Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Ozegna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ozegna
comune
Ozegna – Stemma
Il castello di Ozegna
Il castello di Ozegna
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Città metropolitana di Torino - Stemma.png Torino
Amministrazione
Sindaco Enzo Giacomo Francone (lista civica) dal 16-5-2011
Territorio
Coordinate 45°21′N 7°45′E / 45.35°N 7.75°E45.35; 7.75 (Ozegna)Coordinate: 45°21′N 7°45′E / 45.35°N 7.75°E45.35; 7.75 (Ozegna)
Altitudine 300 (min 277 - max 307) m s.l.m.
Superficie 5,41 km²
Abitanti 1 224[1] (31-12-2014)
Densità 226,25 ab./km²
Comuni confinanti Agliè, Bairo, Castellamonte, Ciconio, Rivarolo Canavese, San Giorgio Canavese
Altre informazioni
Cod. postale 10080
Prefisso 0124
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 001176
Cod. catastale G202
Targa TO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti ozegnesi
Patrono Natività di santa Maria Vergine
Giorno festivo 8 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ozegna
Ozegna
Localizzazione del comune di Ozegna nella città metropolitana di Torino.
Localizzazione del comune di Ozegna nella città metropolitana di Torino.
Sito istituzionale

Ozegna (Osegna in piemontese, pronuncia IPA [ʊ'zeŋa]) è un comune italiano di 1 224 abitanti della città metropolitana di Torino, in Piemonte.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'8 luglio 1944 la piazza di Ozegna fu teatro di uno scontro a fuoco tra partigiani della brigata Matteotti e militi della Xª Flottiglia MAS in cui morirono undici soldati dell'esercito della RSI, tra cui il Comandante Umberto Bardelli, sette partigiani e un civile.[2] Lo scontro fu causato dai partigiani, che aspettando di essere in superiorità numerica aprirono il fuoco contro i soldati della Xª MAS in parte disarmati. Al comandante Bardelli furono strappati anche due denti d'oro.[3]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello di Ozegna
  • Santuario della Madonna del Bosco : il 21 giugno 1623 appariva la Beata Vergine a un ragazzo sordo-muto, di 15 anni circa, mentre si trovava nelle campagne vicino al Fiume Orco, impegnato nella fienagione. Il ragazzo dopo la visione riacquistò la parola : da allora, se pur in tono minore, è diventato luogo sacro e di pellegrinaggio. Dalla popolazione locale, l'apparizione viene ricordata e solennizzata nella giornata del 15 agosto di ogni anno, con la celebrazione di tre funzioni liturgiche (1° alle ore 08,00; 2° alle ore 11,00 e la 3° alle ore 18,00), mentre da una settimana prima tutte le sere si celebra una funzione liturgica serale, concludendo il percorso di fede nella serata del 14 agosto con una processione nei dintorni del Santuario

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Persone legate a Ozegna[modifica | modifica wikitesto]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
3 giugno 1985 21 maggio 1990 Paolo Ziano lista civica Sindaco [5]
21 maggio 1990 24 aprile 1995 Ivo Chiarabaglio Democrazia Cristiana Sindaco [5]
24 aprile 1995 8 gennaio 1997 Ivo Chiarabaglio - Sindaco [5]
4 dicembre 1997 2 gennaio 1998 Marita Bevilacqua Comm. pref. [5]
2 gennaio 1998 14 maggio 2001 Ivo Chiarabaglio - Sindaco [5]
14 maggio 2001 30 maggio 2006 Claudio Nepote-fus centro-sinistra Sindaco [5]
30 maggio 2006 16 maggio 2011 Ivo Chiarabaglio lista civica Sindaco [5]
16 maggio 2011 in carica Enzo Giacomo Francone lista civica: seri e concreti Sindaco [5]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione ad inizio Novecento

Fra il 1887 e il 1986 Ozegna era servita da una stazione ferroviaria, posta lungo la ferrovia Rivarolo-Castellamonte, caratterizzata da una pensilina in ghisa e di una saletta di attesa soprannominata "reale" realizzate in origine a beneficio dei Duchi di Genova per recarsi nel proprio castello ducale di Agliè[6].

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sergio Nesi, Ozegna, 8 luglio 1944. Cronaca di una inutile strage, Lo Scarabeo, Bologna, 2008 ISBN 8884781167
  • Martino Chiara, Roberto Flogisto, Enzo Morozzo, Da Eugenia a Ozegna (Edigraph, Chieri 1980);

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2014.
  2. ^ Targa commemorativa sul posto.
  3. ^ Articolo storico
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/
  6. ^ Nico Molino, La ferrovia del Canavese, Elledi, 1986, p. 7. ISBN 88-7649-043-4
Controllo di autorità VIAF: (EN248745235
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte