ L'Abbazia di Santa Fede - Portale Turistico del Comune di Cavagnolo , consultato il 19/05/2021
  7. ^ Parrocchia dei SS. Eusebio e Secondo - Portale Turistico del Comune di Cavagnolo , consultato il 19/05/2021
  8. ^ Po e collina Torino Riserva Biosfera ANSA, 19 marzo 2016
  9. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  10. ^ Dato Istat al 31 dicembre 2017, su demo.istat.it. URL consultato il 28 agosto 2018.
  11. ^ Dati superiori alle 20 unità
  12. ^ DETERMINAZIONE ALIQUOTE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA – I.M.U.- ANNO 2012, decreto del commissario prefettizio 35/2012, on-line su www.comune.cavagnolo.to.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN131663184
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte