Salza di Pinerolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Salza di Pinerolo
comune
Salza di Pinerolo – Stemma Salza di Pinerolo – Bandiera
Salza di Pinerolo – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Città metropolitanaCittà metropolitana di Torino - Stemma.png Torino
Amministrazione
SindacoFranco Sanmartino (lista civica) dal 14/06/2004
Territorio
Coordinate44°56′N 7°03′E / 44.933333°N 7.05°E44.933333; 7.05 (Salza di Pinerolo)Coordinate: 44°56′N 7°03′E / 44.933333°N 7.05°E44.933333; 7.05 (Salza di Pinerolo)
Altitudine1 210 (min 1 008 - max 2 886) m s.l.m.
Superficie15,89 km²
Abitanti74[1] (31-5-2021)
Densità4,66 ab./km²
FrazioniDidiero, Coppi, Inverso, Campoforano, Serre, Meynier, Missiera, Fontane, Serrevecchio
Comuni confinantiMassello, Perrero, Pragelato, Prali
Altre informazioni
Cod. postale10060
Prefisso0121
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT001234
Cod. catastaleH734
TargaTO
Cl. sismicazona 3s (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona F, 4 169 GG[3]
Nome abitantisalzini
Giorno festivo8 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Salza di Pinerolo
Salza di Pinerolo
Salza di Pinerolo – Mappa
Localizzazione del Comune di Salza di Pinerolo nella Città metropolitana di Torino.
Sito istituzionale

Salza di Pinerolo (Salsa in piemontese, Salso in occitano[4]) è un comune italiano di 74 abitanti della città metropolitana di Torino, in Piemonte.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Edifici tradizionali in frazione Campo La Salza

Situato in un vallone laterale della Valle Germanasca, faceva parte della Comunità Montana Valli Chisone e Germanasca.

Poco a monte dell'abitato di Didiero, in destra idrografica, si sviluppa la cosiddetta Abetina di Salza, un particolare bosco misto di abete bianco, albero piuttosto raro nelle Alpi Occidentali.

Da segnalare anche i numerosi murales sparsi per il paese dedicati ad alcuni grandi cantautori italiani.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del comune di Salza di Pinerolo è stato concesso con decreto del presidente della Repubblica del 2 marzo 2007.[5]

«Troncato: il primo, di verde, ai due picconi, con i ferri al naturale e i manici di rosso, decussati in basso; il secondo, di azzurro, alla montagna di verde, innevata di argento alla sommità, fondata in punta, con sei abeti di verde, nodriti sui declivi, tre a destra, tre a sinistra. Ornamenti esteriori da Comune.»

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

  • Festa dei Roudun
  • Festa Patronale (8 settembre)
  • Salza Music

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il paese è diviso in diverse frazioni: Didiero (capoluogo), Campoforano, Coppi, Serre, Inverso, Meynier, Fontane e Serrevecchio.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Il municipio

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
20 giugno 1985 29 maggio 1990 Corrado Sanmartino dem.prol Sindaco [7]
29 maggio 1990 24 aprile 1995 Bruno Enrico Breuza Partito Comunista Italiano Sindaco [7]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Bruno Enrico Breuza centro-sinistra Sindaco [7]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Bruno Enrico Breuza lista civica Sindaco [7]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Franco Sanmartino lista civica Sindaco [7]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Franco Sanmartino lista civica Sindaco [7]
26 maggio 2014 in carica Ezio Sanmartino lista civica: per Salza Sindaco [7]

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica wikitesto]

Il comune faceva parte della Comunità Montana Valli Chisone e Germanasca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 maggio 2021 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Chambra d'Òc, "C. M. del Pinerolese", Minoranze Linguistiche Storiche in Piemonte L.482/99
  5. ^ Salza di Pinerolo (Torino) D.P.R. 02.03.2007 concessione di stemma e gonfalone, su presidenza.governo.it. URL consultato il 26 settembre 2021.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte