Marca d'Ivrea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Marca d'Ivrea, nota anche come Marca d'Italia, era una marca di età carolingia, costituita nel IX secolo con capitale Ivrea, nell'Italia settentrionale, tra il Regno di Borgogna e il Regno Italico, venne retta dagli Anscarici. Essa venne costituita nell'888 da Guidone da Spoleto che aveva diviso in due parti il ducato di Neustria rispettivamente in Marca Langobardia[non chiaro] e appunto Marca d'Italia[1]. Al momento dell'istituzione comprendeva le Contee di Acqui, Alba, Asti, Torino, Vercelli, Pombia (Novara), Burgaria (nel Vigevanese) e naturalmente Ivrea. Nel loro complesso tutti questi territori corrispondevano grosso modo all'attuale Piemonte, più alcuni lembi della Lombardia e della Liguria.

Nel 941 parte del territorio venne ceduto alla Marca di Torino.

Marchesi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tornato in Italia nell'888, Guido di Spoleto divise il ducato dell'Italia Neustria in due marche: di "Langobardia", e "d'Italia"; come da Lemma dell'Enciclopedia Treccani Marca d'Italia in [1]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Marca d'Ivrea, in Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana.